Carlo Vita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Vita pseudonimo di Vita Carlo Fedeli (Verona, 28 luglio 192511 maggio 2019) è stato uno scrittore e giornalista italiano.

Dopo la laurea in legge si è occupato di giornalismo a Verona e Genova (1949-59) e comunicazione aziendale a Genova e Milano; è stato capo ufficio stampa e attività editoriali della Cornigliano e dell'Italsider, di cui ha diretto la rivista, nel periodo 1960-65; poi dirigente delle relazioni esterne del Gruppo Ansaldo, dal 1980 al 1983.

Ha lavorato nell'illustrazione, in particolare disegnando per il quotidiano "L'Arena" di Verona (1951-61).

Nel tempo libero si dedica a pittura, acqueforti e acquetinte.

È stato tra i fondatori del "Circolo del Cinema di Verona" (1947) tuttora attivo, e del Gruppo Cooperativo di Boccadasse-Galleria del Deposito di Genova (1963-69).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ha curato una biografia del padre (Aldo Fedeli. Il sindaco della ricostruzione di Verona. La vita e il ricordo nel centenario della nascita, Verona, Cierre Edizioni, 1996) e il libro postumo del regista Ubaldo Parenzo sul Piccolo Teatro di Verona (2003).

Ha pubblicato inoltre i libri di versi Piccola antologia di Grê. Voci dal cimitero di cani e gatti di Rapallo (Ruta di Camogli, CV Edizioni, 2005) e Illusioni ottime (Pasian di Prato, Campanotto, 2006).

Per gli amici ha invece edito privatamente Versi per versi (1961), Felicità raggiunta, si cammina (1974), Hai q? (2003), Figure, probabilmente (2005) e Mediomassime. Appunti per il Terzo Millennio (2015). Nello stesso anno alcuni sono apparsi su "Soglie" alcuni testi in versi, Parole per scegliere

I disegni con cui ha illustrato Felicità raggiunta, si cammina sono stati ripresi in un grande allestimento sul tema del Movimento alla Biennale d'Architettura di Venezia del 2008 (contemporaneamente alla sua vittoria al Premio LericiPea per l'inedito[1]), favorendo due anni dopo la ripubblicazione del medesimo volume con Il Canneto, che l'anno seguente darà alle stampe anche il volume di disegni Contare i sassi.

Ha infine collaborato a diverse riviste e al Dizionario Bompiani delle Opere e dei Personaggi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premio LericiPea -Tutti i vincitori, Associazione Lerici Pea. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2012).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ubaldo Parenzo, Il Piccolo Teatro di Verona. Dal Circolo ai "giorni del Cappello" (1947-1951). Verona, Della Scala Edizioni, 2003.
  • Sandra Solimano, La Galleria del Deposito. Un'esperienza d'avanguardia nella Genova degli anni '60, Genova, neos.e, 2003.