Giuseppe Billanovich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Billanovich

Giuseppe Billanovich (Cittadella, 6 agosto 1913Padova, 2 febbraio 2000) è stato un filologo, critico letterario e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato all'Università di Padova nel 1934, insegnò all'Istituto Universitario Orientale di Napoli, al Warburg Institute, all'Università di Friburgo e alla Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Proprio alla Cattolica ebbe l'incarico di uno dei primi insegnamenti di Filologia medievale e umanistica, disciplina che aveva contribuito a fondare. Nel 1958, con Carlo Dionisotti, Augusto Campana e Paolo Sambin diede vita alla rivista Italia medioevale e umanistica.

Studioso dell'Umanesimo e della tradizione dei classici latini, dedicò indagini fondamentali a Petrarca (basti citare quelle sul Rerum memorandarum libri) con le quali ravvivò le attività di lavoro dell'Edizione nazionale delle opere di Petrarca. Importanti anche i suoi precoci studi su Teofilo Folengo (particolarmente Tra don Teofilo e Merlin Cocaio, Napoli, 1948). Nel 1949 identificò la mano del Petrarca in uno dei più importanti codici di Tito Livio, l'Harleiano 2493 (Londra, British Library, del quale curò anche l'edizione anastatica nel 1981).

Fu socio corrispondente dell'Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti dal 21 aprile 1963[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Restauri boccacceschi, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 1945
  • Petrarca letterato. Lo scrittoio del Petrarca, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 1947
  • Petrarca e Padova, Padova, Antenore, 1976
  • La tradizione del testo di Livio e le origini dell'Umanesimo, Padova, Antenore, 1981; contiene:
    • Vol. 1: Tradizione e fortuna di Livio tra Medioevo e Umanesimo
    • Vol. 2: Il Livio del Petrarca e del Valla: Londra, British Library, Harleian 2493 riprodotto integralmente
  • Come nacque un capolavoro: la "Cronica" del non più anonimo romano, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 1995
  • Petrarca e il primo umanesimo, Padova, Antenore, 1996
  • Itinera: vicende di libri e di testi, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Attilio Maggiolo, I soci dell'Accademia Patavina dalla sua fondazione (1599), Padova, 1983.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vestigia: studi in onore di Giuseppe Billanovich, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 1984
  • L' antiche e le moderne carte: studi in memoria di Giuseppe Billanovich, Roma, Antenore, 2007
  • Per Giuseppe Billanovich, Firenze, L. S. Olschki, 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4945884 · ISNI (EN0000 0001 1739 2643 · SBN IT\ICCU\CFIV\015613 · LCCN (ENn83301091 · GND (DE119340674 · BNF (FRcb120322243 (data) · BAV ADV10154611 · WorldCat Identities (ENn83-301091