Cristina di Lagopesole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cristina di Lagopesole (Calitri, 18 aprile 1942) è una poetessa, scrittrice, religiosa italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cristina Rosati, nota come Cristina di Lagopesole o Madre Cristina di Gesù Crocifisso[1], è una suora carmelitana laureata in Pedagogia con indirizzo filosofico. Poetessa del sacro innografo, omileta, scrittrice di filotee, esegeta ed ermeneuta delle Sacre Scritture, saggista, conduce studi biblici, patristici, teologici, innografici ed iconografici[2].

Vive nell'eremo di Castel Lagopesole[3] (frazione di Avigliano) in provincia di Potenza, luogo elettivo da cui ha tratto il nome distintivo e presso il quale ha elevato una chiesa, consacrata e dedicata al Divin Crocifisso il 14 settembre 2001[4].

Il 13 dicembre 2005, per mano di Sua Eminenza Reverendissima Monsignor Agostino Superbo, Arcivescovo metropolita di Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo, si è consacrata[5].

Dal 1983 ha pubblicato oltre venti libri tra filotee, omelie, poesie e saggi.

Conferisce in convegni e università, pronuncia omelie e inni sacri nelle chiese; promuove incontri ecumenici, esercita il ministero della predicazione[6].

Collabora con le Università[7] di Monaco, Helsinki, Cattolica d'Avila in Spagna ed italiane anche pontificie. Opera in ambito religioso, con seminari pontifici e cenacoli letterari.

Direttore della redazione lucana della Casa Editrice Lacaita di Manduria (1985-2000); membro del “Centro Annali per uno studio sociale della Basilicata”[8] di Rionero in Vulture in provincia di Potenza (1981-1986); direttore del “Centro Studi Giustino Fortunato[8] di Rionero in Vulture in provincia di Potenza (1991-1999); socio onorario della Fondazione Federico II Hòhenstàufen di Jesi[9].

Le sue opere vengono musicate (utilizzando svariate forme musicali, da quelle arcaiche e gregoriane sino a quelle classiche) e tradotte in arabo, francese, grecanico, greco (liturgico e moderno), inglese, latino (liturgico e classico), polacco, spagnolo e tedesco.

Ha ricevuto numerosi premi, tra cui sei nazionali sulla Pace, ed è presente in diverse antologie.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Filotee[modifica | modifica wikitesto]

  • Movimenti dell'anima: Libro d'Ore (Lacaita editore, Manduria, 1993)
  • Il libro del pellegrino. Cantica Graduum (Laicata Editore, Manduria 1999)
  • Ad Crucem (Laicata Editore, Manduria 2001)
  • Flos sanctorum - Perenegratio per annum (Lacaita Editore, Manduria 2005)
  • Nel Giardino. Inni in onore della beata Maria Candida dell'Eucaristia e dei Santi del Carmelo (Città Ideale, Prato 2006)
  • De Eucharistia (Città Ideale, Prato 2009)
  • Ad limina Coelorum (Edizioni Feeria, Comunità di San Leolino 2012)

Omelie[modifica | modifica wikitesto]

  • Omelia sul Cantico dei cantici (Laicata Editore, Manduria 1997)
  • Omelia sullo spirito santo (Laicata Editore, Manduria 1998)

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Fissione (Editrice Il Ventaglio, Roma 1984)
  • Sinfonia in re (Laicata Editore, Manduria 1990)
  • I canti di Lagopesole (Laicata Editore, Manduria 1990)
  • Figure (Il Salice Editore, Potenza 1991)
  • La notte della stella (Laicata Editore, Manduria 1991)
  • Il dono (Laicata Editrice, Manduria 1992)
  • Omaggio a Cristina di Lagopesole (Santa Maria ad Nives, Atella 1992)
  • Tra due labbra (Laicata Editore, Manduria 1996)
  • Corrispondenze evangeliche (Editrice dell'Ereno, Lagopesole 2000)

