Umberto Piersanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« [...] ora mancano tutti, manca una casa

solo prima di nascere l'ho avuta »

(U. Piersanti - da Nel Tempo Che Precede)
Umberto Piersanti

Umberto Piersanti (Urbino, 26 febbraio 1941) è un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Piersanti debutta nel mondo della letteratura con La breve stagione nel 1967 all'età di ventisei anni. Da allora nel corso della sua ultra decennale carriera ha pubblicato, oltre a diverse raccolte poetiche, testi di saggistica e anche opere di narrativa.

È presente in diverse antologie italiane e straniere[quali?] [non chiaro], ha vinto nel 1994 il Premio Nazionale Letterario Pisa nella sezione poesia, il premio Camaiore, il preminellasezioneo Penne, il premio Caput Gauri, il premio Insula Romana e inoltre il Mastronardi, il Piccoli, il Frascati e nel 2016 il Ponte di legno poesia [1]. Dirige la rivista di letteratura contemporanea e creatività Pelagos.

Nel 2005 è stato candidato al Premio Nobel per la letteratura [2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte poetiche[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Opere di critica[modifica | modifica wikitesto]

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

Umberto Piersanti ha realizzato un lungometraggio e tre film-poemi: si tratta di quattro "rappresentazioni visive" su altrettanti poeti per la televisione. Lungometraggi:

Film-poemi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN67606277 · LCCN: (ENn81072376 · SBN: IT\ICCU\CFIV\020725 · ISNI: (EN0000 0000 5510 0077 · BNF: (FRcb12020490r (data)