Luigi Dallapiccola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Dallapiccola nel 1972

Luigi Dallapiccola (Pisino, 3 febbraio 1904Firenze, 19 febbraio 1975) è stato un compositore e pianista italiano.

Fu tra i primi in Italia ad approdare, sul finire degli anni trenta, alla dodecafonia[1]. Le sue composizioni sono caratterizzate da intenso lirismo e da profondi contenuti spirituali e ideali.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Firma

Dallapiccola nacque a Pisino nell'allora Austria Ungheria e oggi in Croazia, un piccolo paese nel centro dell'Istria, da genitori di origini trentine. Trascorse l'infanzia nella sua città natale, mentre più tardi fu a Graz, con la sua famiglia internata durante la prima guerra mondiale: il padre, direttore di un liceo italiano di Pisino, era ritenuto "elemento sovversivo" e "politicamente infido" dall'amministrazione austro-ungarica, e in quanto tale fu obbligato al confino. Malgrado le indubbie difficoltà patite durante il confino, il piccolo Luigi ebbe modo di assistere a numerose rappresentazioni d'opera presso il teatro della città stiriana, e furono proprio le suggestioni ricevute durante quelle rappresentazioni (in particolare quelle ricevute dalle opere wagneriane) che lo convinsero a voler diventare lui stesso un compositore.

Alla fine del conflitto, una volta rientrato nella natìa Pisino, iniziò gli studi musicali nella vicina Trieste sotto la guida di Alice Andrich Florio e Antonio Illersberg; è grazie a quest'ultimo che Dallapiccola "scopre", nel 1921, il "Manuale di armonia" di Arnold Schönberg, un incontro che segnerà profondamente tutta la sua vita, al punto che in anni più tardi, commentando questa sua prima lettura del testo schoenberghiano, Dallapiccola evocherà James Joyce citando la sua celebre frase "How life begins".

Dopo aver conseguito la licenza liceale, nel 1922 si trasferì a Firenze (città in cui da allora risiedette per il resto della sua vita) dove completò gli studi pianistici con Ernesto Consolo, e quelli di composizione sotto la guida inizialmente di Roberto Casiraghi e Corrado Barbieri, e in seguito di Vito Frazzi.

Lapide sulla facciata della Casa di Annalena, in via Romana, a Firenze, dove Dallapiccola morì il 19 febbraio 1975

Risalgono agli anni trenta le prime, importanti affermazioni in concorsi internazionali, con brani come la Partita per orchestra, o Musica per tre pianoforti (Inni). Nel 1938 sposa Laura Luzzatto Coen (1911-1995), che diventerà ben presto una figura indispensabile per lo sviluppo del linguaggio dallapiccoliano. Nel 1940 gli verrà offerta, per chiara fama, la cattedra di composizione al conservatorio Cherubini di Firenze; Dallapiccola stesso rinuncerà a questa carica nell'immediato dopoguerra, ritornando al suo impiego iniziale (insegnante di "pianoforte complementare"). Reagisce fermamente alle leggi razziali del 1938, ripensando all'internamento della sua famiglia a Graz durante la prima guerra mondiale con conseguenze ben visibili anche nella sua produzione musicale: lo stesso anno scrive i Canti di prigionia, seguiti successivamente dall'opera Il prigioniero.

Nel dopoguerra la sua fama internazionale crescerà di continuo, in tutta Europa e in America, dove tra l'altro verrà invitato a tenere corsi di perfezionamento a Tanglewood (dove ebbe come allievo il giovane Luciano Berio), al Queens College di New York, alla University of California e altrove. Nel 1949 a Milano fu tra gli organizzatori del "Primo congresso internazionale di musica dodecafonica", assieme a Riccardo Malipiero ed a colleghi più giovani quali Camillo Togni e Bruno Maderna.

