Acciaierie di Cornigliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Acciaierie di Cornigliano SpA era una società italiana che operava nel settore metallurgico e siderurgico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È nata nel 1935 con il nome di Società Italiana Acciaierie di Cornigliano (SIAC). Prima di essere privatizzata, venne controllata dalla Italsider prima e dall'ILVA poi.

La costruzione nel Dopoguerra dello stabilimento "Oscar Sinigaglia" permise a Genova di diventare un polo di attrazione per i lavoratori di tutta Italia, in particolar modo dal Sud. Per l'edificazione dello stabilimento e del vicino aeroporto di Sestri Ponente si dovette abbattere il 14 aprile 1951 lo storico Castello Raggio.

Nel 1961 si fonde in ILVA - Alti Forni e Acciaierie d'Italia che assume la denominazione sociale di Italsider Alti Forni e Acciaierie Riunite ILVA e Cornigliano (solo Italsider nel 1964).

Nell'arco di quattro anni (1980-1984) assume la denominazione di Laminatoi di Calabria SpA e cambia sede, trasferita a Gioia Tauro, viene fusa in Siderlaminati SpA in seguito ridenominata in Laminatoi di Calabria, cambia nuovamente ragione sociale divenendo COGEA - Consorzio Genovese Acciaio SpA e torna ad avere la sede a Genova.

Nel 1986 la Finsider (azionista di maggioranza tramite Italsider) si rivolge agli industriali siderurgici privati per privatizzare la società che nel 1988 viene rilevata dal Gruppo Riva e cambia nome in Acciaierie di Cornigliano.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende