Franco Lanza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Franco Lanza (Chioggia, 2 marzo 1926Roma, 23 marzo 2007) è stato un accademico, critico letterario e saggista italiano.

Franco Lanza, Milano 1999

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del poeta Alfonso e di Luigia Colombo, segue la famiglia in varie città, Rovigo, Treviso, Belluno, Verona ed infine Varese dove il padre svolge la sua attività di docente di latino e greco al liceo classico. A soli sedici anni si iscrive alla facoltà di Lettere dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano diventando allievo di Mario Apollonio e Giovanni Getto. Si laurea nel 1946 (è il più giovane laureato d'Italia)[senza fonte] con una tesi su Giambattista Vico.

A Varese insegna latino, storia e letteratura italiana all'Istituto Magistrale ed in seguito al Liceo Classico. Nel 1951 inizia l'attività accademica quale assistente di Mario Apollonio ed ottiene la libera docenza nel 1963.

In quegli anni stringe profonda e sincera amicizia con David Maria Turoldo che durerà fino alla morte di quest'ultimo nel 1992. Nel 1964 sposa, nel Tempio Canoviano di Possagno, Maria Luisa Canova, dalla quale avrà due figli.

Nel 1965 l'incontro con Giovanni Battista Montini non fa che accrescere in lui l'ammirazione per l'uomo di Chiesa e per lo studioso autorevole; una cultura immensa unita a grande umiltà: il fatto che Paolo VI non abbia mai permesso alla sua scrittura di assumere ambizioni diverse da quelle pastorali gli è d'esempio e ispirazione per la realizzazione dell'antologia montiniana del 2003.[1]

Fino al 1967 è incaricato di Letteratura Italiana all'Università Cattolica del Sacro Cuore, anno in cui si trasferisce a Malta dove dirige il Dipartimento d'Italiano della locale Università ed è vicepresidente della Dante Alighieri. Malta diventa molto più di un luogo di lavoro, è per lui una seconda casa dove approfondire legami culturali e umani, un luogo dove esportare la cultura italiana di cui diventa vero e proprio Ambasciatore.

Negli anni settanta, durante le pause estive frequenta il salotto letterario di Cortina d'Ampezzo e conosce Padre Ulderico Pasquale Magni il quale lo invita a partecipare alle conferenze nella Sala Akropolis dell'Hotel Serena che ospita gli esponenti più illustri della scena scientifica e letteraria nazionale ed internazionale. Viene così in contatto con Indro Montanelli, Piero Chiara, Paolo Monelli, Alessandra Capocaccia Quadri, Giuseppe Padellaro, Vittore Branca, Ernesto Redaelli.

Dal 1980 è di nuovo in Italia, e, dopo un breve incarico alle Università di Palermo e Salerno, è a Viterbo docente di Storia della Letteratura Moderna e Contemporanea e Direttore dell'Istituto di Studi Romanzi alla facoltà di lingue e letterature straniere moderne.

A testimonianza della stima e dell'affetto nei suoi confronti, i colleghi dell'Università della Tuscia gli dedicano una raccolta di saggi: Satura, studi in onore di Franco Lanza a cura di Renato Badalì. Viterbo, Sette città, 2003.

Si stabilisce a Roma dove vivrà fino alla morte avvenuta nel 2007.

Direttore scientifico dell'associazione culturale europea Francesco Orioli, collabora attivamente al successo della rassegna culturale estiva Stanze con vista o prigione (condotta da Michele Mirabella) per la città di Vallerano.

Redattore di importanti riviste letterarie come Otto/Novecento (Varese), Cenobio (Lugano), Il ragguaglio librario (Milano), Critica letteraria (Napoli). Critico letterario e giornalista collabora con il DSE della RAI, l'Enciclopedia Treccani e con importanti testate con l'Osservatore Romano, Il Popolo, Avvenire, La Prealpina.

Grande amante e conoscitore della Divina Commedia è commentatore di numerose lacturae dantis, venne ricordato dal suo collega e amico maltese Joseph M. Brincat in un articolo uscito poco dopo la sua morte.[2]

