Mario Castelnuovo-Tedesco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Castelnuovo-Tedesco
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica classica
Periodo di attività 1909 – 1968
Strumento pianoforte

Mario Castelnuovo-Tedesco (Firenze, 3 aprile 1895Beverly Hills, 18 marzo 1968) è stato un compositore italiano naturalizzato statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Mario Castelnuovo-Tedesco nacque il 3 aprile 1895 in una agiata famiglia ebrea fiorentina. Mostrò fin da piccolo un precoce talento musicale. Ricevute le prime lezioni di piano dalla madre, si iscrisse al Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, dove studiò pianoforte con Edgardo Del Valle de Paz (1861-1920), pianista e compositore allievo di Beniamino Cesi, e quindi composizione con Ildebrando Pizzetti, che, giunto a Firenze da Parma nel 1908, era il musicista allora più significativo in città (a lui Castelnuovo-Tedesco dedicherà anche uno dei suoi "Caprichos de Goya").

Ottenuto nel 1914 il diploma di pianoforte e nel 1918 quello di composizione, Castelnuovo-Tedesco riscosse sin dall'inizio della carriera ottimi consensi in tutta Europa come concertista e compositore. La sua produzione attrasse l'attenzione di Alfredo Casella, che la incluse nel repertorio della Società Nazionale di Musica (fondata da Casella nel 1917) e già nel 1922 opere di Castelnuovo-Tedesco furono eseguite a Salisburgo al primo festival della International Society for Contemporary Music. Nel 1925, con La mandragola, vinse un importante concorso di composizione e l'opera fu rappresentata al Teatro La Fenice di Venezia. Arturo Toscanini e la New York Philharmonic Orchestra presentarono in prima rappresentazione diverse opere di Castelnuovo-Tedesco, inclusi I profeti (Concerto per violino no. 2) nel 1933 con Jascha Heifetz come solista e, nel 1935, il Concerto per violoncello con Gregor Piatigorsky come solista. Nel 1932 Castelnuovo-Tedesco incontrò a Venezia per la prima volta Andrés Segovia con il quale stabilì una collaborazione destinata a protrarsi negli anni e che avrebbe fatto di Castelnuovo-Tedesco uno dei più importanti compositori del Novecento per chitarra classica.. A Firenze, dalla quale non si allontanò mai, prese parte attiva alla vita musicale e culturale, non solo con la sua musica ma con una vasta produzione saggistica e collaborando con Vittorio Gui alla nascita del Maggio Musicale Fiorentino. [1]

Nel 1939 a causa delle leggi razziali promulgate dal regime fascista, Castelnuovo-Tedesco fu costretto a lasciare l'Italia con la sua famiglia. Grazie all'aiuto offertogli da Arturo Toscanini, Jascha Heifetz e Albert Spalding si trasferì negli Stati Uniti, dapprima a New York, dove al suo arrivo nel 1939 poté esibirsi come solista al pianoforte per la prima esecuzione del suo Concerto n.2 per pianoforte con la New York Philharmonic Orchestra, in un concerto diretto da John Barbirolli. Ricevette quindi un contratto (e un lavoro stabile) a Hollywood con la Metro-Goldwyn-Mayer affermandosi come stimato autore di colonne sonore per film. 11 sono quelle che furono a lui accreditate, ma tra il 1940 e il 1971 furono oltre 200 quelle a cui collaborò (non accreditato) nel ruolo di compositore di musiche originali o come arrangiatore.[2] Accanto alla carriera cinematografica, Castelnuovo-Tedesco continuò la sua attività di compositore di musica classica e dal 1946 lavorò come insegnante di composizione al conservatorio di Los Angeles. Ebbe tra i suoi allievi musicisti del calibro di Elmer Bernstein, Jerry Goldsmith, John Williams, Henry Mancini, André Previn, Nelson Riddle.

Nel 1946 Castelnuovo-Tedesco ottenne la cittadinanza americana, ma rimase molto legato all'Italia, tornandovi di frequente in visita o per lavoro. Nel 1958 vinse il Concorso Campari con l'opera Il mercante di Venezia, che fu rappresentata nel 1961 al Maggio musicale fiorentino sotto la direzione di Gianandrea Gavazzeni.

Castelnuovo-Tedesco morì a Beverly Hills in California il 17 marzo 1968.

