Giovanni Moruzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Moruzzi (Parma, 19 novembre 1904Bologna, 10 aprile 1990) è stato un biochimico e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò all'Università di Parma, laureandosi in chimica nel 1927 e in farmacia l'anno successivo.[1] Iniziò la sua carriera accademica nella sua Alma Mater, prima come assistente e nel 1934 come professore di Chimica Biologica.[2] Nel 1939 conseguì una nuova laurea, in medicina e chirurgia, e nel 1942 fu nominato dall'Università di Bologna professore di Chimica Biologica presso la facoltà di medicina e chirurgia, fondando lo stesso anno l'Istituto di Chimica Biologica di Bologna, che diresse per 36 anni.[1][2]

Ebbe notorietà internazionale grazie alle ricerche compiute insieme al premio Nobel Richard Kuhn sulle lactoflavine, pubblicate nella metà degli anni '30.[1] Furono inoltre di grande rilievo le sue ricerche nel campo delle poliammine alifatiche naturali, dei fattori proteici animali (FPA), della biochimica della nutrizione (in particolare gli studi riguardanti la sindrome di Kwashiorkor) e dell'ormone ipofisario corticotropo (ACTH).[1]

Nel 1959 fu insignito del premio Feltrinelli per la medicina.[1][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Claudio Marcello Caldarera, "Moruzzi, Giovanni", in Dizionario biografico degli italiani, Volume 77, Treccani, 2012.
  2. ^ a b Amos Casti, La Scuola biochimica bolognese di Giovanni Moruzzi, in Medicina e Chirurgia, n. 58, Giugno 2013, DOI:10.4487. URL consultato il 12 novembre 2020.
  3. ^ Premi Feltrinelli 1950-2011, su Accademia Nazionale dei Lincei. URL consultato il 20 settembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7450816 · SBN IT\ICCU\CFIV\110589 · LCCN (ENn90691816 · BNF (FRcb122774528 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n90691816