La ricchissima bibliografia che segue testimonia la sua vivacità intellettuale, il suo eclettico profilo scientifico ed il grande amore per la letteratura.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Saggi di poetica vichiana, Varese, Ed.Magenta, 1961[4]
  • La narrativa Barocca, Torino, Ed. SEI, 1962
  • Arturo Onofri, Milano, Mursia, 1972
  • D'Annunzio e Serra negli incunaboli e altri saggi di letteratura del '900, Milano, IPL, 1972
  • La narrativa dei Cavalieri Gerosolimitani, Saggio di Franco Lanza in: "La più stupenda e gloriosa macchina. Il romanzo italiano del secolo XVII". A cura di Mario Santoro (pp.79-118). Napoli, Società Editrice Napoletana, 1981
  • D'Annunzio Bizantino, Azzate, Edizioni Otto/Novecento, 1982
  • Rapporti tra letteratura dialettale e letteratura in lingua a Malta. in "La letteratura dialettale in Italia", Palermo, Annali della facoltà di Lettere e Filosofia, 1984
  • Esperienza letteraria e umana di Cesare Pavese, Modena, Mucchi Editore, 1990
  • Paolo VI e gli scrittori, Roma, Studium, 1994
  • Le palestre ticinesi di Piero Chiara, Varese, "Tracce", aprile 1998, 5-10
  • Un ricordo di Mario Apollonio. Ieri e oggi, Varese, "Tracce", ottobre 1998, 5-14
  • Scrittori e anime di fine millennio, Brescia, Morcelliana, 2001
  • La poesia verso il 2000, Saggio di Franco Lanza in: Storia della letteratura Italiana. Il secondo novecento. A cura di Bruno Meier, Milano, Guido Miano Editore, 2001.
  • Parola e immagine.Antologia di Paolo VI, Loreto, Grafiche Lauretane, 2003

Critica letteraria[modifica | modifica wikitesto]

  • Io no ho mani, Recensione a David Maria Turoldo, "Convivium", Bompiani, 1948
  • G.B.Vico critico di Dante, "Lettere Italiane", 1949. 243-52
  • Il Canto XXXIII del Purgatorio, Firenze, E. Le Monnier, 1964
  • Il Canto XVII dell'Inferno, Lectura Dantis Romana, Firenze, Ed.Le Monnier, 1967
  • Ismeria, G. Farrugia, A cura di Franco Lanza, Catania, Società di storia patria per la Sicilia orientale, 1977
  • Il Canto XVI dell'Inferno, Lectura Dantis Neapolitana, Napoli, Loffredo, 1981
  • Nell'antipurgatorio: dai morti scomunicati ai morti per forza, Lectura Dantis modenese, Modena 1985
  • Il paesaggio di Fermo e Lucia, Atti del XIII congresso di Studi manzoniani. Azzate, Ed. otto/Novecento, 1986, 113-8
  • Poesia e teatro di Antonino Cremona, Collana "Il Cammeo". Milano, Guido Miano Editore 1986
  • La poesia dalle origini al primo novecento in Storia della Letteratura Maltese' 'di Oliver Friggeri. Milazzo, Ed.SPES, 1986
  • La poesia di Moriconi, Napoli, Liguori, 1988
  • La poesia di Nino Muccioli, Collana "Il Cammeo". Milano, Guido Miano Editore, 1989
  • Taccuini del 1918 sulla letteratura e sull'arte, Bonaventura Tecchi. A cura di Franco Lanza. Milano, Mursia, 1991
  • Mito e poesia nel personaggio di Stazio. Lettura del canto XXI del Purgatorio, Varese, Annuario del Liceo Scientifico G.Ferraris. Agorà. 1996, 13-30
  • Profilo critico di Maria Rosa Bertellini, Storia della Letteratura Italiana III vol. "Il secondo Novecento". Milano, Guido Miano Editore, 2001

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Collana antologica per le scuole medie superiori, A cura di Piero Gallardo diretta da Mario Apollonio e Franco Lanza. Milano, Fabbri, 1968
  • Civiltà delle lettere, Antologia in tre volumi per gli Istituti Tecnici. Con I. De Bernardi e G.Barbero. Torino, SEI,1973
  • Letteratura Italiana, Antologia in tre volumi per le scuole medie superiori. Con I De Bernardi e G.Barbero. Torino, SEI,1982
  • Dizionario degli autori italiani contemporanei, Direzione e prefazione di Franco Lanza. Milano, Guido Miano Editore, 1996
  • Oreste, Vittorio Alfieri, A cura di Franco Lanza. Torino, G.B. Petrini, 1960
  • Pagine Scelte, Giovan Battista Vico, A cura di Franco Lanza. Torino, SEI,1969
  • La gondola a tre remi, Girolamo Brusoni. A cura di Franco Lanza. Milano, Marzorati, 1971
  • Giovanni Pascoli scritti editi e inediti, Arturo Onofri. Introduzione e nota filologica di Franco Lanza. Bologna, Boni, 1990
  • Satura, R. Badalì, Studi in onore di Franco Lanza. Viterbo, Sette città, 2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parola e immagine. Antologia di Paolo VI. Loreto, Grafiche Lauretane, 2003
  2. ^ The Times, April 1st. Malta, 2007 Article by Joseph M.Brincat
  3. ^ "La letteratura come entusiasmo: Roma dà l'addio a Franco Lanza" di Pietro Gibellini. L'Avvenire, Anno XL N.73, 27 marzo 2007
  4. ^ Premio alla cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Roma 1961.
Controllo di autoritàVIAF (EN68963598 · ISNI (EN0000 0000 2758 7770 · LCCN (ENn86847932 · GND (DE129637475 · BNF (FRcb12133446c (data) · WorldCat Identities (ENn86-847932