Nel 2000 il ricchissimo archivio contenente i manoscritti musicali e la corrispondenza epistolare del compositore fu donato nella sua interezza dagli eredi alla Library of Congress di Washington a formare la Mario Castelnuovo-Tedesco Collection.[3] Il fondo che il compositore stesso aveva avviato nel 1966, si era già arricchito tra il 1970 e il 1978 con una serie di donazioni da parte della vedova. Consiste oggi in 161 scatole di materiale manoscritto. Il catalogo è accessibile online.[4]

Nel 2005 viene pubblicata in Italia, con il titolo Una vita di musica: un libro di ricordi, l'autobiografia del compositore, da lui composta nel dopoguerra.[5]

Composizioni[modifica | modifica sorgente]

Castelnuovo-Tedesco fu un autore molto prolifico. Nel corso della sua carriera scrisse, tra l'altro, sei opere liriche, cinque oratori, undici ouverture per altrettanti lavori shakespeariani, quattro balletti, concerti per pianoforte, violino, chitarra, violoncello, arpa e oboe, oltre cento composizioni per pianoforte e altrettante per chitarra, più di cento composizioni corali, quasi quattrocento composizioni vocali e un gran numero di composizioni cameristiche.

Dotato di una vena melodica ricchissima e fluente, Castelnuovo-Tedesco eccelse soprattutto nel campo della musica vocale: «Ho scritto una grande quantità di melodie vocali nella mia vita; ne ho pubblicate centocinquanta (per non parlare di quante sono rimaste inedite nel cassetto) e le ho composte in tutte le lingue che conosco - italiano, francese, inglese, tedesco, spagnolo, latino. La mia ambizione e, ancora più, una urgenza profonda, è sempre stata quella di unire la mia musica ai testi poetici che hanno destato il mio interesse e la mia emozione, per coglierne l'espressione lirica».[6]

Compositore colto e raffinato, musicò autori come Cavalcanti, Petrarca, Vogelweide, Cervantes, Shakespeare, Lorca, Whitman. Accanto agli autori classici e contemporanei, la propria cultura ebraica fu fonte di continua ispirazione per il compositore, che scrisse opere di argomento biblico o per la liturgia sinagogale. La preparazione tecnica solidissima gli permise di avere un dominio assoluto della forma e del contrappunto. Nel secondo dopoguerra fu criticato (anche aspramente) per il suo linguaggio conservatore, legato in egual misura al romanticismo tardo ottocentesco, all'impressionismo e al folklore spagnolo.

Oggi è ricordato dal grande pubblico soprattutto per la sua produzione per chitarra, strumento a cui si dedicò con attenzione per tutta la vita, e a cui regalò alcune delle sue pagine più ispirate e autobiografiche.

Un elenco delle sue opere più famose comprende i seguenti brani:

Opere per pianoforte[modifica | modifica sorgente]

  • English Suite (1909)
  • Questo fu il carro della morte op.2 (1913)
  • Il raggio verde (1916)
  • I naviganti op. 13 (1919)
  • Alghe (1919)
  • I cipressi op. 17 (1920)
  • La sirenetta e il pesce turchino (1920)
  • Vitalba e biancospino (1921)
  • Le danze del re David. Rapsodia ebraica op. 37 (1925)
  • Sonata (1928)
  • Alt Wien. Rapsodia viennese (1923)
  • Piedigrotta (1924)op. 32
  • Tre corali su melodie ebraiche (1926)
  • Sonata (1928)
  • Candide (1944)
  • Suite nello stile italiano op.138 (1947)
  • Six canons, op.142
  • Greeting cards op.170 (1954)
  • Ricercare sul nome di Dallapiccola (1958)
  • Sonatina zoologica op.187(1961)

Opere per chitarra[modifica | modifica sorgente]

  • Variazioni (attraverso i secoli...) op. 71 (1932)
  • Sonata (omaggio a Boccherini) op. 77 (1934)
  • Capriccio diabolico (omaggio a Paganini) op. 85a (1935)
  • Tarantella e Aranci in fiore op. 87 (1936)
  • Variations plaisantes sur un petite air populaire op. 95
  • Rondò op. 129 (1946)
  • Escarramán op. 177 (1955)
  • Tre preludi mediterranei (in memoriam Renato Bellenghi) (1955)
  • Passacaglia (omaggio a Roncalli) op. 180 (1956)
  • 24 Caprichos de Goya op. 195 (1961)
  • Appunti op. 210 (1967)
  • Suite op.133