Nel 1968 a Berlino verrà rappresentato il suo Ulisse, opera su libretto proprio tratto dall'Odissea, frutto di un lavoro ben più che decennale che il compositore definì "il risultato di tutta la mia vita" (a lui si deve anche una trascrizione dell'opera Il ritorno di Ulisse in patria di Claudio Monteverdi, rappresentata tra l'altro nell'ambito della stagione 1943 del Teatro alla Scala)[2]. Nel 1972 compose il brano Commiato per voce e strumenti, dal titolo profetico: sarà la sua ultima composizione. Luigi Dallapiccola si spegne a Firenze il 19 febbraio 1975, a causa di un edema polmonare, nella sua casa di via Romana 34 (all'interno del Palazzo di Annalena).

Nel corso della sua vita Dallapiccola ha ricevuto numerosissimi riconoscimenti: nel 1953 diventa membro dell'Accademia delle belle arti di Baviera, in seguito sarà nominato membro dell'Accademia dell'arte di Berlino (1958), della Royal Academy of Music di Londra (1969) e dell'Accademia di musica ed arte di Graz (1969). Ricevette inoltre il gran premio per la musica del Land Renania Settentrionale-Vestfalia, il premio "Ludwig-Spohr" della città Braunschweig, il premio "Moretti d'oro" della regione Friuli Venezia Giulia, il "Prix Arthur Honegger" a Parigi (1972), il Premio Feltrinelli per la musica assegnato dall'Accademia Nazionale dei Lincei (1973)[3] ed il premio internazionale d'arte "Albert Schweitzer".

Oltre a ciò, ricevette la laurea honoris causa dall'Università di Durham e dall'Università di Edimburgo (entrambe nel 1973); nello stesso anno gli fu inoltre conferita l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Il 21 maggio 1976 il Rettore dell'Università di Bologna Tito Carnacini, conferì a Luigi Dallapiccola e Goffredo Petrassi la Laurea Honoris Causa in Discipline delle Arti, Musica e Spettacolo; per Luigi Dallapiccola ritirò il diploma la moglie Laura[4].

È sepolto nel cimitero fiorentino di Trespiano.

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

Il fondo Dallapiccola è stato depositato nel 1978 dagli eredi presso Gabinetto scientifico letterario G. P. Vieusseux. Archivio contemporaneo Alessandro Bonsanti. Successivamente, nel 1992, Laura Coen Luzzatto e Anna Libera Dallapiccola hanno deciso di trasformare il deposito in donazione. Nel 1995, in seguito alla scomparsa della vedova, la figlia del Maestro ha donato all'archivio lo studio di Dallapiccola, il suo pianoforte, mobili e suppellettili insieme alla biblioteca privata dei genitori. L'ordinamento e la schedatura degli scritti, delle musiche e della bibliografia critica sono stati completati ed è uscito (nel 1996) l'inventario a stampa a cura di Mila De Santis (in appendice all'inventario anche un elenco dei mittenti della corrispondenza). Le descrizioni dell'inventario (comprendenti gli scritti e le musiche di Dallapiccola e la letteratura critica su di lui) sono ricercabili anche nella banca dati interrogabile on line. La biblioteca è catalogata nell'opac del Gabinetto Vieusseux[5].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Musica corale[modifica | modifica wikitesto]

Musica vocale da camera[modifica | modifica wikitesto]

Musica strumentale (solistica e cameristica)[modifica | modifica wikitesto]

Musica orchestrale (con o senza solisti)[modifica | modifica wikitesto]

Opere teatrali e balletti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dallapicolla Luigi, su Dizionario Biografico degli Italiani. Istituto dell'Enciclopedia italiana. URL consultato l'11 settembre 2018.Treccani.it
  2. ^ Gherardo Casaglia, "1943" Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive., Almanacco Amadeus.
  3. ^ Premi Feltrinelli 1950-2011, su lincei.it. URL consultato il 17 novembre 2019.
  4. ^ L'Archivio storico dell'Ateneo conserva documenti e immagini della cerimonia
  5. ^ Fondo Dallapicolla Luigi, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato l'11 settembre 2018.

