Primo parco mondiale dello stile di vita mediterraneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Primo parco mondiale dello stile di vita mediterraneo; incontro: “Aspettando Terra Madre” intervento del sindaco di Caltanissetta il 31 03 2022

Il Primo parco mondiale dello stile di vita mediterraneo o anche Primo parco mondiale policentrico e diffuso dello stile di vita mediterraneo è un progetto di sviluppo territoriale di area vasta che, grazie ad un patto di comunità riesce a coinvolgere circa 300 partner pubblici, privati e sociali, che insistono nei territori dei Peloritani, Madonie, Sicani, sul versante occidentale dell'Etna, e dell'altipiano degli Iblei, tutti nella Sicilia centrale, in territori e comuni presenti nei territori del nisseno, dell'agrigentino, dell'ennese, del palermitano e del catanese.[1]

Obiettivo primario di questo progetto è quello di preservare la dieta mediterranea quale bene protetto e inserito nella lista dei Patrimoni orali e immateriali dell'umanità dell'UNESCO. Caltanissetta, è la città capofila del progetto e vi aderisce insieme a 103 città e circa 100 soggetti istituzionali e privati.[2]

Il 12 maggio 2022 la Regione Sicilia promulga una legge che regolamenta le attività del Parco.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I paesi e le relative provincie aderenti al Parco; i 105 Comuni che aderiscono, a tutto il 2021, sono:
22 del Libero Consorzio di Caltanissetta,
19 di Enna,
33 di Agrigento,
12 di Catania,
12 di Palermo,
1 di Ragusa,
1 di Siracusa e
4 di Messina.

Questo progetto sulla dieta mediterranea si ispira e sottende l'accezione del termine greco δίαιτα, dìaita, «stile di vita»; sottolineando con questo termine, abitualmente nelle regioni del bacino del mediterraneo, l'insieme degli alimenti e dei comportamenti alimentari insieme agli stili di vita che gli esseri umani fanno per nutrirsi.

«La dieta mediterranea implica un insieme di abilità, conoscenze, rituali, simboli e tradizioni riguardanti le colture, la raccolta, la pesca, l'allevamento, la conservazione, la lavorazione, la cucina e in particolare la condivisione e il consumo degli alimenti. Mangiare insieme è alla base dell'identità culturale e della continuità delle comunità in tutto il bacino del Mediterraneo. È un momento di scambio sociale e di comunicazione, di affermazione e di rinnovamento dell'identità familiare, di gruppo o di comunità.

La dieta mediterranea sottolinea i valori dell'ospitalità, del vicinato, del dialogo interculturale e della creatività, e di uno stile di vita guidato dal rispetto della diversità. Svolge un ruolo fondamentale negli spazi culturali, nei festival e nelle celebrazioni, riunendo persone di tutte le età, condizioni e classi sociali. Comprende l'artigianato e la produzione di recipienti tradizionali per il trasporto, la conservazione e il consumo degli alimenti, compresi piatti e bicchieri in ceramica. Le donne svolgono un ruolo importante nel trasmettere la conoscenza della dieta mediterranea: ne tutelano le tecniche, rispettano i ritmi stagionali e gli eventi festivi, trasmettono i valori dell'elemento alle nuove generazioni.

Anche i mercati giocano un ruolo fondamentale come spazi di coltivazione e trasmissione della dieta mediterranea durante la pratica quotidiana di scambio, accordo e rispetto reciproco.»

(UNESCO - List of the Intangible Cultural Heritage of Humanity[4])

Attività del 2020[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 marzo 2020 si è svolta la conferenza di presentazione dell'Assessorato alla crescita territoriale del Comune di Caltanissetta, l'attività di implementazione del Parco sono da ascrivere alle azioni svolte da tale assessorato.[5][6]

Il Parco nasce ufficialmente nell'ottobre 2020.[6][7]

Il 30 ottobre 2020 il Comune di Caltanissetta pubblica il patto di comunità con il quale l'amministrazione comunale mette a disposizione di tutti i soggetti che operano nel territorio di Caltanissetta (quali ad esempio associazioni, club service, comitati di quartiere, imprese, organi di stampa, organizzazioni, parrocchie, sindacati, scuole, etc.) uno strumento atto a sviluppare congiuntamente delle attività di supporto, di diffusione e di promozione dell'iniziativa del Parco.[8]

