Premio Scanno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Premio Scanno è un riconoscimento multidisciplinare organizzato e gestito dalla Fondazione Tanturri. Si svolge ogni anno a Scanno, in provincia dell'Aquila.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È nel 1972, per iniziativa del professor Riccardo Tanturri de Horatio[1], docente universitario di Lingua e Letteratura italiana, scrittore, poeta, intellettuale e giornalista, che nasce il Premio Scanno.

Nominato presidente della Azienda di Soggiorno e Turismo di Scanno, Tanturri, per promuoverne l'immagine decide di trasformare il piccolo centro abruzzese in un centro culturale e montano, dando vita alla prima edizione del Premio con tre sezioni: Narrativa, Poesia e Giornalismo.

La manifestazione comincia a far parlare di sé quando, nel 1975, Susanna Agnelli vince il premio per la narrativa con Vestivamo alla marinara e negli anni successivi, per le suggestive viuzze del paese, si vedono passeggiare tanti altri prestigiosi nomi della cultura italiana e mondiale.

Fin dalle sue origini il premio è interdisciplinare e via via, negli anni, ha moltiplicato le sue sezioni, che oggi spaziano dall'Economia alla Medicina, dall'Ecologia al Diritto, dalla Sociologia all'Alimentazione, dalla Musica all'Antropologia Culturale e le Tradizioni Popolari, fino al riconoscimento ispirato ai valori, assegnato a quanti si distinguono per il proprio impegno civile.

Dopo la prematura scomparsa di Tanturri, avvenuta alla vigilia della trentesima edizione, il premio è stato a lui intitolato. A portare avanti l'opera della Fondazione, assicurandone la continuità della tradizione morale, culturale, sociale e scientifica, è Manfredi Tanturri de Horatio, figlio del fondatore.

Albo dei vincitori[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Diritto[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Sociologia[modifica | modifica wikitesto]

Antropologia culturale e tradizioni popolari[modifica | modifica wikitesto]

Medicina[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Musica premio speciale[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 - Vittorio Testa

Valori[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Giornalismo[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Poesia premio speciale[modifica | modifica wikitesto]

Innovazione tecnologica[modifica | modifica wikitesto]

Informatica[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 - Luciano Gallino e Susanna Petruni
  • 1993 - Sergio Mello Grand e Chiara Sottocorona
  • 1994 - Il Sole 24 ORE e Stefania Garassini
  • 1995 - Francesco Di Martile e Lilly Jetto
  • 1996 - Maria Grazia Longoni
  • 2001 - Walter Cantino

Relazioni industriali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980 - Walter Tobagi e Riccardo Chiaberge
  • 1981 - Dario Salerni
  • 1982 - Sergio Turone, Aris Accornero, Uliano Lucas e Giulio Sapelli
  • 1983 - Francesco Liso, Gian Primo Cella e Tiziano Treu
  • 1984 - Francesco Santoni e Vincenzo Saba
  • 1985 - Mario Rusciano, Lorenzo Bordogna e Giancarlo Provasi
  • 1986 - Gaetano Vardaro
  • 1987 - Ezio Tarantelli e Bruno Veneziani
  • 1988 - Bruno Bottiglieri
  • 1989 - Duccio Bigazzi e Alessandro Garilli
  • 1990 - Paolo Sylos Labini e Roberto Pessi
  • 1991 - Giovanni Costa e Renato Scognamiglio
  • 1992 - Maria Luisa Paronetto Valier e Lorenzo Zoppoli
  • 1993 - Aris Accornero e Fausta Guarriello
  • 1994 - Lorenzo Gaeta e Salvatore Garbellano
  • 1995 - Renato Brunetta e Giampiero Proia
  • 1996 - Guido Baglioni e Umberto Romagnoli
  • 1997 - Pietro Ichino

Editoria[modifica | modifica wikitesto]

Arti figurative[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Diritti civili[modifica | modifica wikitesto]

  • 1987 - Franca Sciuto e Antonio Patelli
  • 1988 - Moncef Marzouki
  • 1997 - Vittorio Sgarbi

Artigianato locale e poesia dialettale[modifica | modifica wikitesto]

  • 1987 - Edoardo Gentile e Antonietta Gentile
  • 1988 - Giulia Del Monaco e Mauro Facella
  • 1989 - Art Idea e Celerina Spacone
  • 1990 - Cesidio Lucci e Maria Grazia Colantonio
  • 1991 - Luisa D'Alessandro e Amedeo Fusco

Diritto opera prima e speciale[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995 - Giovanni Passagnoli
  • 1996 - Raffaele Bifulco
  • 1997 - Giovanna Mancini
  • 1998 - Alessandra Giannelli e Alvaro Pollice
  • 1999 - Francesco Schiaffo
  • 2000 - Anna Veneziano
  • 2001 - Mario Fiorillo

Un libro per il cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • 1975 - Gino Maggiora e Franca Monari

Contributo alla cultura[modifica | modifica wikitesto]

Critica d'arte internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Sanità[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 - Raffaele Garofalo

Premio speciale alla carriera[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto dei Diritti Umani[modifica | modifica wikitesto]

Arte e Architettura[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 - Bruno Toscano

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 - Gerardo Picardo

Linguaggio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 - Franco Matteucci

Premio speciale[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 - Al giornalista Giustino Parisse, per i due volumi "Quant'era bella la mia Onna" e "Il secondo terremoto", raccolte di articoli sui fatti legati al sisma che ha distrutto l'aquilano nel 2009.
  • 2012 - Al Comitato Italiano World Food Programme per la capacità di sensibilizzare le istituzioni, la sfera economica e società civile sui programmi di assistenza alimentare nei Paesi in via di sviluppo.
  • 2014 - Al romanzo Ho vissuto troppe vite di Simonetta Benigni, menzione d'onore per la "paziente indagine delle fonti reali, altrimenti destinate a perdersi, coniugate a una puntuale e precisa analisi delle testimonianze" su Scanno.
  • 2015 - Kamal Abdulla[3][4]

Il Premio è stato, inoltre, assegnato: nel 2007, a Nerio Nesi; nel 2006, ad Antonio Cocozza per la miglior analisi sociologica sul concetto di razionalità dell'agire umano e organizzativo. Infine, nel 2004, a Maurizio Scelli per il coraggio, l'abnegazione e la solidarietà nel portare aiuti alla popolazione irachena e a Fee Italia per l'opera svolta nella valorizzazione del territorio abruzzese; nel 2005, a Lucia Granati per l'alto impegno sociale nella sanità e a Enrico Auricchio per l'impulso dato alla tradizione musicale partenopea; nel 2008 a Harry Wu, dissidente cinese, per il suo libro Controrivoluzionario, a Itala Gualtieri e Diana Cianchetta per il loro libro Leggende del lago di Scanno ed a Rosario Sorrentino e Cinzia Tani per il libro Panico[5]; nel 2009 a Ferdinando Di Orio, rettore dell'Università degli Studi dell'Aquila, ed al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco per essersi "fin dai primi momenti del terremoto, prodigati instancabilmente, al limite del sacrificio personale [...] al punto da diventare nell'immaginario, pur sofferente, delle popolazioni colpite, i nostri angeli".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]