Casa di Dante in Lunigiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa di Dante in Lunigiana
Museo dantesco lunigianese
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMulazzo
IndirizzoVia Signorini, 2, Signorini, 2 - Mulazzo e Via Signorini 2
Caratteristiche
TipoLetterario, dantesco
Istituzione2003
GestioneCentro Lunigianese di Studi Danteschi
Sito web

Coordinate: 44°18′56.9″N 9°53′23.24″E / 44.315806°N 9.889789°E44.315806; 9.889789

Il Museo dantesco lunigianese, oggi Casa di Dante in Lunigiana, è una casa museo di Mulazzo, in provincia di Massa e Carrara, dedicata al rapporto tra Dante Alighieri e la regione storica della Lunigiana, comprendente le attuali province della Spezia e di Massa-Carrara.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è ospitato in una casa-torre del XIII secolo a Mulazzo ed è una creazione del Centro Lunigianese di Studi Danteschi (CLSD), che ne è il gestore[1].

L'esposizione, intitolata al dantista mulazzese Livio Galanti, è ospitata presso la struttura polivalente della casa di Dante in Lunigiana, ente del CLSD, la quale comprende anche la Biblioteca dantesca lunigianese intitolata a Giovanni Sforza, la Galleria artistica "Romano Galanti", il percorso didattico, dedicato al dantista pontremolese Paride Chistoni, e il book shop.

Il museo pone in evidenza la ricchezza delle referenze dantesche lunigianesi: il canto VIII del Purgatorio; gli Atti della pace di Castelnuovo, l'Epistola di frate Ilaro del monastero del Corvo a Uguccione della Faggiuola, l'Epistola IV dal Casentino a Moroello Malaspina; la Leggenda dei primi sette canti dell'Inferno e le numerose citazioni della Lunigiana storica presenti nell'intera opera di Dante Alighieri.

Quattro totem a tre facce, per un totale di dodici grandi pannelli didattici, rendono la visita al museo particolarmente utile e agevole per le scuole di ogni ordine e grado.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Livio Galanti, Il soggiorno di Dante in Lunigiana, 1985.
  • Mirco Manuguerra, Nova Lectura Dantis, Luna Editore, 1996.
  • Claudio Palandrani, Dante, i Malaspina e la Lunigiana, 2005.
  • Mirco Manuguerra, Lunigiana dantesca, Centro Lunigianese di Studi Danteschi, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]