Attività del 2021[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 febbraio 2021 vi è stata una conferenza stampa di presentazione del primo progetto nato dal territorio in seguito alla sottoscrizione del Patto di Comunità del Parco dello Stile di Vita Mediterraneo. Si tratta dell'iniziativa del "Paniere mediterraneo solidale" frutto di una collaborazione con varie istituzioni ed enti.[9]

Il 9 aprile 2021 vi è stata la presentazione del Parco durante l'incontro "Salvaguardia della produzione autoctona e promozione del consumo degli alimenti made in Sicily" organizzato dal Rotary Distretto 2110 Sicilia e Malta.[10]

Nella giornata di mercoledì 9 giugno 2021, presso la III Commissione Attività Produttive dell'Assemblea regionale siciliana, si è svolto un importante incontro con l'audizione dei promotori del “Primo Parco mondiale, policentrico e diffuso, dello Stile di Vita Mediterraneo”, convocato per l'esame dei disegni di legge n. 547 “Norme per la valorizzazione ed il riconoscimento della Dieta Mediterranea”; ciò a seguito dell'importanza per la Regione di dotarsi di una legge sulla Dieta Mediterranea; l'iniziativa della legge è nata dal territorio su impulso del Comune di Caltanissetta.[11][12]

Il 18 giugno 2021 vi è stato un primo incontro del gruppo tecnico formato da professionisti segnalati dall'intero partenariato al fine di realizzare il Primo Parco mondiale dello stile di vita mediterraneo. Il 24 giugno 2021 a Caltanissetta vi è stata un'assemblea tecnica del Primo Parco dello Stile di Vita Mediterraneo, cui hanno partecipato circa 100 esperti proposti dal partenariato pubblico, privato e sociale e provenienti da tutta la Sicilia. Obiettivo della riunione è stato l'avviamento del percorso tecnico progettuale per armonizzare e mettere a sistema tutte le progettualità pervenute al Parco e per definire e promuovere i modelli prototipali che interesseranno l'intero territorio aderente.[13][14][15]

Il 6 luglio 2021 presso il Comune di Campodipietra, soggetto capofila del più rilevante progetto sulla riqualificazione dei tratturi all'interno del CIS Molise, in questa occasione si è avuto un confronto sulle progettualità e sull'iter seguito con tale strumento di negoziazione.[16] È seguita, inoltre, una visita istituzionale con il Sindaco di Pollica, comunità emblematica italiana della dieta mediterranea, situato all'interno del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, al fine di pianificare un coinvolgimento di tutte le comunità italiane del sud Italia che stanno valorizzando lo Stile di Vita Mediterraneo come percorso di sviluppo sociale ed economico, al fine di promuoverlo insieme nei tavoli istituzionali.

Nel novembre 2021, in occasione del concorso Italia City Branding, concorso indetto dalla Struttura di Missione InvestItalia della Presidenza del Consiglio dei Ministri,[17] la città di Caltanissetta riceve un finanziamento a sostegno delle spese di progettazione del progetto per favorire la crescita e lo sviluppo delle produzioni agricole, agroalimentari ed enogastronomiche del territorio.[18] Il 18 dicembre InvestItalia ha comunicato l'approvazione del progetto ed il conseguente finanziamento della somma di € 790.827,82 per la progettazione dei due interventi: la filiera agricola agroalimentare ed eno-gastronomica e la filiera dei turismi di qualità e slow.

L'11 dicembre 2021 è stato presentato l'iniziativa del Parco dello Stile di Vita Mediterraneo in occasione dell'Assemblea Regionale dei delegati del partner del "Club Alpino Italiano" svoltasi presso la sede della BCC "G. Toniolo" a San Cataldo. Il 21 dicembre 2021 v'è stata una giornata di lavoro a Favara con la locale amministrazione comunale.

