Guido Stampacchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guido Stampacchia, a Tokyo, nel 1969 (foto di Konrad Jacobs)

Guido Stampacchia (Napoli, 26 marzo 1922Parigi, 27 aprile 1978) è stato un matematico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi classici al Liceo Ginnasio Giambattista Vico di Napoli, iniziò gli studi universitari alla Scuola Normale Superiore di Pisa, e li completò all'Università di Napoli, dove, per conto dell'Università di Pisa, conseguì la laurea nel 1944, allievo di Carlo Miranda e Renato Caccioppoli,[1][2] discutendo una tesi sui problemi al limite di equazioni differenziali ordinarie nella quale presentava un adattamento del procedimento di approssimazione di Leonida Tonelli per le equazioni integrali di Volterra[3].

È conosciuto per gli importanti contributi alla teoria delle equazioni differenziali ellittiche e al calcolo delle variazioni. Insieme a Gaetano Fichera, fu il "padre fondatore" del campo di ricerca detto delle disuguaglianze variazionali[4], nel quale i due matematici, peraltro, partivano da motivazioni di ricerca diverse: questioni legate alla teoria del potenziale per Stampacchia, un problema di elasticità lineare con vincoli unilaterali, cioè con condizioni al contorno ambigue (il cosiddetto problema di Signorini) per Fichera[4].

In particolare, riveste grande importanza nell'analisi funzionale un suo teorema sugli spazi di Hilbert, di cui il teorema di Lax-Milgram è un corollario.

A lui si deve inoltre uno stretto e fruttifero rapporto di collaborazione tra la scuola matematica italiana e quella francese. Tra i suoi estimatori figurano grandi nomi quali Haim Brezis e Serge Lang.

Scomparve prematuramente a Parigi nel 1978, in seguito a un infarto miocardico.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 1966, mentre era visiting professor all'Università di Chicago, ricevette la notizia del conferimento del premio Feltrinelli dell'Accademia nazionale dei Lincei per la matematica, meccanica e applicazioni, per la "la vasta e multiforme produzione scientifica", "l'importanza dei risultati" e "l'elevata posizione che questi gli hanno valso in campo internazionale"[3]: sul suo nome, suggerito da Giovanni Sansone, era caduta la scelta di una commissione composta, oltre che da Sansone stesso, da Beniamino Segre, Mauro Picone, Enrico Pistolesi, Alessandro Terracini, Bruno Finzi[3].

Fu presidente dell'Unione Matematica Italiana dal 1968 al 1974. Fu inoltre direttore dell'Istituto per le Applicazioni del Calcolo del Consiglio Nazionale delle Ricerche dal dicembre 1968[3] al 1971, quando fu sfiduciato dal Comitato Nazionale per la Matematica del CNR.

Fu socio corrispondente dell'Accademia nazionale dei Lincei dal 1968[5].

Alla sua memoria è dedicata la Medaglia Stampacchia, riconoscimento dedicato a giovani matematici distintisi nel calcolo delle variazioni. Porta il suo nome la scuola di matematica del Centro di Cultura Scientifica Ettore Majorana di Erice[6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ad vocem, AA.VV., Biografie e bibliografie degli Accademici Lincei, Roma, Acc. dei Lincei, 1976, p. 637.
  2. ^ Carlo Sbordone, De Giorgi, Ennio, Il Contributo italiano alla storia del Pensiero – Scienze (2013), Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani
  3. ^ a b c d Silvia Mazzone, Guido Stampacchia
  4. ^ a b Haim Brezis, Review of An introduction to variational inequalities and their applications by David Kinderlehrer and Guido Stampacchia (PDF), in Bull. Amer. Math. Soc. (N.S.), vol. 7, nº 3, 1982, pp. 622–627.
  5. ^ «Stampàcchia, Guido», Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani
  6. ^ Schools at the Ettore Majorana Foundation and Centre for Scientific Culture

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Voce "Guido Stampacchia" in AA.VV., Biografie e bibliografie degli Accademici Lincei, Roma, Acc. dei Lincei, 1976, pp. 637–638.
  • Variational analysis and applications, edito da Franco Giannessi e Antonino Maugeri, atti di un convegno in memoria di Guido Stampacchia, Springer Verlag (2005)
  • (EN) John J. O'Connor e Edmund F. Robertson, Guido Stampacchia, su MacTutor, University of St Andrews, Scotland.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN46822589 · ISNI: (EN0000 0001 0895 8692 · SBN: IT\ICCU\RAVV\014187 · LCCN: (ENn79111475 · GND: (DE1089367198 · BNF: (FRcb12281800w (data)