Epistole (Dante Alighieri)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Epistole
Dante-alighieri.jpg
Dante Alighieri ritratto da Giotto
AutoreDante Alighieri
1ª ed. originaletra il 1303 e il 1311
Genereraccolta
Lingua originale latino

Le Epistole scritte in latino da Dante Alighieri ci sono pervenute tramite due sillogi del Trecento.

Prima silloge[modifica | modifica wikitesto]

La prima silloge, raccolta dal Boccaccio (Laurenziano XXIX) comprende tre epistole: la prima databile al 1305-1306 indirizzata a Cino da Pistoia, la seconda inviata ai Cardinali italiani in seguito alla morte del papa Clemente V il 20 aprile 1314 e la terza ad un amico di Firenze nella quale egli respinge il ribandimento del 19 maggio 1315.

Seconda silloge[modifica | modifica wikitesto]

La seconda silloge venne raccolta in epoca quattrocentesca nell'ambiente di Coluccio Salutati (Vaticano Palatino 1729) e comprende nove epistole: la prima scritta nella primavera del 1304 al cardinale Niccolò da Prato a nome dei Bianchi di Firenze, la seconda, sempre nel 1304, indirizzata a Oberto e Guido da Romena, la terza rivolta a Moroello Malaspina databile 1307-1308, la quarta scritta in occasione della discesa di Enrico VII, ottobre 1310, indirizzata ai Signori e Popoli d'Italia, la quinta che porta la data del 31 marzo 1311 ai Fiorentini, la sesta datata 17 aprile 1311 all'imperatore Enrico, l'ottava e la nona, scritta a nome della contessa Gherardesca di Battifolle alla moglie dell'imperatore, Margherita di Lussemburgo. A queste epistole si aggiungono tre messaggi manoscritti rintracciati nel secolo XV dal testo incompleto e una epistola nella forma dei codici del Cinquecento indirizzata a Can Grande della Scala.

Le 13 epistole[modifica | modifica wikitesto]

Epistola V, VI e VII[modifica | modifica wikitesto]

Queste epistole sono un invito ai signori d'Italia per invitarli ad accogliere con rispetto Enrico VII, poiché la sua venuta realizza la volontà di Dio (epistola V) L'epistola VI invece è riferita ai Fiorentini, traditori della vera libertà e della giustizia, è per ammonirgli di non opporre resistenza ad Enrico. Nella VII Epistole invece è per Enrico stesso, invitato a punire la malvagità e la tirannide, di cui il governo di Firenze è un esempio.

Epistola XIII a Cangrande della Scala[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Epistola XIII a Cangrande della Scala.

Intorno a questa epistola ancora discordi sono i pareri della critica: infatti alcuni, come Augusto Mancini, Bruno Nardi, Giorgio Brugnoli e Alberto Casadei, ne negano l'autenticità, mentre altri, come Giorgio Padoan, Francesco Mazzoni ed Enzo Cecchini (autore dell'edizione critica del 1995) la confermano.

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Il tema principale della maggior parte delle epistole di Dante, tranne la lettera a Cino da Pistoia e al Malaspina più prettamente di carattere letterario, è quello politico ed è soprattutto legato a Arrigo VII e alla sua impresa.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Le epistole sono composte secondo le regole dell'Ars dictandi medievale, di cui Brunetto Latini era stato maestro. Nell'introduzione Dante invita il lettore ad avvicinarsi al testo (accessus ad auctores). Poi seguono sei elementi: la materia (subiectum) dell'opera; il fine che si propone di conseguire (utilitas); la forma (ordo o forma tractatus); l'autore agente (causa efficiens); il titolo (inscriptio o titulus); il genere filosofico a cui l'opera appartiene (cui parti philosophiae opus supponatur).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Saverio Bellomo, Filologia e critica dantesca, Brescia, La scuola, 2008, pp. 115–24.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura