Diana Tejera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diana Tejera
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Pop rock
Periodo di attività musicale1997 – in attività
Album pubblicati5
Studio1
Sito ufficiale

Diana Tejera, nome completo Diana Azzurra Tejera Nenna (Roma, 30 settembre 1979), è una cantautrice italiana, nota anche per essere stata autrice e frontwoman dei Plastico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Di padre andaluso e madre italiana, cresce fin da piccola nel mondo della musica, e inizia a studiare pianoforte a nove anni e chitarra e canto a tredici. Nel 1997 studia al Centro Europeo Toscolano di Mogol, e viene notata dal grande paroliere che la vuole nel progetto “Fiori d'acqua dolce”, e così incide Il paradiso non è qui, inedito di Battisti/Mogol[1].

L'esperienza con i Plastico[modifica | modifica wikitesto]

Plastico
Paese d'origineItalia Italia
GenerePop
Periodo di attività musicale1998 – 2003
Album pubblicati2
Studio2
Live0
Raccolte0
Sito ufficiale

Nel 1998 avvia con Irene Boreggi il progetto "Pink" ottenendo il primo contratto discografico con la Mad Productions. Due anni dopo, a seguito del passaggio alla Universo, il duo diventa quartetto con l'ingresso di Stefano Galafate e Raffaele Venturi, e viene ribattezzato "Plastico", per evitare confusioni con l'omonima cantante statunitense[2]: nella nuova formazione, Diana continua ad essere cantante ed autrice di tutti i testi[1].

Il primo disco, Sixtematicamente, contiene il singolo Strani sintomi, col quale il gruppo vince l'undicesima edizione del Festival di San Marino. Nel 2001 esce il secondo album, Sensibile al tatto, e i Plastico diventano il gruppo spalla del Lùnapop durante la loro tournée di quell'anno[1].

Nel 2002 esce il terzo album Incontri casuali, ed il gruppo partecipa al Festival di Sanremo nella categoria "Giovani" con il pezzo “Fruscio”, che però non viene ammesso alla finale[1].

La carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

I Plastico si sciolgono nel 2003 e Diana Tejera è l'unica dei quattro a continuare la carriera nella musica; all'intensa attività concertistica affianca la realizzazione di varie colonne sonore, e collaborazioni con musicisti romani, tra cui Marco Fabi, Barbara Eramo, Andrea Di Cesare, Alessandro Orlando Graziano, Nathalie e soprattutto Tiziano Ferro, col quale firma E fuori è buio (pubblicato nell'album Nessuno è solo del 2006) e Scivoli di nuovo (presente nel disco Alla mia età del 2008)[1].

Nel 2008 vince il festival Sound of life, battendo anche la più quotata e famosa Arisa[1].

Nel 2010 pubblica, per la SunnyBit, il suo primo album solista, La mia versione[3].

Nel 2009 scrive, insieme a Chiara Civello, Al posto del mondo, canzone ammessa al Festival di Sanremo 2012.

Nel 2012 pubblica, per la Voland in collaborazione con la SunnyBit, il CD/LIBRO firmato Cavalli/Tejera "Al cuore fa bene far le scale". 11 canzoni con i testi di Patrizia Cavalli.

Nel 2016 con la trombettista Ersilia Prosperi (già leader degli OU) forma un duo dal nome ED MONDO. Pubblicano un album dal nome "Oops!" prodotto a Seattle dalla polistrumentista Amy Denio che le porta in tour in Germania e USA.

Discografia delle Pink![modifica | modifica wikitesto]

"Sixtematicamente[modifica | modifica wikitesto]

  1. "dubbi inerti"
  2. "dall'una alle tre"
  3. "ex letargo"
  4. "stimoli di contorni"
  5. "utile"
  6. "ciò che vuoi"
  7. "dolce imprevedibile"
  8. "la bocca"
  9. "crudi rifiuti"
  10. "infusi"

Discografia dei Plastico[modifica | modifica wikitesto]

Sensibile al tatto[modifica | modifica wikitesto]

  1. Paranoia
  2. Caleidoscopio
  3. Aliante
  4. Difettoso al tatto
  5. Strani sintomi
  6. Come fili
  7. Tubo
  8. Il margine
  9. 25esima ora
  10. Viola
  11. Senza respiro
  12. Parallelamente
  13. Su di me

Da questo disco vengono estratti i singoli Strani sintomi (2000), Tubo (2000), Aliante (2001), Paranoia (2001)

Incontri casuali[modifica | modifica wikitesto]

  1. Un giorno per caso
  2. Fruscio 3:35
  3. Taxi
  4. Fili e reti
  5. L'incantesimo
  6. Ombre invisibili
  7. Pretese
  8. Amami ma non troppo forte
  9. Trattienimi e taci
  10. Intrecci di notte
  11. Il margine
  12. Ombre invisibili (unplugged)

Discografia Diana Tejera[modifica | modifica wikitesto]

La mia versione[modifica | modifica wikitesto]

  1. Scollati le ciglia"
  2. Scivoli di nuovo
  3. Degni di esistere
  4. Ma una vita no
  5. Sogno imperfetto
  6. Senso primario
  7. La tua versione
  8. Mercurio
  9. L'artista
  10. Black out
  11. Sospensioni
  12. Nudità

Al cuore fa bene far le scale[modifica | modifica wikitesto]

  1. Killer loop"
  2. Terapia
  3. Sposa Talibana
  4. La mia robiera
  5. Al cuore
  6. Amore semplicissimo
  7. una bella ragazza bruna
  8. Diventai buona
  9. Mi brucio al fuoco degli altri
  10. Voglio il mio bene
  11. Felicità e rovina

ED MONDO "OOPS!"

  1. Poliamori
  2. Fuori Moda
  3. Mandarancio
  4. Frustrata
  5. Nostalgica
  6. Ossessiva
  7. Il piacere
  8. Monotona
  9. Lo strappo
  10. Troppo delicata
  11. Slurp!

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica