Johann Adam Schall von Bell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adam Schall von Bell vestito con abiti cinesi

Johann Adam Schall von Bell (Colonia, 1º maggio 1591Pechino, 15 agosto 1666) è stato un gesuita tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 1º maggio 1592 a Colonia, studiò dapprima in patria e, dal 1608, a Roma, nel Collegio Germanico-Ungarico. Nel 1611 entrò nella Compagnia di Gesù. A sua richiesta, fu mandato nelle missioni nel 1617, appena ordinato sacerdote. Destinato alla Cina, arrivò a Macao nel 1619, e a Pechino all'inizio del 1623. Vi dimorò sino alla morte (eccetto tre anni, 1627-1630, passati a Singan-fu nello Shen si), esercitandovi la sua opera di missionario, grazie all'incarico di astronomo presso la corte imperiale.

Salito a grande autorità presso l'imperatore Chongzhen, l'ultimo dei Ming, fu travolto in conseguenza della caduta di questa dinastia (1644), ma riuscì a salvare dalla rovina la missione di Pechino. Di nuovo in favore sotto la dinastia Manciù, fu nominato direttore dell'ufficio astronomico e mandarino di prima classe, e trattato con grande familiarità dall'imperatore Shunzhi. Dopo la morte di questo (1661), perseguitato dall'invidia dell'astronomo musulmano Yang Guangxian, fu processato insieme con altri e condannato a morte. Ma alcuni fenomeni straordinarî (tra i quali l'apparizione d'una cometa e un terremoto) accaduti subito dopo l'emanazione della sentenza (aprile 1665) e interpretati dai cinesi come segni della collera del cielo, lo salvarono.

Morì a Pechino nel 1666. Dopo la sua morte fu riabilitato, nel 1669, dall'imperatore Kangxi.

L'opera di divulgazione scientifica nelle matematiche e nell'astronomia (insieme con il confratello milanese Giacomo Rho, dal 1630 al 1638, poi da solo) e la diffusione dell'annuncio evangelico presso i cinesi procedettero parallelamente: infatti l'evangelizzazione fu permessa in quanto l'opera di T'ang Io-wang (nome cinese di padre Schall) fu necessaria ai fini dell'esattezza della compilazione del calendario.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64800026 · ISNI (EN0000 0000 7976 7642 · LCCN (ENn85057302 · GND (DE118606387 · BNF (FRcb12362941r (data) · NLA (EN41009417 · BAV (EN495/37487 · CERL cnp00918436 · WorldCat Identities (ENlccn-n85057302