Italia Nostra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italia Nostra ONLUS
Italia Nostra Logo.png
Sede Italia Nostra.jpg
Sede Italia Nostra, nel quartiere Parioli di Roma, in Viale Liegi, 33
Abbreviazione IN
Tipo ONLUS
Fondazione 29 ottobre 1955
Fondatore Elena Croce, Desideria Pasolini dall'Onda, Antonio Cederna e Umberto Zanotti Bianco
Scopo tutela e promozione del patrimonio storico, artistico e naturale italiano
Sede centrale Italia Roma
Presidente Italia Marco Parini
Lingua ufficiale italiano
Bilancio 3,5 milioni di euro[1] (2014)
Patrimonio 19,6 milioni di euro (2015)[2]
Sito web 

Italia Nostra ONLUS è un'associazione di salvaguardia dei beni culturali, artistici e naturali. Nata a Roma nel 1955 e riconosciuta con decreto presidenziale nel 1958, è una delle più antiche associazioni ambientaliste italiane. Ha sede in Viale Liegi 33, nel quartiere dei Parioli di Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Italia Nostra fu fondata per una campagna settoriale e territorialmente limitata contro lo sventramento di un isolato nel centro storico di Roma, ma presto allargò il suo campo di attività a tutto il territorio nazionale allo scopo di «proteggere i beni culturali e ambientali», come da slogan associativo.

All'epoca, la sensibilità verso i temi di salvaguardia artistica e ambientale non era diffusa tra i ceti comuni, essendo per lo più appannaggio di un ambiente élitario. Non a caso Italia Nostra nacque per iniziativa di un gruppo di intellettuali tra cui Elena Croce, Desideria Pasolini dall'Onda[3], Antonio Cederna e Umberto Zanotti Bianco, che fu il primo presidente dell'associazione[4][5]. Tra gli altri presidenti che si sono succeduti alla guida dell'associazione figurano, oltre ai citati, nomi come Filippo Caracciolo[6] e il famoso scrittore Giorgio Bassani, che così scrive nel 1965 riguardo alla continua azione di tutela del nostro patrimonio culturale e ambientale promossa dall'Associazione:

« Si alzino ancora l'impeto e l'ardore appassionato di Italia Nostra che hanno contribuito a darle quel carattere di protesta perpetua e di tensione che ancora oggi la distingue. »
(Giorgio Bassani, Bollettino di Italia Nostra n. 45, 1965, pag.3-6)

Dal 2005 al 2007 Italia Nostra è stata presieduta da Carlo Ripa di Meana. Nel 2007 è stato eletto presidente dell'associazione Giovanni Losavio. Dal settembre 2009 al 2012 è stata eletta Presidente nazionale la storica dell'arte Alessandra Mottola Molfino. Dal 15 settembre 2012 il Presidente Nazionale è l'avvocato Marco Parini, docente presso l'Università Cattolica di Milano in Legislazione dei Beni Culturali. Oggi, Italia Nostra conta più di 200 sezioni distribuite su tutto il territorio nazionale ed è socia promotrice di Europa Nostra, federazione di 220 associazioni di conservazione europee; partecipa inoltre al BEE (Bureau Européen de l'Environnement)[7].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Studio e ricerca[modifica | modifica wikitesto]

L'attività di Italia Nostra spazia dalla didattica, alla ricerca, dalla pubblicistica, al volontariato culturale, fino al suggerimento legislativo, contribuendo a diffondere nel Paese la cultura della conservazione del paesaggio urbano e rurale, dei monumenti e dell'ambiente cittadino. I temi sviluppati da Italia Nostra sono:

  • i beni culturali
  • l'evoluzione naturale e storica
  • i centri storici
  • la pianificazione urbanistica e territoriale
  • i parchi nazionali
  • l'ambiente
  • la questione energetica
  • il modello di sviluppo del Paese
  • la viabilità e i trasporti
  • l'agricoltura
  • il mare
  • le coste
  • le isole
  • i musei
  • le biblioteche
  • gli archivi storici

Gestione di siti[modifica | modifica wikitesto]

Il Boscoincittà, parco affidato in concessione a Italia Nostra dal Comune di Milano.

