Arturo Sosa Abascal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arturo Marcelino Sosa Abascal

Arturo Marcelino Sosa Abascal (Caracas, 12 novembre 1948) è un gesuita venezuelano, preposito generale della Compagnia di Gesù dal 14 ottobre 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Arturo Marcelino Sosa Abascal nasce a Caracas il 12 novembre 1948. È figlio di Arturo Sosa, economista per due volte ministro delle finanze del Venezuela.[1]

Nel 1972 ha conseguito la laurea in filosofia presso l'Università Cattolica Andrés Bello e, successivamente, ha perfezionato i propri studi in scienze politiche con un dottorato conseguito presso l'università centrale del Venezuela. Nello stesso ateneo è stato poi ricercatore presso l’Istituto di studi politici e docente nella Scuola di studi politici del dipartimento di Storia delle idee politiche.[1]

Parla, oltre lo spagnolo come lingua madre, l'inglese, l'italiano e ha nozioni basilari di francese.[2][3]

Attività pastorale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1966 entra nella Compagnia di Gesù, e undici anni dopo, nel 1977, riceve l'ordinazione sacerdotale.[4] Prima di essere eletto come successore di Adolfo Nicolás, Sosa è stato responsabile del coordinamento dell'apostolato sociale del Venezuela dal 1996 al 2004.

Nel 2014, gli viene chiesto di trasferirsi a Roma e gli viene conferita la delega per la gestione delle case dell'ordine, nonché per tutte le opere dei gesuiti in ambito interprovinciale.[2]

Il 14 ottobre 2016 è eletto preposito generale della Compagnia di Gesù.[5]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Al Meeting per l'amicizia fra i popoli di Rimini del 2019 Sosa Abascal dichiarò che "Il diavolo esiste solo come realtà simbolica". Tale dichiarazione suscitò un grande scalpore e fu seguita da forti polemiche, in particolare da parte degli esorcisti, in quanto contraddice il contenuto del Catechismo della Chiesa Cattolica.[6][7][8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b kattolika, Il papa nero (Arturo Sosa) del papa bianco (Francesco), su Il fumo di Satana, 16 maggio 2017. URL consultato il 18 giugno 2022.
  2. ^ a b Padre Arturo Sosa Sj, 31° superiore generale della Compagnia di Gesù, su General Congregation 36, 14 ottobre 2016. URL consultato l'8 giugno 2022.
  3. ^ Arturo Sosa Abascal è il nuovo “papa nero”, su Il Secolo XIX, 14 ottobre 2016. URL consultato il 18 giugno 2022.
  4. ^ (EN) Jesuits elect first Latin American as leader, in BBC News, 14 ottobre 2016. URL consultato l'8 giugno 2022.
  5. ^ Gian Guido Vecchi, Eletto il «Papa nero», Arturo Sosa Abascal è il nuovo superiore dei gesuiti, su Corriere della Sera, 14 ottobre 2016. URL consultato il 24 agosto 2021.
  6. ^ Meeting. «Il diavolo esiste solo come realtà simbolica», su Tempi, 21 agosto 2019. URL consultato l'8 giugno 2022.
  7. ^ https://www.ilsussidiario.net/autori/carmine-massimo-balsamo, Generale dei Gesuiti: "Il diavolo non esiste"/ Esorcisti contro padre Sosa Abascal, su IlSussidiario.net, 24 agosto 2019. URL consultato il 17 giugno 2022.
  8. ^ Il caso. Il diavolo, simbolo o persona? L'ultima diatriba, su www.avvenire.it, 22 agosto 2019. URL consultato il 17 giugno 2022.
  9. ^ "Papa Francesco scomunichi l'eretico capo dei gesuiti Arturo Sosa Abascal", su lafedequotidiana.it, 23 agosto 2019. URL consultato il 17 giugno 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Preposito generale della Compagnia di Gesù Successore Ihs-logo.svg
Adolfo Nicolás dal 14 ottobre 2016 in carica
Predecessore Vice Gran Cancelliere della Pontificia Università Gregoriana Successore Estemma UniGreg.png
Adolfo Nicolás dal 14 ottobre 2016 in carica
Predecessore Vice Gran Cancelliere del Pontificio Istituto Orientale Successore Pontificio Istituto Orientale.jpg
Adolfo Nicolás dal 14 ottobre 2016 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN41880200 · ISNI (EN0000 0000 8120 3272 · LCCN (ENn82067458 · GND (DE1047924013 · BNF (FRcb12165043b (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n82067458