Tullio Ascarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tullio Ascarelli (Roma, 6 ottobre 1903Roma, 20 novembre 1959) è stato un giurista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma da genitori ebrei divenne professore ordinario a soli ventisette anni. Prestò giuramento di fedeltà al fascismo nel 1931.[1]

Visse parte della sua vita (dal 1941 al 1946) in Brasile, espulso dall'Italia a seguito delle leggi razziali emanate dal regime fascista.

Fu professore nella Facoltà di Diritto della Sapienza, dell'Università di São Paulo e dell'Università di Bologna. Antifascista e socialista scrisse per diverse riviste tra cui Studi Politici e Quarto Stato.

Suo figlio, Gianni Ascarelli (1931-1995), fu un importante fisico.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Appunti di diritto commerciale (1931)
  • Apresentação do Brasil (1952)
  • Cambiale, assegno bancario, titoli di credito (1938)
  • Consorzi volontari tra imprenditori (1937)
  • Corso di diritto commerciale (1962)
  • Derecho mercantil (1940)
  • Ensaios e pareceres (1952)
  • Iniciacion al estudio del derecho mercantil (1964)
  • Istituzioni di diritto commerciale (1938)
  • Introducción al derecho comercial y parte general de las obligaciones comerciales (1947)
  • Lezioni di diritto commerciale (1955)
  • Lucros extraordinarios e imposto de renda (1944)
  • Negocio juridico indirecto (1965)
  • Negozio indiretto e le societa commerciali (1930)
  • Norma giuridica e realtà sociale (1955)
  • Obbligazioni pecuniarie (1959)
  • Panorama do direito comercial (1947)
  • Panorama del derecho comercial (1949)
  • Per uno studio della realtà giuridica effettuale (1956)
  • Problemas das sociedades anônimas e direito comparado (1945)
  • Problemi giuridici (1959)
  • Problemas das sociedades anônimas e direito comparado (1969)
  • Saggi di diritto commerciale (1955)
  • Saggi giuridici (1949)
  • Sguardo sul Brasile (1949)
  • Sociedades y asociaciones comerciales (1947)
  • Studi di diritto comparato e in tema di interpretazione (1952)
  • Studi giuridici sulla moneta (1952)
  • Studi in tema di contratti (1952)
  • Studi in tema di società (1952)
  • Teoria della concorrenza e dei beni immateriali (1957)
  • Teoria geral dos títulos de crédito (1943)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simonetta Fiori, I professori che dissero "NO" al Duce . In: La Repubblica, 16 aprile 2000

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Meroni, Massimo, La teoria dell'interpretazione di Tullio Ascarelli (1989)
  • Federico Casa, Tullio Ascarelli. Dell'interpretazione giuridica tra positivismo e idealismo, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane (collana L'ircocervo), 1999.
  • Norberto Bobbio, L'itinerario di Tullio Ascarelli, in Studi in memoria di Tullio Ascarelli, vol. 1, Milano, Giuffrè, 1969, pp. LXXXIX-CXL, ISBN non esistente. Ora in Id., Tullio Ascarelli, in Dalla struttura alla funzione, Roma-Bari, Laterza, 2007 [1977], pp. 186-238, ISBN 9788842084587.
Controllo di autorità VIAF: (EN22136348 · LCCN: (ENn79034935 · SBN: IT\ICCU\LO1V\039552 · BNF: (FRcb115108326 (data)