In cinque giornate, tra il 27 e 28 novembre e il 2, 3 e 4 dicembre 2021, si sono svolti 5 incontri che hanno visto la partecipazione, oltre che delle Istituzioni, di relatori nazionali e regionali e 5 incontri pomeridiani che hanno visto la partecipazione sia dei partner internazionali del progetto che il team di lavoro del progetto MD.net ed anche i partner regionali e locali del Parco dello Stile di Vita Mediterraneo. Complessivamente si sono alternati sul palco circa 100 relatori. In questi incontri si è discusso del modello di governance e organizzazione del parco, dei requisiti di accesso e degli standard richiesti, di comunità e nuovi stili di vita, di valorizzazione tra la cultura intangibile e le eccellenze locali, di formazione dello stile di vita mediterraneo.[19] In questa occasione è stata presentata la dichiarazione sulla Dieta Mediterranea MDnet.[20][21]

Il 30 dicembre 2021, viene pubblicato il Programma di Rigenerazione Urbana del Ministero dell'Interno promosso dal Comune di Caltanissetta, che garantisce un finanziamento di € 1.268.317,00: con il quale grazie ad esso viene finanziata la realizzazione e creazione di una Cucina prototipale mediterranea e della creazione del Polo dell'agroalimentare mediterraneo nei locali del vecchio carcere di via Tumminelli.[22]

Attività del 2022[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 febbraio 2022 vengono presentate le documentazioni da parte delle ditte specializzate per la gara di appalto destinata alla progettazione e costruzione del Polo agroalimentare del mediterraneo che il Comune di Caltanissetta ha previsto nei locali della ex Prefacem a Xirbi nelle vicinanze della omonima stazione ferroviaria.[23]

Dal 31 marzo al 2 aprile 2022 si tiene presso il Teatro Regina Margherita di Caltanissetta un'iniziativa con eventi ed incontri di tre giorni dal titolo: Aspettando terra Madre;[24] quest'iniziativa ha visto diversi interventi in video e dal vivo di noti personaggi a sostegno dell'iniziativa del Primo parco mondiale dello stile di vita mediterranea.[16][25] Tra essi spiccano, per le proposte suggerite, gli interventi di Carlo Petrini, Presidente di Slow Food e fondatore del Movimento internazionale Terra Madre,[26] del Ministro degli esteri Luigi Di Maio,[27] dell'ambasciatore italiano in Giappone Gianluigi Benedetti[28] e di altri.[29][30][31]

Il 12 maggio 2022 l'ARS della Regione Sicilia promulga una legge che regolamenta il Parco; con la stessa legge all'art. 6 viene istituita la "Giornata della regionale della Dieta mediterranea patrimonio dell'umanità" da celebrarsi il 21 marzo di ogni anno.[3] Con questa legge, dopo 10 anni dalla approvazione da parte dell'UNESCO della Dieta mediterranea come patrimonio immateriale dell'umanità, la Regione Sicilia vuole rendere centrale la regione non solo geograficamente, ma soprattutto come perno dell'identità culturale e degli stili di vita dei popoli che sull'Isola si sono incontrati, scambiandosi usi e costumi.[32] La norma approvata permette di avviare iniziative che coinvolgono le varie filiere enogastronomiche regionali; ciò per maggiormente sostenere l'agricoltura in chiave ecosostenibile inoltre, tra gli obiettivi della legge, vi è anche la necessità di preservare la memoria e l'eredità immateriale dei territori coinvolti nel parco.[33] Ciò insieme alla possibilità di attivare percorsi formativi e divulgativi previsti in collaborazione con scuole e università.[34]

Il 7 maggio 2022 a Palermo c'è stata l'Assemblea costituente del Polo della Sicilia nord occidentale, prima delle 5 articolazioni previste e collegate al nucleo originario del Primo Parco mondiale dello Stile di Vita Mediterraneo. A questa assemblea costituente hanno partecipato i promotori del Parco, i deputati regionali promotori della Legge sulla Dieta Mediterranea approvata dalla Assemblea regionale siciliana il 20 aprile e pubblicata sulla GURS il 12 maggio 2022; insieme ad essi docenti universitari, esperti e tecnici, sindaci ed amministratori locali, agenzie dello sviluppo locale, operatori economici delle filiere agroalimentare, enogastronomica e turistica, centri studio ed associazioni del Terzo settore.[35][36]

Il 28 maggio 2022 a Marsala nasce il Polo dello stile di vita mediterraneo della Sicilia occidentale; seconda articolazione territoriale del Primo parco mondiale dello stile di vita mediterraneo”.[37]

Il 11 giugno 2022; a Acireale si è tenuta la prima assemblea per la promozione del "Polo etneo dello Stile di Vita Mediterraneo della Sicilia Occidentale"; terza articolazione del Primo Parco dello Stile di Vita Mediterraneo.[38]

