Saverio Bettinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saverio Bettinelli

Saverio Bettinelli (Mantova, 18 luglio 1718Mantova, 13 settembre 1808) è stato un gesuita e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nell'ordine dei gesuiti nel 1738, fu conosciuto soprattutto per le sue doti di poligrafo, drammaturgo, polemista, critico letterario e poeta. Insegnò retorica in varie città italiane, tra cui Venezia, dove visse tra il 1748 e il 1750, frequentando i principali intellettuali dell'ambiente lagunare e partorendo le 55 ottave del poemetto Il Parnaso veneziano, poi più volte rivisto fino alla definitiva edizione del 1767.[1] Nel 1758 intraprese un viaggio per tutta l'Italia e la Germania.

Frontespizio del Serse re di Persia, 1800

Nei suoi viaggi entrò in contatto con numerosi letterati dell'epoca, tra cui Voltaire e Rousseau, con i quali intrattenne una fitta corrispondenza. Nel 1773 in occasione dello scioglimento dell'ordine dei gesuiti, si ritirò a Mantova dove morì nel 1808.

La sua fama è legata principalmente all'opera di critico letterario ricca di umori antiaccademici e antiretorici, ma si fece notare anche per le sue opere di carattere prettamente illuministico. Nel 1757 scrisse le Lettere a Virgilio, nelle quali è contenuta una celebre stroncatura della Divina Commedia di Dante Alighieri, riguardo alla quale affermò: "Sia posto tra i libri di erudizione, e della Commedia si lascino solo taluni pezzi che, raccolti e, come meglio si può, ordinati, formino non più di cinque canti."[2]

Al 1766 risalgono invece le Lettere inglesi per mezzo delle quali propone un ideale di "buon gusto" e una letteratura moderna e disinvolta. In Dell'entusiasmo delle belle arti, risalenti al 1769, egli esalta il valore dell'entusiasmo alla base dell'ispirazione e della fantasia nell'arte secondo una tendenza che è stata considerata preromantica.

Il Bettinelli fu anche l'autore di poesie di modello arcaico, raccolte nei Versi sciolti del 1758 e ispirate ai componimenti di Carlo Innocenzo Frugoni, di alcune tragedie quali Gionata (1774), Demetrio Poliorcete (1758), Serse (1764) che si collocano nel solco del teatro gesuitico, e dell'opera storica Risorgimento d'Italia negli studi, nelle arti e nei costumi dopo il Mille che risale al 1775.

Figlio di una cugina di Bettinelli, nonché marito di una sua nipote, fu lo studioso Matteo Borsa, di cui l'abate favorì la carriera di professore e critico letterario a Mantova, influenzandone significativamente il pensiero, fedele, come il suo, a un severo classicismo, ma non immune al contempo da suggestioni cesarottiane e aperture preromantiche.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Ricorda, Il « Parnaso veneziano »: Bettinelli e la cultura veneziana, in Saverio Bettinelli. Un gesuita alla scuola del mondo, Roma 1998, pp. 247 e ss..
  2. ^ Saverio Bettinelli - Lettere di Virgilio agli Arcadi di Roma — Lettera IX.
  3. ^ E. Bigi, « Nota introduttiva » a Matteo Borsa, in Critici e storici della poesia e delle arti nel secondo Settecento (in La letteratura italiana. Storia e testi, vol. 44, tomo IV), Milano-Napoli, Riccardo Ricciardi Editore, 1955, pp. 695 e ss.
  4. ^ Contiene anche il Discorso intorno al teatro italiano e alla tragedia, redatto originariamente in francese per l'Infante Filippo I di Parma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tiranni a teatro. Demetrio Poliorcete e Serse re di Persia di Saverio Bettinelli, a cura di Francesco Saverio Minervini, Bari, Palomar, 2002, ISBN 88-87467-89-7.
  • Saverio Bettinelli. Un gesuita alla scuola del mondo (a cura di Ilaria Crotti e Ricciarda Ricorda), Roma, Bulzoni, 1998, ISBN 88-8319-226-5.
  • Claudio Chiancone, Il carteggio di Francesca Roberti Franco con Saverio Bettinelli, in Quaderni veneti, 47-48 (gennaio-dicembre 2008), pp. 189-250.
  • Ettore Bonora, Il pensiero critico del Bettinelli, Le tragedie e la poetica del tragico di Saverio Bettinelli, L'"entusiasmo delle belle arti" e Pietro Verri in Parini e altro Settecento, Feltrinelli, 1982
  • Ettore Bonora, Bettinelli e Virgilio, in Dall'Arcadia al Leopardi, Mucchi 1997

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN29558099 · ISNI: (EN0000 0001 0883 2029 · SBN: IT\ICCU\CFIV\010850 · LCCN: (ENn79054364 · GND: (DE116156007 · BNF: (FRcb12074775p (data) · BAV: ADV10046175 · CERL: cnp00385303