Guglielmo Giraldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guglielmo Girardi (Ferrara, ...) è un miniatore italiano ferrarese, tra i più importanti del rinascimento italiano, celebre per aver realizzato il Codice Urbinate Latino 365, commissionatogli dal duca di Urbino Federico da Montefeltro e in cui sono rappresentati alcuni episodi dell' Inferno e del Purgatorio dantesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inferno, Canto I, Divina Commedia di Federico da Montefeltro ad opera del Giraldi, conservato ora nella Biblioteca Apostolica Vaticana colla segnatura di ms UrbLat365.

Tra Ferrara e Mantova[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo Girardi (o Zirardi) nacque dal sarto ferrarese Giovanni de' Ziraldi detto il Magro in una data ignota, così come lo è la data in cui morì[1], anche se Luigi Michelini Tocci, sulla base di un primo lavoro artistico del 1448, suggerisce che il Giraldi dovesse avere 25 anni circa[2]. L'attività biografica e artistica del Girardi, che iniziò nel 1441 e terminò nel 1496, indicano che ebbe sicuramente una lunga vita[3]. Dopo aver ricevuto la tonsura nella Cattedrale di Ferrara (12 novembre 1441)[1] insieme all'amico e collega Cosmè Tura[3], il Girardi incominciò a farsi notare da Lionello d'Este, marchese di Ferrara, per il suo talento artistico[3]. Presso la corte estense il Giraldi lavorò anche dopo la morte di Lionello (1450), venendo assunto dal fratello del defunto marchese, Borso[3]. Mentre Giraldi, tra il 1457 e il 1459, lavorava sull'Eneide e altre scene tratte dal corpus virgiliano[1] per il patrizio veneziano Leonardo Sanuto a quell'epoca residente a Ferrara[1], contribuì all'ornamento artistico della celebre Bibbia di Borso d'Este[1][2]. Inoltre, sappiamo che il Girardi lavorò anche a Mantova, da come si può desumere da un'epistola del 1469 indirizzata a Barbara di Brandeburgo, moglie di Ludovico Gonzaga[1].

Al servizio di Federico da Montefeltro[modifica | modifica wikitesto]

Il "Dante Urbinate"[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio presso la biblioteca di Federico da Montefeltro, duca di Urbino, iniziò verso il 1478, grazie all'intercessione del calligrafo volterrano Matteo Contugi[2][3], che ricopierà le terzine dantesche[4]. Alla corte di Urbino, presso la quale il Girardi rimase fino al 1480 alternando la sua permanenza con soggiorni ferraresi[2] e dove ottenne la stima del duca Federigo[1][2] (per il quale Girardi realizzò anche un evangliario e continuò il Virgilio richiesto dal Sanudo[3]), il Giraldi (aiutato anche dal nipote Alessandro Leoni[2]) pubblicò, dopo due anni di lavori, l'Inferno e alcune scene del Purgatorio dantesco, dando origine a quello che diventera il manoscritto Urbinate Latino 365, conservato attualmente alla Biblioteca Apostolica Vaticana[3]. L'opera, straordinaria per la resa colorista e la vivacità che traspare dalle scene immaginate dal Giraldi, frutto della rinnovata concezione artistica propria del rinascimento. Secondo Giordana Canova Mariani, il "Dante Urbinate"

« La figurazione è costituita da una serie di grandi vignette, poste ciascuna all’inizio di ogni singolo libro, nelle quali Giraldi evoca le situazioni e i personaggi dei diversi gironi danteschi con straordinario impeto narrativo, con alta fantasia ed efficacia di invenzioni, con rara intensità drammatica, e con una qualità violenta di colore e di luce, livida o affocata, capace di suscitare un eccezionale impatto emotivo »

(Il miniatore Guglielmo Giraldi)

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Ritornato a Ferrara, Giraldi continuò a lavorare per il nuovo duca Ercole I, continuando la sua attività di miniatore[1]. Nel 1486 prese definitivamente gli ordini sacri e, nel 1494, è arciprete di San Giovanni di Sassocorvaro[1]. Non si sa dove e quando morì, ma dal testamento del 1478 dispose di essere sepolto nella certosa di San Cristoforo a Ferrara, luogo a lui particolarmente caro[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Federica Toniolo, GIRALDI, Guglielmo, in Dizionario Biografico degli Italiani. URL consultato il 27 agosto 2015.
  2. ^ a b c d e f Luigi Michelini Tocci, Giraldi, Guglielmo, in Enciclopedia Dantesca. URL consultato il 27 agosto 2015.
  3. ^ a b c d e f g Giordana Canova Mariani, Il miniatore Guglielmo Giraldi, Alumina, 11 aprile 2012. URL consultato il 27 agosto 2015.
  4. ^ Manoscritto Urbinate Latino 365, Centro Scaligero degli Studi Danteschi. URL consultato il 27 agosto 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN57426697 · ISNI: (EN0000 0001 1649 906X · LCCN: (ENnr94020821 · GND: (DE119525542 · BNF: (FRcb125457081 (data) · ULAN: (EN500000019 · CERL: cnp01351380
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie