Eremo di San Bartolomeo in Legio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eremo di San Bartolomeo in Legio
Roccamorice - Eremo di San Bartolomeo in Legio 03.jpg
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
LocalitàRoccamorice
ReligioneChiesa cattolica
Arcidiocesi Chieti-Vasto
Stile architettonicoRomanico
Inizio costruzioneXI-XIII secolo

Coordinate: 42°10′55.46″N 14°02′17.81″E / 42.182071°N 14.03828°E42.182071; 14.03828

L'eremo di San Bartolomeo in Legio si trova su di uno sperone roccioso di circa 50 metri a 700 m s.l.m. nella Majella, nel comune di Roccamorice, a poca distanza dall'eremo di Santo Spirito a Majella. [1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'eremo è anteriore all'XI secolo, ma fu restaurato da Pietro dal Morrone, futuro papa Celestino V, intorno al 1250.

Qui si stabilì intorno al 1274 per almeno due anni al ritorno del suo viaggio a Lione fatto per ottenere dal papa Gregorio X il riconoscimento della sua Congregazione dei celestini.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

Eremo di San Bartolomeo in Legio

L'eremo è costituito da una cappella e da due vani scavati nella roccia destinati agli eremiti. L'accesso può avvenire tramite quattro differenti scale, scavate sempre nella roccia. Quella a nord è composta da 30 gradini, mentre quella a sud è più lunga ed irregolare. Ci sono poi due scale al centro della balconata, una delle quali detta Scala Santa. Lungo la balconata si trova una vasca per la raccolta dell'acqua piovana.

La facciata della chiesa presenta tracce di affreschi severamente danneggiati dalle intemperie e dalle iscrizioni che ne hanno graffiato la superficie. Il portale della chiesa è costituito da un semplice architrave in pietra.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Interno dell'eremo di San Bartolomeo in Legio

L'interno della chiesa è rettangolare, con una lunghezza di 7.70 m ed una larghezza minima di 3 m ed una massima di 4 m. L'illuminazione è assicurata da una porta-finestra, mentre una seconda finestra è stata trasformata in una nicchia semicircolare.

La nicchia dell'altare ospita una statua lignea di san Bartolomeo raffigurato con un coltello, dato che subì il martirio dello scorticamento. La statua viene portata in processione dai fedeli il 25 agosto dopo essere scesi al torrente Capo la Vena per bagnarsi secondo un rituale molto antico, per poi portare l'effigie del santo nella chiesa del paese, dove rimane fino al 9 settembre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Autori Vari, Eremo di San Bartolomeo in Legio, Regione Abruzzo. URL consultato il 23/04/2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Santangelo, L'Eremo di San Bartolomeo in Legio, in Roccamorice e gli Eremi Celestiniani, guida storico-artistica, Pescara, Carsa Edizioni, 2006, pp. 74-79, ISBN 88-501-0105-8.
  • Edoardo Micati, San Bartolomeo in Legio, Roccamorice (PE), in Eremi d'Abruzzo, guida ai luoghi di culto rupestri, Pescara, Carsa Edizioni, 2000, pp. 20-23, ISBN 88-85854-74-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315957535