Adriano Gozzini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Adriano Gozzini (Firenze, 1917Pisa, 1994) è stato un fisico italiano.[1]

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Si laureò in Fisica nel 1940 all'Università di Pisa, quale allievo della Scuola Normale Superiore, con Luigi Puccianti, di cui, alla fine della guerra, ne divenne assistente all'Istituto di Fisica dell'Università di Pisa, dando così inizio alla sua carriera accademica.[2]

La sua attività di ricerca prese le mosse in fisica sperimentale, con la creazione del primo laboratorio di spettroscopia a microonde a Pisa.

Le sue ricerche assunsero ben presto rilevanza internazionale, destando gli interessi di illustri fisici stranieri, fra i quali Charles H. Townes, Nicolaas Bloembergen e, soprattutto, Alfred Kastler di Parigi.

Quest'ultimo, infatti, si interessò ai risultati di Gozzini, conseguiti nel 1951, sull'effetto Faraday in sostanze paramagnetiche nella regione delle microonde, che lo stesso Kastler aveva predetto. Kastler suggerì quindi di studiare anche l'effetto trasversale (detto effetto Cotton-Mouton) predetto ancora una volta da lui e poi rilevato da Gozzini qualche tempo dopo.

Altre successive ricerche di Gozzini riguardano l'uso di microonde polarizzate circolarmente nella risonanza paramagnetica elettronica.[3]

Grazie a queste innovative ricerche, nel 1959, conseguì l'ordinariato in fisica sperimentale presso l'Università di Pisa.

Nel 1970, sempre a Pisa, fondò, internamente all'università, il Laboratorio per lo Studio delle Proprietà Fisiche di Biomolecole e Cellule, poi Istituto di Biofisica, mentre nel 1971 diede vita, presso il CNR di Pisa, al Laboratorio di Fisica Atomica e Molecolare, poi Istituto per i Processi Chimico-Fisici.

Nel 1985, passò alla Scuola Normale Superiore sempre come ordinario di fisica sperimentale, istituendovi il primo Laboratorio Sperimentale di Fisica Atomica.

Nel complesso, la sua pionieristica attività di ricerca sperimentale, che gli procurò numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali, riguardò soprattutto la fisica delle basse energie, la fisica atomica, la fisica molecolare e la spettroscopia, mentre, come docente, si adoperò per creare, riuscendovi, una rinomata scuola pisana di fisica sperimentale.

Referenze[modifica | modifica wikitesto]

Interaction of Radiation with Matter. A Volume in Honour of Adriano Gozzini, a cura di G. Alzetta, E. Arimondo, G.F. Bassani e L.A. Radicati di Brozolo, Pubblicazioni della Classe di Scienze della Scuola Normale Superiore, Pisa, 1987.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6322810 · ISNI (EN0000 0000 3474 5810 · LCCN (ENn83827841 · WorldCat Identities (ENn83-827841