Giovanni Di Guglielmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Di Guglielmo

Giovanni Di Guglielmo (San Paolo, 22 settembre 1886Roma, 16 febbraio 1962) è stato un ematologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Brasile da genitori originari di Andretta, paese della provincia di Avellino, ritornò definitivamente in Italia all'età di sei anni. Laureatosi in Medicina nel 1911 a Napoli, vi ritornò nel 1912, dopo un tirocinio medico di 6 mesi in Brasile, ove ancora vivevano i suoi genitori; conseguita nel 1916 a Napoli la libera docenza in Patologia Speciale Medica dedicò, sotto la guida del Professor Adolfo Ferrata, gran parte dei suoi interessi allo studio dell'ematologia. A lui si deve la scoperta della eritremia acuta, che porta il suo nome: rara malattia neoplastica caratterizzata dalla abnorme proliferazione di eritroblasti nel midollo osseo.

Dopo la I guerra mondiale, alla quale partecipò come ufficiale medico, fu aiuto di Clinica Medica nelle Università di Napoli (1921), Messina (1921-1922), Siena (1922-19224) e Pavia (1924-1927).

Fu docente di Patologia medica a Modena (1927-1928) e Pavia (1927-1931)e di Patologia Medica e di Clinica medica a Catania (1931-1938) e a Napoli (1938-1951) ove fu anche preside della facoltà di Medicina e Chirurgia. Concluse la sua attività come Direttore della Clinica medica dell'Università di Roma (1951-1956). Fu anche Presidente delle Società Italiana, Europea e Internazionale di Ematologia

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Gli furono conferite:

  • lauree "honoris causa" presso le Università di Friburgo e di Santiago del Cile,
  • la Legion d'onore della Repubblica Francese,
  • il Premio internazionale Riberi,
  • il Premio Nazionale Feltrinelli dell'Accademia dei Lincei

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bain BJ: Di Guglielmo and his syndromes. British Journal of Haematology. Volume 120 Issue 6 Page 939-943, March 2003 [1]
  • Lacaz Cda S.: Giovanni di Guglielmo (1886-1961). Rev Hosp Clin Fac Med Sao Paulo. 1976 Nov-Dec;31(6):427-28.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN308203902