Epistolae metricae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Epistole
Titolo originaleEpistolae metricae
AutoreFrancesco Petrarca
1ª ed. originaletra il 1331 e il 1361
Genereraccolta di lettere
Lingua originale latino

Epistolae metricae (in italiano Epistole metriche) è una raccolta di 66 lettere in latino e in esametri composta da Francesco Petrarca tra il 1331 e il 1361.

Egli si ispirò alle Epistole di Orazio, cercando anche di imitarne la chiarezza del linguaggio e la semplicità spontanea. Notevole è il livello artistico (oggi è considerato il più importante lavoro in latino del Petrarca, ben oltre il suo preferito poema dell'Africa) e il valore storico-biografico delle lettere.

Una delle più celebri è quella che racconta un viaggio in Italia di Petrarca, con una nota apostrofe dal Colle del Monginevro; un'altra è indirizzata al cardinale Giovanni Colonna, al quale descrive la sua vita nella Vaucluse; una ancora parla della cerimonia della propria incoronazione quale poeta a Roma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E.H. Wilkins, The «Epistolae metricae» of Petrarch. A manual, Edizioni di storia e letteratura, Roma 1956 (in parte online)