Il 18 giugno 2022, a Ragusa si è tenuta la prima assemblea per la promozione del Polo Ibleo dello Stile di Vita Mediterraneo della Sicilia Sud Orientale, quarta articolazione del Primo Parco dello Stile di Vita Mediterraneo.[39][40]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

All'aprile 2022 fanno parte del Parco 103 comuni delle provincie di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, mentre sono oltre 100 le organizzazioni, pubbliche, private e sociali. Quando il Parco sarà a regime si prevedono, come partecipanti, 155 comuni della Sicilia centrale con un territorio di compreso tra i 10.000 e i 25.000 km quadrati e con una popolazione di compresa tra 1.150.000 e 5.000.000 abitanti.[41]

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i macro-obiettivi vi sono: la creazione di una grande comunità dello stile di vita mediterraneo, il turismo in chiave esperienziale e le performances dell'export che portano economia dall'estero.[42] Ciò secondo gli ideatori del Parco può avvenire grazie alla messa a sistema di tutti gli attrattori turistico culturali presenti nella Sicilia centrale per migliorarne la loro visibilità diffondendo il buon vivere mediterraneo attraverso una serie di dimensioni da sviluppare. Le dimensioni individuate sono:[41]

  1. dimensione antropologica e comunitaria con il vivere insieme, con la convivialità e con il mangiare insieme,
  2. dimensione alimentare con il sano e giusto cibo mediterraneo buono,
  3. dimensione educativa, fondata sull'armonia e il senso del limite, con la promozione della vita comunitaria,
  4. dimensione sportiva e salutistica (“mens sana in corpore sano”), con un mix armonico tra manualità e intellettualità e attività sportiva comunitaria all'aria aperta,
  5. dimensione ecologica, con l'alleanza tra madre natura e storia, nella ecologia integrale per la terra “casa comune” secondo i dettami morali della “Laudato si'”,
  6. dimensione economica, con una economia sostenibile, circolare, una green economy per una “oikos-nomia” (le regole della casa, la casa comune).

Percorsi tematici e reti[modifica | modifica wikitesto]

Il parco si articola in vari percorsi turistici e ambientali attraverso l'individuazione e all'implementazione di 11 reti progettuali integrate:[41]

Rete dei camminamenti lenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rete dei camminamenti lenti.

1.Rete dei camminamenti lenti, una rete di mobilità dolce dei cammini e delle vie di Sicilia, percorsi a piedi, a cavallo ed in bicicletta, ispirate da svariate motivazioni come la fede, lo svago, lo sport e altro. La rete strutturerà le singole vie e le promuoverà a livello internazionale in un unico sistema capace di offrirle al mondo.

Rete delle cucine mediterranee[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Agricoltura urbana e Agricoltura civica.

2. Rete delle cucine mediterranee, questa rete prevede, in ogni Comune aderente al Parco, la nascita di una cucina dello stile di vita mediterraneo, con annesso orto didattico, differentemente declinata in base alla grandezza del Comune ospitante. Ad esempio nei piccoli paesi o borghi si è pensato a forme di home restaurant mediterraneo, nei piccoli Comuni l'attivazione di una rete di ristoratori, masserie ed agriturismi che cucineranno i piatti della nostra cucina mediterranea, nei Comuni medio grandi e nelle città capoluogo del Parco la presenza di cucine mediterranee istituzionali e polifunzionali dove si promuoveranno una serie di attività in base alle singole potenzialità dei luoghi dedicati.

Rete delle ludoteche mediterranee[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ludologia, Associazione ludica e Gioco (filosofia).

3. Rete delle ludoteche mediterranee, questa rete vede la nascita di una spazio gioco dedicato ai ragazzi soprattutto all'aperto in ogni Comunità del Parco. La ludoteca mediterranea è pensata come uno spazio innovativo per metodologia e per contenuti, così da poter realizzare anche in spazi naturalistici quali ad esempio riserve, parchi, aree verdi, fruibile a tutte le disabilità. Un luogo dove valorizzare l'attività fisica e manuale, al fine di controbilanciare la forte digitalizzazione dentro cui costantemente vivono i ragazzi e per restituire loro la dimensione reale.

