Amorosa visione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amorosa visione
Giovanni Boccaccio.jpg
ritratto giovanile di Boccaccio
Autore Giovanni Boccaccio
1ª ed. originale 1343 circa
Genere poema allegorico
Lingua originale italiano

L'Amorosa visione è un poema allegorico in terzine di endecasillabi scritto da Giovanni Boccaccio.

L'opera venne scritta da Boccaccio tra il 1342 e il 1343 e ci è pervenuta in due diverse stesure, di cui la prima, approntata sull'edizione critica, a cura di Vittore Branca e la seconda, tratta dall'edizione del 1521 stampata "In aedibus Zannotti Castellionei impensa D. Andreae Calvi", a cura di G. Claricio e in seguito riprodotta nel Cinquecento in altre tre edizioni.

Si ritiene che la versione del Claricio, con eventuali ma non riconoscibili interventi, risalga allo stesso Boccaccio che negli anni intorno al 1356 e il 1360 avrebbe preparato una nuova stesura dell'opera.

Struttura dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

L'opera è composta da cinquanta canti brevi in terzine dalla forma e dalla struttura tipicamente dantesca. La tecnica usata dall'autore è molto artificiosa e il testo appare come un unico acrostico dove ogni lettera delle parole che compongono i tre sonetti iniziali corrisponde, in ordine progressivo, alle prime lettere con cui inizia ogni terzina.

Ai tre sonetti iniziali, dei quali i primi due caudati e l'ultimo rinterzato di diciassette, sedici e venticinque versi, con dedica [1] a Fiammetta,

« Cara Fiamma, per cui 'l core ò caldo,/que' che vi manda questa Visione/Giovanni è di Boccaccio di Certaldo »

seguono cinquanta canti composti da ottantaquattro versi escluso il ventiseiesimo di novantuno versi, il quarantaquattresimo di ottantacinque e il cinquantesimo di novantaquattro.

L'opera è scritta in prima persona da una voce narrante.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il protagonista, che è stato colpito dalle frecce d'amore di Cupido per Fiammetta, si addormenta e sogna di andare errando per luoghi deserti quando incontra una donna che lo invita a seguirlo e lo conduce ad un castello che ha due porte, quella a destra è piccola e stretta e conduce alla virtù, mentre quella a sinistra è grande e larga e promette ricchezza e gloria mondana.

Lasciandosi convincere da due giovinetti egli sceglie la porta più larga e attraversa numerose sale sulle cui pareti sono affrescati i trionfi della Sapienza, della Gloria, degli Avari, dell'Amore, della Fortuna e di una donna gentile. Si convince così "che questi ben terren son veramente/que' che a' vizi ciascun mettono sotto" [2] e segue la sua guida perché lo conduca a vedere le cose "gloriose ed etterne" [3].

Per prima cosa scorge una fontana di marmo sulla quale spiccano quattro cariatidi che rappresentano simbolicamente le quattro virtù cardinali, tre piccole statue di donna, simbolo dell'amore puro, dell'amore carnale e dell'amore venale e tre teste di animali, un leone, un toro e un lupo che simboleggiano la superbia, la lussuria e l'avarizia.

In seguito entra in un giardino dove passeggiano donne leggiadre ed egli riconosce tra esse Fiammetta. I due si allontanano in un "loco (...) soletto tutto" [4] ma quando egli cerca di possedere la donna desiderata il sogno svanisce. Risvegliatosi, si ritrova così accanto alla guida che lo rimprovera e gli dice che potrà raggiungere quello che desidera solo seguendo la virtù e lasciando i beni mondani.

Il poema termina con una invocazione alla donna amata perché sia verso di lui pietosa:[5].

« Dunque, donna gentile e valorosa,

di biltà fonte, com di luce sole,
rimirate alla fiamma che nascosa
dimora nel mio petto, ed ispegnete
quella con l'esser verso me piatosa »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Boccaccio, Amorosa visione, ed. critica di V. Branca, Sansoni, Firenze, 1994
  2. ^ op. cit., XXXVII, vv. 32-33
  3. ^ op.cit., XXXVII, vv. 50-53
  4. ^ op.cit., XLIX
  5. ^ op.cit., L, vv. 62-65

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura