Andrea Bobola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Andrea Bobola
Bobola.jpg
 

Presbitero e martire

 
Nascita1591
Morte1657
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione1853
Canonizzazione1938
Ricorrenza16 maggio
Attributipalma
Patrono diPolonia

Andrea (Andrzej) Bobola (Strachocina, 30 novembre 1591Janów Poleski, 16 maggio 1657) è stato un gesuita e missionario polacco, proclamato santo da papa Pio XI nel 1938.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di probabili origini ceche, si fece gesuita nel 1611 e nel 1622 venne ordinato sacerdote: abile predicatore, fu missionario a Vienna e Lituania, dove cercò di far tornare gli ortodossi in seno alla Chiesa cattolica.

Venne ucciso dai cosacchi nel 1657.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

Venne proclamato beato da papa Pio IX il 30 ottobre del 1853: il 17 aprile 1938 è stato canonizzato da Pio XI. Pio XII gli dedicò l'enciclica Invicti Athletae Christi, promulgata il 16 maggio 1957.

Memoria liturgica il 16 maggio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sant'Andrea Bobola, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
Controllo di autoritàVIAF (EN20493475 · ISNI (EN0000 0001 0877 4172 · LCCN (ENn93120160 · GND (DE119550245 · BAV ADV10232142 · CERL cnp00558998