Rete dei borghi e castelli[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: [[categoria:Castelli della Sicilia, categoria:Frazioni della provincia di Agrigento, categoria:Frazioni della provincia di Caltanissetta, categoria:Frazioni della provincia di Enna, categoria:Frazioni della città metropolitana di Palermo, categoria:Frazioni della città metropolitana di Catania, categoria:Frazioni della città metropolitana di Messina, categoria:Frazioni della provincia di Siracusa]].

4. Rete dei borghi e castelli, per questa rete i castelli ed i borghi sono pensati non solo come luoghi di cultura e visita, ma come un vero circuito commerciale (anche e-commerce) per la promozione e la vendita dei panieri che contengono i prodotti locali alla base dello stile di vita mediterraneo.

Rete delle biodiversità mediterranea[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: [[Aree naturali protette della Sicilia, Categoria:Fauna della Sicilia, categoria:Fauna endemica della Sicilia, categoria:Flora della Sicilia, categoria:Flora endemica della Sicilia]].

5. Rete delle biodiversità mediterranea, questa è la della biodiversità vegetale ed agricola, della rete ecologica siciliana (RES),[43] della filiera agricola, agroalimentare ed enogastronomica, della filiera turistica (turismi, esperienziali, relazionali, valoriali e di prossimità). L'obiettivo sarà quello di istituire dei modelli di promozione economica sostenibile a partire dal turismo e dalla agricoltura.

Rete delle mediateche mediterranee[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dieta mediterranea, Cibo di strada, Cucina siciliana, Prodotti agroalimentari tradizionali siciliani, Grani antichi siciliani, Sicurezza alimentare, Industria alimentare, Nutrizione, Chimica degli alimenti e Conservazione degli alimenti.

6. Rete delle mediateche mediterranee, rete di erogatori culturali che, in maniera cross-mediale, anche attraverso l'uso dell'immaginario collettivo ed il cinema, utilizzano tutte le arti capaci di valorizzare l'identità mediterranea; gli ambiti sviluppati saranno: storia; letteratura, linguistica, semiotica; teatro; storia dell'arte (siciliana e mediterranea) patrimonio culturale classico, medioevale, moderno e contemporaneo; antropologia; arti visive e fotografia; musica, canto, danza; cinema, tv, audiovisivo e cineturismo.
I soggetti sviluppati saranno: la Dieta Mediterranea; l'educazione alimentare ed ambientale; la storia del cibo e cibo nel mondo; cinema e cibo; i nostri testimoni culturali, la storia siciliana e mediterranea con la memoria delle miniere e la storia del movimento operaio e contadino siciliano.

Rete delle mobilità e logistica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Piattaforma logistica, Ingegneria gestionale e Gestione della catena di distribuzione.

7. Rete delle mobilità e logistica, dove saranno effettuati interventi sulla viabilità secondaria e sulla logistica di merci e persone.

Rete delle rete delle piramidi[modifica | modifica wikitesto]

8. Rete delle rete delle piramidi, all'interno del polo agroalimentare (vedi rete n. 11).

Rete delle rete della formazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Apprendimento esperienziale e Role playing formativo.

9. Rete delle rete della formazione, ricerca e innovazione soprattutto legata all'aspetto agro bio ambientale.

Rete delle comunità civiche[modifica | modifica wikitesto]

10. Rete delle comunità civiche, è stata trasmessa una comunicazione a tutti i sindaci della rete per promuovere la sottoscrizione dei Patti di Comunità, al fine di attivare l'asse che unirà tutte le comunità del parco nei tre ambiti esistenti: pubblico, privato e sociale; ciò attraverso lo strumento del Patto di Comunità; al quale hanno partecipato, il 25 marzo 2021, circa 50 partner. Le singole comunità locale diventano le cellula base del Parco.

Rete formativa mediterranea[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: [[Categoria:Agricoltura sostenibile, Categoria:Agronomia, Categoria:Economia e politica agraria, Categoria:Innovazione, Categoria:Scienze ambientali, Categoria:Sociologia urbana e rurale, Categoria:Sostenibilità, Categoria:Sviluppo sostenibile]].

