Giorgio Inglese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Inglese (Roma, 6 settembre 1956) è un filologo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Alberto Asor Rosa e Gennaro Sasso, borsista e poi docente all'Istituto italiano per gli studi storici, insegna dal 1984 letteratura italiana all'Università "La Sapienza" di Roma; dal 2001 come professore ordinario. È membro del comitato direttivo dell'Istituto storico italiano per il Medio Evo e della rivista "La Cultura". Già redattore di Laboratorio politico, è stato capo-redattore dei Dizionari della Letteratura Italiana Einaudi; è inoltre autore di manuali, monografie e numerosi saggi, pubblicati in miscellanee e nelle principali riviste italiane del settore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Studi e manuali[modifica | modifica wikitesto]

  • Come si legge un'edizione critica. Elementi di filologia italiana, Roma, Carocci, 1999-2016.
  • L' intelletto e l'amore: studi sulla letteratura italiana del Due e Trecento, Firenze, La Nuova Italia, 2000.
  • Dante: guida alla Divina Commedia, Roma, Carocci, 2002; II ed. riveduta, Carocci, 2012.
  • La letteratura italiana del Medioevo, con Stefano Carrai, Collana Studi superiori, Roma, Carocci, 2003, ISBN 978-88-430-2534-3; nuova ed., Carocci, 2009.
  • Per Machiavelli. L'arte dello stato, la cognizione delle storie, Collana Frecce, Roma, Carocci, 2006, ISBN 978-88-430-3738-4.
  • Metrica e retorica nel Medioevo, Collana Quality paperbacks, Roma, Carocci, 2011, ISBN 978-88-430-5790-0.
  • Leggere gli apparati (Testi e testimoni dei classici italiani), con Vittorio Formentin e Niccolò Scaffai, Milano, Unicopli, 2013, ISBN 978-88-400-1597-2.
  • Vita di Dante. Una biografia possibile, Roma, Carocci, 2015, ISBN 978-88-430-9251-2.
  • Scritti su Dante, Collana Frecce, Roma, Carocci, 2021, ISBN 978-88-290-0499-7.

Curatele: edizioni critiche e commenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49295777 · ISNI (EN0000 0001 0898 8402 · BAV 495/162632 · LCCN (ENn82109291 · GND (DE1023793237 · BNF (FRcb12329581r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n82109291