Antonio Ascenzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonio Ascenzi (Boulogne-sur-Mer, 4 maggio 1915Albano Laziale, 1990) è stato un paleontologo, anatomopatologo e accademico italiano. È considerato la figura più importante nella paleopatologia italiana.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laureò nel 1940 in medicina e chirurgia all'Università La Sapienza di Roma, e qui trascorse gran parte della sua carriera accademica, come professore di anatomia e istologia patologica (1951-1959, 1968-1985), antropologia (1960), e paleontologia umana (1960-63).[2] Insegnò anche anatomia e istologia patologica all'Università di Pisa tra il 1960 e il 1963 e nuovamente nel 1966.[2]

Ebbe notorietà internazionale grazie all'Homo cepranensis, il cui cranio fu scoperto dalla sua equipe nel 1994.[1] Furono inoltre degne di nota le sue ricerche sulla mummia neolitica di Uan Muhugging in Libia, e sulla mummia di Grottarossa.[1] Pubblicò numerosi studi e ricerche su autorevoli riviste internazionali.[1][2]

Nel 1964 fu insignito del premio Feltrinelli per le scienze mediche con indirizzo morfologico.[1][3] Nel 1987 fu nominato socio nazionale dell'Accademia Nazionale dei Lincei.[1] Fu inoltre membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione dal 1966 al 1970[1] e presidente dell'Istituto Italiano di Paleontologia Umana (IIPU) dal 1975 al 2000.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Gino Fornaciari, Cenni di storia della Paleopatologia, in Medicina nei secoli, 25 (1), Settembre 2013, pp.15-16.
  2. ^ a b c Claudio Massenti, "Ascenzi, Antonio", in Enciclopedia Italiana, Appendice V, Treccani, 1991.
  3. ^ Premi Feltrinelli 1950-2011, su Accademia Nazionale dei Lincei. URL consultato il 20 settembre 2019.
  4. ^ .:Isipu Storia: Antonio Ascenzi, su Isipu.org. URL consultato il 3 ottobre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27193314 · ISNI (EN0000 0000 6155 9829 · SBN IT\ICCU\RAVV\079112 · LCCN (ENn80164764 · BNF (FRcb12794845n (data) · BAV (EN495/123177 · WorldCat Identities (ENlccn-n80164764