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • La seduzione alimentare in Porco e Asglianico (Basilicata Edizioni, Matera 1983)
  • La morte dei morti in Il Potere delle paure (Basilicata Edizioni, Matera 1985)
  • Verso quale cultura. Basilicata, Mezzogiorno e modernizzazione (Laicata Editore, Manduria 1988)
  • Quel dolce liquore color amaranto in Tradizioni Popolari (Laicata Editore, Manduria 1988)
  • L'odore della morte in Morte del discorso e discorso della morte (BMG, Matera 1991)
  • Una vita per il socialismo, per la libertà, per la democrazia in Michele Preziuso, l'uomo, il politico, l'educatore (Calice Editori, Rionero in Vulture 2002)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1987 - Finalista Premio Librex Montale[10] e Premio Guido Gozzano[10]
  • 1990 - Premio Nazionale di Poesia Città di Penne[11] per "I canti di Lagopesole"
  • 1991 - Premio Nazionale Sìlarus[12] terzo premio
  • 1997 - Premio Nazionale di Poesia e di Giornalismo "La Fonte Città di Caserta"[10]
  • 1999 - Premio Alghero Donna[13][14] per "Il libro del pellegrino. Cantica Graduum"; Premio LericiPea; finalista Premio Città di Bergamo[15]
  • 2001 - Premio "La Gorgone d'Oro"[16]
  • 2002 - Premio Camaoire per la Poesia[17] sezione Speciale; Premio Nazionale Histonium[18]; Premio Poesia Natale targa "Giovanna Finocchiaro Chimirri"[19] per la poesia “Attesa”; Premio Letterario Città di Arona "Gian Vincenzo Omodei Zorini"[20] secondo premio per "Il libro del pellegrino. Cantico Graduum"; Premio Letterario Internazionale "Feudo di Maida"[21]
  • 2004 - Premio Europeo di Arti Letterarie “Via Francigena 2004”[22] per il trofeo religioso con “Il libro del pellegrino. Cantico Graduum”
  • 2007 - Festival Internazionale di Poesia di Trieste[23] Premio Anthares “Un poeta per la pace”[24]
  • 2009 - Premio Internazionale di poesia “San Gerardo Maiella[25] sezione premio Speciale; ”Premio Natale - Città di Tremestieri Etneo[26] sezione Poesia
  • 2010 - Premio Nazionale di Poesia "Giulio Stolfi"[27] terzo classificato
  • 2011 - Premio Letterario Internazionale “Ida Baruzzi Bertozzi” per il libro "Amen Maria"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Suor Cristina, testimone di fede e di speranza ospite del Cav di Policoro, CorrierediPolicoro.Blogspot.it
  2. ^ La poetessa di Dio: Cristina di Lagopesole, SpazioinWind.Libero.it
  3. ^ Cristina di Lagopesole su, APTBasilicata.it
  4. ^ Cristina di Lagopesole[collegamento interrotto], TriestePoesia.org
  5. ^ Il Natale visto da Cristina di Lagopesole, MiliziadiSanMicheleArcangelo.org
  6. ^ Gli inni sacri di ‘Ad limina Coelorum'. Presentazione al Cenacolo di Santa Croce con la Fondazione Il Fiore[collegamento interrotto], GoNews.it
  7. ^ Gli inni sacri di ‘Ad limina Coelorum': presentazione a Firenze con letture e canti, Met.Provincia.FI.it
  8. ^ a b “Flos Sanctorum”, un itinerario per la santità, Siderurgikatv.com
  9. ^ Cristina di Lagopesole Archiviato il 23 febbraio 2014 in Internet Archive., TriestePoesia.org
  10. ^ a b c 1997 Incontro con la poetessa Cristina di Lagopesole, MateraPoesia1995.Weebly.com
  11. ^ Riconoscimenti & Premi editoriali Archiviato il 17 febbraio 2013 in Internet Archive., Lacaita.it
  12. ^ Sìlarus rassegna bimestrale di cultura fondata da Italo Rocco Ecco i vincitori del XXXI Premio Sìlarus, RivistaSilarus.it
  13. ^ Premi. Le vincitrici di Alghero Donna 1999, MCLink.it
  14. ^ Premi/2. Le protagoniste dell'Alghero Donna '99, MCLink.it
  15. ^ finale del premio Città di Bergamo, Corriere.it
  16. ^ ALBO D'ORO del Premio Nazionale di poesia “La Gorgone d'Oro”[collegamento interrotto], EpucaNostra.it
  17. ^ Scrittori a confronto si assegna il premio, Repubblica.it
  18. ^ Premi Histonium d'Oro consegnati dal 2000 al 2007, PremioHistonium.it
  19. ^ Poesie Premiate - Targhe, PremioPoesiaNatale.it
  20. ^ Premio Letterario Città di Arona Gian Vincenzo Omodei Zorini 26 ottobre 2002, PremioGvoz.Altervista.org
  21. ^ Associazione Culturale “La Lanterna” - Premio Letterario Internazionale Feudo di Maida 2012 XVI edizione - Letteratura religiosa, ComuneMaida.CZ.it
  22. ^ Premio Via Francigena 2004, ComunePontremoli.MS.it
  23. ^ Progetto - Premio Anthares "Un poeta per la Pace" Archiviato il 3 giugno 2013 in Internet Archive., TriestePoesia.org
  24. ^ Cristina di Lagopesole: un poeta per la pace[collegamento interrotto], ArtePress.it
  25. ^ Edizione speciale PRIMA EDIZIONE - Premio Internazionale di poesia “San Gerardo Maiella” Archiviato il 20 marzo 2012 in Internet Archive., CuoriMuresi.it
  26. ^ Premio Natale - Città di Tremestieri Etneo XXI Edizione - Risultati, ConcorsiLetterari.it
  27. ^ Comunicato Stampa IV edizione Premio di Poesia "Giulio Stolfi" Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive., ProLocoIlPortale.Altervista.org