Concerti[modifica | modifica sorgente]

Composizioni vocali[modifica | modifica sorgente]

Musica da camera[modifica | modifica sorgente]

Opere liriche e musiche di scena[modifica | modifica sorgente]

  • La mandragola op.20 - in 3 atti da Machiavelli (1920-23 prima esecuzione 1926 Venezia, Teatro la Fenice; revisione del 2° Atto 1928 Wiesbaden, Staatsoper)
  • The Merchant of Venice op.181 - in 3 atti da Shakespeare(1956 prima esecuzione il 25 maggio 1961 Firenze, Teatro comunale)
  • All's well that ends well op.182 - in 3 atti (1955-58; ineseguita)
  • Saul op.191 - in 3 atti da Vittorio Alfieri (1958-60; ineseguita)
  • The importance of being Ernst - L'importanza di esser Franco op.198 - in 3 atti da Oscar Wilde; libretto inglese e italiano (del compositore) (1961-62 prima esecuzione 1972 Auditorium RAI di Roma; 1975 New York, La Guardia)
  • Aucassin et Nicolette op.98 - per marionette (Firenze 1952)
  • Savonarola di Alessi op.81 - in 3 musica di scena (Firenze 1935)
  • I giganti della montagna di Pirandello op.95 - musica di scena (Firenze 1936)

Balletti[modifica | modifica sorgente]

  • Bacco in Toscana op.39 - (Milano 1931)
  • The Octoroon Ball op.136 - (? 1947)

Colonne sonore[modifica | modifica sorgente]

Elenco completo degli 11 film, dei quali Castelnuovo-Tedesco fu accreditato come "autore della colonna sonora"

Elenco dei film, ai quali Castelnuovo-Tedesco collaborò (non accreditato) come "compositore di musiche originali"

  • The Stars Look Down <verisone americana>, regia di Carol Reed (1940)

Elenco (parziale) di film ai quali Castelnuovo-Tedesco collaborò (non accreditato) come "arrangiatore"

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. Compagno: "Gli anni fiorentini di Mario Castelnuovo-Tedesco", Carrara, 2000.
  2. ^ IMDb
  3. ^ Library of Congress.
  4. ^ Mario Castelnuovo-Tedesco Collection
  5. ^ Mario Castelnuovo-Tedesco, ''Una vita di musica: un libro di ricordi, a cura di James Westby e con un'introduzione di Mila De Santis, Fiesole: Cadmo, 2005.
  6. ^ Mario Castelnuovo-Tedesco, Music and Poetry: Problems of a Song-Writer, in «The Musical Quarterly», gennaio 1944, vol. XXX, n. 1, p. 102-11.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mario Castelnuovo-Tedesco, Una vita di musica: un libro di ricordi, a cura di James Westby con un'introduzione di Mila De Sanctis, Fiesole : Cadmo, 2005 (autobiografia del compositore)
  • James Westby, Catalogo delle opere [di Mario Castelnuovo-Tedesco]: composizioni, bibliografia, filmografia. Fiesole, Cadmo, 2005 (pubblicato come vol.2 dell'autobiografia del compositore).
  • Cosimo Malorgio, Censure di un musicista: la vicenda artistica e umana di Mario Castelnuovo-Tedesco. Torino: Paravia, 2001
  • Alberto Compagno: Gli anni fiorentini di Mario Castelnuovo-Tedesco. Carrara, 2000
  • Corazon Otero, Mario Castelnuovo-Tedesco : su vida y su obra para guitarra. Lomas de Bezares: Ediciones musicales Yolotl, 1987
  • Nick Rossi, Catalogue of Works by Mario Castelnuovo-Tedesco. New York: International Castelnuovo-Tedesco Society, 1977.
  • Aloma Bardi, "Mario Castelnuovo-Tedesco amico dei musicisti napoletani". In Pier Paolo De Martino e Daniela Margoni Tortora (a cura di). Musica e musicisti a Napoli nel primo Novecento. Napoli: Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 2012.
  • Angelo Gilardino, "Mario Castelnuovo-Tedesco". Supplemento di Guitar 10 (2005).
  • Guido M. Gatti. "Ricordo di Mario Castelnuovo Tedesco". In Annuario Accademia Nazionale di S. Cecilia (1969).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 46945802 LCCN: n79105794