Dante Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dante Park
NewYork Statua di Dante.jpg
La statua dedicata a Dante che domina il parco
Ubicazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
LocalitàNew York
IndirizzoLincoln Center
Caratteristiche
Tipopiazza
Mappa di localizzazione
Coordinate: 40°46′18.84″N 73°58′57″W / 40.7719°N 73.9825°W40.7719; -73.9825

Il Dante Park o Dante Square è un parco che si trova in fronte al Lincoln Center, nella città di New York.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il parco fu fondato dagli italo-americani in onore del poeta italiano Dante Alighieri, nei pressi del Lincoln Center[1]. Carlo Borsotti, editore del giornale Il Progresso italo-americano, inizialmente voleva raccogliere fondi per una statua più grande perché fosse posta in Times Square intorno al 1912, in occasione del cinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia[2]. La statua, che fu realizzata dallo scultore Ettore Ximenes (e che fu giudicata come "la più bella statua di Dante mai realizzata" da Giovanni Pascoli[1]), fu però rifiutata dalla commissione artistica in quanto troppo grande per un monumento[3]. Una nuova statua fu realizzata nel 1921, data importantissima in quanto il seicentenario della morte del poeta[2]. Tale statua fu posizionata davanti a Broadway[2]. Negli anni '90, il Radisson Empire Hotel si prodigò nel restaurare la scultura, cosa che avvenne nel 1999[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Tiziano Thomas Dossena, That statue of Dante in the heart of Manhattan, su bridgepugliausa.it. URL consultato il 13 giugno 2015.
  2. ^ a b c d Dante Park, su nycgovparks.org, The City of New York. URL consultato il 13 giugno 2015.
  3. ^ Tiziano Thomas Dossena, That statue of Dante in the heart of Manhattan, su bridgepugliausa.it. URL consultato il 13 giugno 2015.
    «The statue arrived in New York in 1912, but was rejected by the Art Commission solely on architectural demerits; that is, it was too large a monument»

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bill Morgan. Literary Landmarks of New York (Universe: New York, 2002), p. 128.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]