Anna Maria Chiavacci Leonardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Anna Maria Chiavacci Leonardi (Camerino, 22 settembre 1927Firenze, 8 aprile 2014) è stata una dantista italiana.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del filosofo Gaetano Chiavacci, si laureò con Giuseppe De Robertis all’Università degli Studi di Firenze, discutendo una tesi sul Paradiso. Dapprima insegnante di liceo, poi collaboratrice dell'Istituto storico italiano per il Medio Evo, dal 1972 alla quiescenza fu docente di filologia e critica dantesca presso la sede aretina dell'Università degli Studi di Siena. [2]

Studiosa di riferimento per quanto riguarda l'opera di Dante Alighieri [3], deve la sua notorietà specialmente ai suoi commenti dalla Divina Commedia, rivolti sia ad un pubblico specialistico (I Meridiani Mondadori, 1991-97) che scolastico (Zanichelli, 1999-2001), oltre che a numerosi libri e contributi specialistici su temi danteschi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Lettura del Paradiso dantesco (1963)
  • La Monarchia alla luce della Commedia (1977)
  • La guerra de la pietate. Saggio per una interpretazione dell'Inferno di Dante (1979)
  • Le Beatitudini e la struttura poetica del Purgatorio (1984)
  • Dante e Virgilio: l'immagine europea del destino dell'uomo (1984)
  • Le 'bianche stole' e il tema della resurrezione nella Commedia (1988)
  • La figura biblica dell'esilio nella Divina Commedia (2001).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Letteratura: è morta Chiavacci Leonardi, signora della Commedia dantesca, su Adnkronos. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  2. ^ Redazione, La letteratura piange la Signora della Commedia. A Firenze l’ultimo saluto ad Anna Maria Chiavacci Leonardi, su agenziaimpress.it, 8 aprile 2014. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  3. ^ ANNA MARIA CHIAVACCI: una vita per Dante, su Toscana Oggi. URL consultato il 23 dicembre 2019.
Controllo di autoritàVIAF (EN44368794 · ISNI (EN0000 0001 1631 3042 · SBN IT\ICCU\CFIV\016137 · LCCN (ENn80061765 · GND (DE142606103 · BNF (FRcb12327666n (data) · BAV ADV10048562 · WorldCat Identities (ENn80-061765