Italia Nostra si occupa della gestione dei siti che le vengono affidati dalle istituzioni (tipicamente le Amministrazioni comunali). Le sono stati affidati in gestione, dai Comuni interessati, 9 siti:[8]

Ulteriori siti gestiti:

Raccolta di fondi[modifica | modifica wikitesto]

Italia Nostra raccoglie fondi - con campagne e mediante il contributo del 5 per mille[10] - per il proprio funzionamento e per finanziare restauri di monumenti ed opere d'arte.[11]

Premio Umberto Zanotti Bianco[modifica | modifica wikitesto]

L'associazione conferisce il "premio nazionale Umberto Zanotti Bianco", istituito nel 1964 e ricostituito nel 2010, in onore del proprio primo presidente.[12]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi, con riferimento alle critiche ricevute sulla mostra "Da Cimabue a Morandi" da lui curata, viene querelato avendo definito Daniele Benati, presidente IN Bologna, tra l'altro 'un abusivo', dicendo che "Benati e i firmatari sono 130 oche", descrivendo i firmatari come "scimmie che firmano senza sapere niente". Sgarbi è stato rinviato a giudizio per diffamazione.[13]

Con una lettera ai soci di gennaio 2016, lo storico dell’arte Tommaso Montanari si dimette dal Consiglio Nazionale dell'Associazione per protesta contro le crescenti attività gestionali dell'Associazione, riferendo che "Italia Nostra è diventata, da un mezzo, un fine: soprattutto per chi la dirige… ”.[14] Il Presidente Parini lo ringrazia per l'attività svolta e le battaglie comuni, confermando che "la linea programmatica in continuità con lo scorso triennio è però risultata condivisa dai soci".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.italianostra.org/wp-content/uploads/Boll_485.pdf
  2. ^ https://books.google.it/books?id=LJWfDAAAQBAJ&pg=PR8&lpg=PR8&dq=bilancio+italia+nostra&source=bl&ots=lCXhbQCj58&sig=a0Ybzby_clVeWInCfyW8wkt3GUY&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwj92tHTzpTPAhXMAMAKHeweDOUQ6AEINDAJ#v=onepage&q=bilancio%20italia%20nostra&f=false bilancio 2015
  3. ^ Italia da salvare. Il paesaggio tra storia e natura, intervento di Desideria Pasolini dall'Onda
  4. ^ E.H. Meyer, L'impegno urbanistico di Italia Nostra, in Idem, I pionieri dell'ambiente. L'avventura del movimento ecologista italiano. Cento anni di storia, Carabà, Milano 1995, pp. 133-160.
  5. ^ commemorazione
  6. ^
    « Nel 1944 fu eletto segretario della Giunta Esecutiva permanente scaturita dal Congresso di Bari dei Comitati di Liberazione e nell'aprile dello stesso anno assunse la carica di sottosegretario agli Interni nel secondo governo Badoglio. Fu anche Segretario del Partito d'Azione e, dal 1949 al 1954, Segretario Generale aggiunto del Consiglio d'Europa.[1] »
  7. ^ sito ufficiale
  8. ^ http://www.italianostra.org/?page_id=51
  9. ^ http://www.italianostra.org/?page_id=36434
  10. ^ http://www.italianostra.org/?page_id=49 Bilancio 2014
  11. ^ http://www.italianostra.org/?page_id=49
  12. ^ Bando di concorso 2013.
  13. ^ http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/sgarbi-diffamazione-processo-benati-1.2320429
  14. ^ http://www.artslife.com/2016/01/25/tommaso-montanari-lascia-italia-nostra/ Dimissioni Tommaso Montanari

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edgar H. Meyer, I pionieri dell'Ambiente. L'avventura del movimento ecologista italiano. Cento anni di storia, Milano, Carabà, 1995.
  • Laura Monaco-Corinna Praga, Una giornata nella città - Suggerimenti per la visita e la lettura pluridisciplinare del centro storico di Genova, Genova, Sagep, 1992.
  • Corinna Praga, Genova fuori le mura, prefazione di Franca Guelfi, Fratelli Frilli Editori, Genova, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]