Bibliografia essenziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Harald Kaufmann, Zum Verhältnis zweier Musen. Über das Wort-Ton-Problem: Dallapiccolas »Prigioniero«, Weberns Trakllied »Die Sonne«, in: Harald Kaufmann, Spurlinien. Analytische Aufsätze über Sprache und Musik, Elisabeth Lafite, Wien 1969.
  • Luigi Dallapiccola, Appunti Incontri Meditazioni, Edizioni Suvini Zerboni, Milano, 1970.
  • Fiamma Nicolodi (a cura di), Per L. Dallapiccola. Saggi, testimonianze, carteggio, biografia e bibliografia, Suvini Zerboni, Milano 1975.
  • Peter Horst Neumann/Jürg Stenzl, Luigi Dallapiccolas »Goethe Lieder«, in: Schweizer Beiträge zur Musikwissenschaft, vol. 4, Studien zur Musik des 19. und 20. Jahrhunderts, Haupt, Bern/Stuttgart 1980, pp. 171-191.
  • Fiamma Nicolodi (a cura di), Luigi Dallapiccola. Parole e musica, (edizione aggiornata ed ampliata), Il Saggiatore, Milano 1980.
  • Fiamma Nicolodi, Gusti e tendenze del Novecento musicale in Italia, Sansoni, Firenze 1982.
  • Dietrich Kämper, Gefangenschaft und Freiheit. Leben und Werk des Komponisten L. Dallapiccola, Gitarre+Laute, Köln 1984, ISBN 3-88583-005-1.
  • Fiamma Nicolodi, Musica e musicisti nel ventennio fascista, Discanto, Fiesole/FI 1984.
  • Massimo Venuti, Il teatro di Dallapiccola, Suvini Zerboni, Milano 1985.
  • Dietrich Kämper, Luigi Dallapiccola: la vita e l'opera, Sansoni Editore, Firenze 1985.
  • Jessica Harrison Howard, Luigi Dallapiccola’s »Prigioniero«: a music-dramatic analysis of scene 4, Ann Arbor (UMI) 1989.
  • Giordano Montecchi, L’itinerario dodecafonico di Luigi Dallapiccola, in: Rassegna veneta di studi musicali, V-VI (1989-1990), Cleup, Padova, 1990, pp. 331-359.
  • Jürg Stenzl, Von Giacomo Puccini zu Luigi Nono. Italienische Musik 1922-1952: Faschismus ─ Resistenza ─ Republik, Frits Knuf, Buren 1990.
  • Arrigo Quattrocchi (a cura di), Studi su Luigi Dallapiccola, LIM, Lucca 1993, ISBN 88-7096-067-6.
  • Dietrich Kämper, Luigi Dallapiccolas »Canti di liberazione«, in: Hermann Danuser/Günter Katzenberger (a cura di), Vom Einfall zum Kunstwerk. Der Kompositionprozess in der Musik des 20. Jahrhunderts, Laaber Verlag, Laaber 1993, pp. 287-296.
  • Joachim Noller, Dodekaphonie via Proust und Joyce. Zur musikalischen Poetik Luigi Dallapiccolas, in: Archiv für Musikwissenschaft 51/1994, pp. 131-144.
  • Julia van Hees, Luigi Dallapiccolas Bühnenwerk »Ulisse«. Untersuchungen zu Werk und Werkgenese, Gustav Bosse, Kassel 1994.
  • Pierre Michel, Luigi Dallapiccola, Contrechamps, Genève 1996.
  • Mila De Santis (a cura di), Dallapiccola. Letture e prospettive, Atti del Convegno Internazionale di Studi (Empoli/Firenze, 16-19 febbraio 1995), Ricordi/LIM, Milano/Lucca 1997, ISBN 88-7096-220-2.
  • Ute Schomerus, Ecce homo: Die Sacra Rappresentazione »Job« von Luigi Dallapiccola, Von Bockel, Hamburg 1998.
  • Mario Ruffini, L'opera di Luigi Dallapiccola, Catalogo Ragionato, Suvini Zerboni, Milano 2002, ISBN 88-900691-0-4
  • Raymond Fearn, The music of Luigi Dallapiccola, University of Rochester Press, Rochester/NY 2003.
  • Roberto Illiano (a cura di), Italian Music during the Fascist Period, Brepols, Turnhout 2004.
  • Sergio Sablich, Luigi Dallapiccola, Edizioni Epos, Palermo 2004, ISBN 88-8302-241-6.
  • Mila De Santis (a cura di), Ricercare. Parole, musica e immagini dalla vita e dall'opera di Luigi Dallapiccola, catalogo della mostra allestita a Firenze (Palazzo Pitti) nel 2005. Editore Polistampa, Firenze 2005, ISBN 88-8304-962-4.
  • Mario Ruffini, Barbara Strozzi nel Novecento: la scoperta di una nuova composizione per il catalogo di Luigi Dallapiccola, in: Palazzo Strozzi, a cura di Giorgio Bonsanti, Nardini Editore, Firenze, 2005, pp. 214-232.
  • Fiamma Nicolodi (a cura di): Luigi Dallapiccola nel suo secolo, Leo S. Olschki Editore, Firenze, 2007, ISSN 0073-2516.
  • Mario Ruffini, Piero della Francesca e Luigi Dallapiccola” di Luigi Dallapiccola, in: Musica e Arti figurative. Rinascimento e Novecento, Marsilio, Venezia, 2008, pp. 365-400.
  • Romano Pezzati, La memoria di Ulisse. Studi sull’“Ulisse” di Luigi Dallapiccola, a cura e con un saggio di Mario Ruffini, Edizioni Suvini Zerboni, Milano, 2008.
  • Mario Ruffini, Von Suleika zu Suleika”. Goethe e Mann in Italia con i “Goethe-Lieder” di Luigi Dallapiccola, in: Italia immaginaria. Letteratura, arte e musica tedesca fra Otto e Novecento, Le Lettere, Firenze, 2010, pp. 223-252.
  • Ulrich Tadday (a cura di): Musik-Konzepte 158. Luigi Dallapiccola, edition text + kritik, München 2012, ISBN 978-3-86916-216-4.
  • Luciano Alberti, La giovinezza sommersa di un compositore: Luigi Dallapiccola, Firenze, Leo S. Olschki, 2013, ISBN 978-88-222-6230-1.
  • Hartmut Krones und Therese Muxeneder (a cura di): Luigi Dallapiccola, die Wiener Schule und Wien, Schriften des Wissenschaftszentrums Arnold Schonberg, Bohlau Verlag, Wien-Koln-Weimar, 2013, ISBN 976-3-205-78822-5.
  • Ben Earle, Luigi Dallapiccola and Musical Modernism in Fascist Italy, University Press, Cambridge 2013.
  • Mario Ruffini, Luigi Dallapiccola e le Arti figurative, Marsilio, Venezia, 2016, ISBN 978-88-317-1283-5
  • Mario Ruffini, Luigi Dallapiccola e il balletto. Da Henri Matisse ad Aurel M. Milloss, in: Nuova Antologia. Fondazione Spadolini, Edizioni Polistampa, Firenze, 2017, pp. 63-81.
  • Mario Ruffini (a cura di), Laura. La dodecafonia di Luigi Dallapiccola dietro le quinte, Firenze University Press, Firenze, 2018, ISBN 978-88-6453-715-3
  • Mario Ruffini (a cura di), Honoris causa. Dallapiccola e Bologna, Polistampa, Firenze, 2020, ISBN 978-88-596-2043-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68977874 · ISNI (EN0000 0001 1665 1826 · SBN IT\ICCU\CFIV\088333 · Europeana agent/base/34754 · LCCN (ENn80070855 · GND (DE118670913 · BNF (FRcb122060843 (data) · BNE (ESXX1536100 (data) · NLA (EN36178423 · BAV (EN495/279737 · WorldCat Identities (ENlccn-n80070855