11. Rete formativa mediterranea grazie all'attivazione di un Polo dell'agroalimentare mediterraneo della Sicilia centrale; essa sarà una struttura a servizio dell'intero sistema, sarà la piattaforma promozionale e logistica dell'intera filiera agricola, agro-alimentare e enogastronomica del Parco.
Il sito prescelto è quello della ex Prefacem (bene sequestrato e confiscato alla criminalità organizzata, trasferito al patrimonio del Comune di Caltanissetta), in un'area di complessivi mq 76.200, allocato in prossimità della Stazione di Caltanissetta Xirbi.[44] Sito che è strategico per la presenza della vicina stazione che è il nodo centrale del sistema ferroviario siciliano lungo l'asse Messina-Catania-Palermo, l'asse Agrigento-Catania e l'asse Caltanissetta-Gela-Siracusa. È in corso il raddoppio e la rifunzionalizzazione del nodo con la creazione di un itinerario di alta velocità/alta capacità; essa è stata ritenuta opera strategica secondo il Decreto Sblocca Italia (DL. nº 133 del 12 settembre 2014, convertito in L. nº 164 dell'11 novembre 2014).

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Consorzio UNI-CL
Logo Italia Nostra Onlus
Logo Interreg Md.net

Tra i soggetti istituzionali che collaborano con il Comune di Caltanissetta vi sono:[2][41]

Tra le associazioni di categoria, ONLUS, club service e privati coinvolti vi sono:[41]

