Bianca Garavelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bianca Garavelli

Bianca Garavelli (Vigevano, ...) è una scrittrice e critica letteraria italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Vigevano, ha studiato Storia della lingua italiana e Letteratura italiana all'Università degli Studi di Pavia, dove è stata allieva di Maria Corti, dal cui insegnamento ha ereditato l'interesse intrecciato per la scrittura creativa e critica, che caratterizza la sua attività letteraria.

Come critica letteraria, collabora dal 1989 al quotidiano Avvenire, occupandosi soprattutto di italianistica e poesia italiana e straniera. Ha inoltre collaborato per alcuni anni al mensile Stilos, scrivendo di narrativa italiana; e dal 2006 al 2009 col mensile Letture, nella rubrica sui "tascabili". Collabora come assegnista di ricerca al Dipartimento di Italianistica e Comparatistica dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano[1].

Si è anche occupata di poesia contemporanea e medievale, in particolare di Dante Alighieri, di cui ha curato diverse edizioni della Commedia, saggi e manuali di interpretazione. Nel 2010 ha pubblicato Nelle pagine dell'anima, un volume-consuntivo della sua attività critica, diventata una storia della letteratura e della critica degli ultimi vent'anni.

La produzione narrativa di Bianca Garavelli mostra un ampio ventaglio di registri: dal thriller esoterico al romanzo realistico, d'amore e di viaggio.

Il 16 ottobre 2012 è uscito il thriller, in parte storico e in parte ambientato ai giorni nostri, Le terzine perdute di Dante, per i tipi di Baldini&Castoldi che è stato disponibile in formato e-book ed è poi stato ripubblicato in edizione rinnovata nelle librerie, e in formato e-book, per la collana best BUR Rizzoli nel 2015.

Il 16 maggio 2013 è uscito in anteprima per il Salone Internazionale del Libro di Torino un libro di racconti, L'oscurità degli angeli per Ladolfi Editore. Il 7 dicembre 2013 questo libro, formato da nove racconti, si aggiudica la sesta edizione del Premio letterario "Città di Fabriano"[2].

Sempre nel 2013, l'autrice partecipa come "voce narrante" al tour Sintomi di felicità, una serie di concerti basati sul libro autobiografico omonimo del giovane tenore toscano Marco Voleri (edito da Sperling & Kupfer), dove l'autore racconta come ha scoperto di essere affetto da sclerosi multipla e come ha continuato a cantare, vivendo la musica e l'arte come un antidoto alla malattia.

Il 28 novembre 2014 il thriller esoterico Il passo della dea esce in forma rinnovata e in formato e-book per la casa editrice digitale Emma Books, nella collana "Mistery". Il thriller – già pubblicato nel 2005 da Passigli Editori – è ambientato a Milano tra il novembre e il dicembre 2001, al tempo delle prove per l'ultima opera rappresentata prima del triennio di chiusura per restauri del Teatro alla Scala.

Il 15 giugno 2016 Garavelli è stata l'ospite d'onore della Giornata Mondiale della Dante alla Società Dante Alighieri di Montecarlo, Principato di Monaco [3].

Attività di giurata in premi letterari[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1994, anno della sua fondazione, fa parte della Giuria tecnica del premio di poesia "Metauro", fondato e presieduto dal poeta Umberto Piersanti, con il contributo della Biblioteca di Urbania e della Unione Montana Alta Valle del Metauro.

Ha fatto parte della Giuria, dal 2003 al 2008, l'ultimo anno in cui si è svolto, dello storico premio di poesia "Senigallia spiaggia di velluto", fondato da Carlo Bo e rilanciato proprio del 2003 da Raffaele Crovi.

Dal 2012 organizza e fa parte della Giuria del premio La Provincia in Giallo, presieduta da Mino Milani; l'iniziativa è dedicata alla valorizzazione della narrativa giallo-noir ambientata nella provincia italiana, di cui è la cofondatrice per il Rotary Club Cairoli.

Nel 2015 ha fatto parte della Giuria del premio per giovani poeti "La Balena di ghiaccio", con sede a Capo d'Orlando, premio intitolato alla memoria del poeta orlandino Basilio Reale. Nel 2015 e nel 2016 ha fatto parte della Giuria tecnica del premio di narrativa per l'opera prima "Massarosa", presieduto dallo scrittore Giuliano Pasini e curato dal Comune di Massarosa.

Dal 2016 fa parte della Giuria del premio per monologhi teatrali "Monologando"[4], con sede a Padova. Sempre nel 2016, ha presieduto la Giuria della Sezione Teatrale del Festival Dantesco per studenti interpreti della Commedia di Dante, che si è svolto in dicembre a Torrita di Siena.

Dal 2017 presiede, insieme allo scrittore Massimiliano Santarossa, la Giuria del Premio per racconti inediti "La Stanza di Linda tra le pagine". Il Premio nel 2017 si è concluso con la pubblicazione dei tre racconti vincitori in un e-book edito da Emma Books; nel 2018 la pubblicazione in e-book è passata alla casa editrice Delos Digital, diretta dallo scrittore Franco Forte.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • L’insonnia beata, prefazione di Antonio Porta, Edizioni del Laboratorio, Modena 1988.

Commenti, curatele, traduzioni, saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il commento alla Commedia di Dante è uno dei suo lavori più noti, scritto con la supervisione di Maria Corti (Bompiani 1993; edizione rinnovata 2001; edizione integrale con tutti i canti in volume unico, 2006).
  • Della Divina Commedia ha curato un'edizione molto particolare nella collana Pillole (Rizzoli, BUR, 2006), con alcuni canti scelti e parafrasi sintetiche (e narrative) dei canti non antologizzati.
  • Ha inoltre tradotto e curato i saggi dello studioso francese di filosofia Étienne Gilson Dante e Beatrice (Medusa 2004), e i manuali di commento La Divina Commedia. Paradiso (2004) e La Divina Commedia. Inferno (2009), entrambi per Alpha Test.
  • Ha tradotto l'insieme di trattati riuniti dall'autrice medievale francese, ma di origine italiana Christine de Pizan Il Dibattito sul "Romanzo della Rosa" (Medusa 2006)
  • Ha tradotto, sempre di Christine de Pizan, il Libro della pace, un trattato di buon governo dedicato a Luigi di Francia, delfino di Carlo VI il Folle, con in appendice il Poema di Giovanna d'Arco, dedicato alla pastorella guerriera che liberò Orléans dall'assedio nel 1429 (Medusa 2007).
  • Ha coordinato la collana I Grandi Classici della Poesia per Fabbri Editori, uscito nelle edicole fra il 1997 e il 2000, con il contributo di alcuni fra i più importanti poeti contemporanei italiani, tra cui Roberto Mussapi e Rosita Copioli.
  • Ha pubblicato Nelle pagine dell'anima, nella collana "I volti di Hermes" dell'editore Moretti & Vitali, diretta da Giancarlo Pontiggia e Paolo Lagazzi, dedicata alle opere di saggistica letteraria.
  • Ha scritto il commento all'Inferno di Dante per "I Grandi Classici BUR", Rizzoli 2015.
  • Ha curato il volume Caramuel Vescovo eclettico dedicato al singolare scrittore, teologo, astronomo, musicista e architetto Juan Caramuel y Lobkowitz (Madrid 1606 - Vigevano 1682), Moretti & Vitali 2016.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Angeli nel cielo del Cilento 2007: vincitrice della sezione narrativa con il romanzo Amore a Cape Town.
  • Premio Scrittori con gusto - Accademia Res Aulica 2013: vincitrice ex aequo con il romanzo Le terzine perdute di Dante.
  • Premio Città di Fabriano 2013: vincitrice della sezione narrativa con i racconti L'oscurità degli angeli.
  • Premio Prata La Cultura nella Basilica 2016, vincitrice per il romanzo Le terzine perdute di Dante[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dipartimento di Italianistica e comparatistica. Docenti, su Università Cattolica del Sacro Cuore. URL consultato il 22 aprile 2019.
  2. ^ Premio Fabriano 2013, su Giuliano Ladolfi editore. URL consultato il 22 aprile 2019.
  3. ^ La Giornata mondiale della Dante Monaco 2016, su Dante Alighieri. Comitato di Monaco. URL consultato il 22 aprile 2019.
  4. ^ Monologando, su Ata Teatro Padova. URL consultato il 22 aprile 2019.
  5. ^ Al via il Premio Prata "La Cultura nella Basilica", su Otto Pagine, 13 settembre 2016. URL consultato il 22 aprile 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]