Guido Pontecorvo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guido Pontecorvo

Guido Pontecorvo (Pisa, 29 novembre 1907Pisa, 25 settembre 1999) è stato un genetista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia ebraica benestante non praticante, fratello del fisico Bruno e del regista Gillo, nel 1928 si laurea in agraria all'Università di Pisa.

Nel 1938, a causa delle Leggi Razziali, si rifugia a Edimburgo dove, allievo di Hermann Joseph Muller, comincia a interessarsi di genetica.

Nel 1945 diventa direttore del Dipartimento di genetica dell'Università di Glasgow e, nel 1968, entra a far parte dello staff dell'Imperial Cancer Research Found di Londra.

Ha chiarito la genetica della Drosophila (il moscerino dell'uva) e dei funghi ed ha proposto il concetto di gener come unità funzionale e di paresessualità.

È stato tra i primi ad intraprendere gli studi per la determinazione delle mappe cromosomiche dell'uomo ed ha introdotto la tecnica di irradiazione con raggi X per provocare la rottura dei cromosomi.

Nel 1978 la Royal Society gli assegnò la Medaglia Darwin per i suoi contributi allo studio della genetica.

Morì per le conseguenze di una caduta accidentale avvenuta mentre coltivava lamponi nella sua tenuta in Svizzera: il decesso avvenne nella città natale.

Controllo di autorità VIAF: (EN60549497