Il progetto rientra tra le attività del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) ovvero l'Interreg Md.net: When Brand Meets People.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In Sicilia nasce il Parco dello Stile di Vita Mediterraneo, su InItalia con Virgilio, 24 novembre 2020. URL consultato il 2 aprile 2022.
  2. ^ a b c Caltanissetta: “Aspettando Terra Madre”. Dal 31 marzo al 2 aprile la manifestazione che promuove il Parco dello Stile di Vita Mediterraneo, su ilfattonisseno.it. URL consultato il 1º aprile 2022.
  3. ^ a b GURS - Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana (p. I) n. 22 del 20 maggio 2022 (n. 25), p. 48
  4. ^ Evaluation of nominations for inscription in 2013 on the Representative List of the Intangible Cultural Heritage of Humanity (item 8 on the agenda), su UNESCO, 1º dicembre 2021. URL consultato il 1º aprile 2022.
  5. ^ Annalisa Giunta, Caltanissetta, la Giunta Gambino adesso è al completo, su QdS, 10 marzo 2020. URL consultato il 28 aprile 2022.
  6. ^ a b Caltanissetta: assemblea costituente del “Parco mondiale dello stile di vita mediterraneo”, su YouTube, 28 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  7. ^ Alfio Di Costa Governatore Rotay - Distretto 2110 Sicilia-Malta "Salvaguardia della produzione autoctona e promozione del consumo degli alimenti made in Sicily", Convegno del 09 Aprile 2021 p. 5
  8. ^ Caltanissetta, stile di vita Mediterraneo. Sul sito del Comune il patto di comunità per aderire al parco policentrico, su Radio CL1, 10 novembre 2020. URL consultato il 28 aprile 2022.
  9. ^ Lino Lacagnina, Paniere solidale alle fasce deboli. La Sicilia, 23 febbraio 2021.
  10. ^ Commissione per la promozione di prodotti a km zero - 3 marzo 2020 - Palazzo del Carmine, conferenza di presentazione Assessorato alla Crescita Territoriale del Comune di Caltanissetta diretto dall'assessore Francesco Nicoletti, su youtube.com, 28 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  11. ^ Caltanissetta: Stile di vita mediterraneo sbarca all’ARS, su il Fatto Nisseno - Caltanissetta notizie, cronaca, attualità - cronaca, approfondimento e informazione nel nisseno, 11 giugno 2021.
  12. ^ "Parco dello stile di vita mediterraneo", terza commissione Ars incontra i vertici del Comune di Caltanissetta, su caltanissettalive.it, 11 giugno 2021. URL consultato il 28 aprile 2022.
  13. ^ Primo parco dello stile di vita mediterranea, esperti a confronto a Caltanissetta, su Seguonews.it, 26 giugno 2021. URL consultato il 28 aprile 2022.
  14. ^ Caltanissetta. Assemblea tecnica” Primo Parco stile di vita Mediterraneo”, su Giornale, 26 giugno 2021. URL consultato il 28 aprile 2022.
  15. ^ Parco stile di vita Mediterraneo, esperti a confronto a Caltanissetta, su Radio CL1, 26 giugno 2021. URL consultato il 28 aprile 2022.
  16. ^ a b Sviluppo Turistico lungo i tratturi del Molise, su YouTube, 28 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  17. ^ Amministrazione Trasparente: Struttura di Missione per gli anniversari nazionali e per gli eventi sportivi nazionali e internazionali, su Governo Italiano, 31 dicembre 2018. URL consultato il 7 aprile 2022.
  18. ^ Caltanissetta, finanziato il "Primo parco mondiale, policentrico e diffuso, dello stile di vita mediterraneo", su Seguonews.it, 20 dicembre 2020. URL consultato il 2 aprile 2022.
  19. ^ MD.net Caltanissetta e Primo Parco dello Stile di Vita Mediterraneo 28 novembre 2021 English Version, su YouTube, 27 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  20. ^ Projecte MD.net, su Projecte MD.net, 25 febbraio 2021. URL consultato il 28 aprile 2022.
  21. ^ (CA) The Med Diet Declaration: Endorser application form, su Projecte MD.net, 3 novembre 2021. URL consultato il 28 aprile 2022.
  22. ^ Sicilia, disegno su Dieta Mediterranea. Caltanissetta “esulta”, Sindaco Gambino ed assessore Nicoletti: “Riconosciuto lavoro della nostra città”, su ilfattonisseno.it, 23 aprile 2022. URL consultato il 29 aprile 2022.
  23. ^ Primo parco del mediterraneo, lunedì l'assegnazione dell'incarico. La Sicilia 10 02 2022.
  24. ^ Caltanissetta, come la Dieta mediterranea può rilanciare il centro Sicilia, su QdS, 31 marzo 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  25. ^ Caltanissetta - “Aspettando terra madre”, su YouTube, 28 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  26. ^ Carlo Petrini alla manifestazione "Aspettando Terra Madre" di Caltanissetta, su YouTube, 27 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  27. ^ Luigi Di Maio alla manifestazione "Aspettando Terra Madre" di Caltanissetta, su YouTube, 27 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  28. ^ Gianluigi Benedetti alla manifestazione "Aspettando Terra Madre" di Caltanissetta, su YouTube, 27 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  29. ^ Paolo Glisenti alla manifestazione "Aspettando Terra Madre" di Caltanissetta, su YouTube, 27 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  30. ^ Pasquale Salzano alla manifestazione "Aspettando Terra Madre" di Caltanissetta, su YouTube, 27 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  31. ^ Gian Carlo Blangiardo alla manifestazione "Aspettando Terra Madre" di Caltanissetta, su YouTube, 27 aprile 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  32. ^ Regione, il governo approva il disegno di legge di stabilità, su Giornale di Sicilia, 20 aprile 2022. URL consultato il 22 aprile 2022.
  33. ^ L’Ars approva la legge sulla Dieta Mediterranea. Foti: “Simbolo dell’identità siciliana”, su Gazzetta del Sud, 20 aprile 2022. URL consultato il 22 aprile 2022.
  34. ^ Lino Lacagnina, La dieta mediterranea diventa legge. La Sicilia 23 04 2022 p.
  35. ^ Parco mondiale dello Stile di Vita Mediterraneo, presentazione del Polo di Palermo sabato 7 maggio, su politicamentecorretto.com, 4 maggio 2022. URL consultato l'8 maggio 2022.
  36. ^ Assemblea costitutiva Polo della Sicilia nord occidentale del Parco dello Stile di Vita Mediterraneo, su YouTube, 2 maggio 2022. URL consultato l'8 maggio 2022.
  37. ^ Primo parco mondiale dello stile di vita mediterranea, su italyflash.it, 2 giugno 2022.
  38. ^ Acireale, nasce il Polo etneo del Parco mondiale dello Stile di Vita Mediterraneo, su youtube.com, 22 giugno 2022.
  39. ^ Cui ibleo ospita Seminario “Parco mondiale, diffuso dello stile di vita mediterraneo”, su radiortm.it, 12 giugno 2022.
  40. ^ Stile di vita mediterraneo all’Università di Ragusa, su reteiblea.it, 7 settembre 2021.
  41. ^ a b c d e Città di Caltanissetta - Assessorato alla Crescita Territoriale; