Umberto Bosco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Umberto Bosco (Catanzaro, 2 ottobre 1900Roma, 24 marzo 1987) è stato un critico letterario e accademico italiano.

Fu tra i maggiori critici e storici della letteratura italiana del XX secolo e redattore capo dell'Enciclopedia Italiana Treccani[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laureò in Lettere nel 1923 presso l'Università di Roma "La Sapienza", dove ebbe per maestri Vittorio Rossi e Cesare De Lollis.[2]

Dopo aver insegnato nei licei a partire dal 1925, nel 1929 ottenne la libera docenza con una prolusione su Galileo scrittore, e il primo incarico universitario[3]. Fu ordinario di Letteratura italiana presso le Università statale di Milano (dal 1942) e alla Facoltà di Magistero di Roma (dal 1946)[3][4].

Oltre ad una notevole serie di pubblicazioni dedicate per lo più a Francesco Petrarca, Dante Alighieri[5], Giacomo Leopardi[6], al Rinascimento e al Romanticismo italiano, fu direttore dell'Enciclopedia Italiana, del Dizionario Enciclopedico Italiano, del Lessico Universale Italiano, del Repertorio Bibliografico della Letteratura Italiana[2].

Fu inoltre ideatore e direttore della monumentale Enciclopedia Dantesca[7], e della Commedia pubblicò una fortunata edizione commentata, in collaborazione con Giovanni Reggio (1979).

Tra varie altre cariche ricoperte, fu socio nazionale dell'Accademia della Crusca, membro dell'Accademia nazionale dei Lincei, e presidente onorario dell'Associazione Internazionale per gli Studi di Lingua e Letteratura Italiana[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Decameron, Rieti, Bibliotheca, 1929.
  • Aspetti del Romanticismo italiano, Roma, Cremonese, 1942.
  • Francesco Petrarca, Torino, UTET, 1946.
  • Letteratura italiana dell'Ottocento, Torino, ERI, 1954.
  • Titanismo e pietà in Giacomo Leopardi, Firenze, Le Monnier, 1957.
  • Realismo romantico, Caltanissetta, Sciascia, 1959.
  • Dante vicino, Caltanissetta, Sciascia, 1966.
  • Dante. Vita e opere, Torino, ERI, 1966.
  • L'Inferno, Torino, ERI, 1967.
  • Il Purgatorio, Torino, ERI, 1967.
  • Il Paradiso, Torino, ERI, 1967.
  • Saggi sul Rinascimento, Firenze, Le Monnier, 1970.
  • Altre pagine dantesche, Caltanissetta, Sciascia, 1987.
  • Scritti sul Teatro, Roma, Bulzoni, 1989.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maria Tania Giampaoli, voce Bosco, Umberto, in Letteratura italiana. Gli Autori, vol. I, Torino, Einaudi, 1990, p. 342.
  2. ^ a b c voce Umberto Bosco, in Biografie e bibliografie degli Accademici Lincei, Roma, Accademia dei Lincei, 1976, p. 763.
  3. ^ a b Eugenio Ragni, Bosco, Umberto, Dizionario biografico degli italiani (2013)
  4. ^ Maria Tania Giampaoli, voce Bosco, Umberto, in Letteratura italiana. Gli Autori, vol. I, Torino, Einaudi, 1990, p. 342.
  5. ^ Umberto Bosco lettore di Dante, in Pasquale Tuscano, Per altezza d'ingegno, 2002, pp. 267–276.
  6. ^ Nicola Merola, Il Leopardi di Umberto Bosco, Ora Licale. lettere dal Sud, n. 24, marzo-aprile 2001 (Intervento tenuto in occasione delle celebrazioni di Reggio Calabria per il centesimo anniversario del critico calabrese).
  7. ^ Giorgio Petrocchi, Bosco, Umberto, in Enciclopedia Dantesca, Roma, Ist. Enc. Italiana, 2005, vol. VI, pp. 341-342.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN109946893 · LCCN: (ENn83219942 · SBN: IT\ICCU\CFIV\037551 · ISNI: (EN0000 0001 2147 5230 · GND: (DE119344378 · BNF: (FRcb120202441 (data) · NLA: (EN35904874 · BAV: ADV10167824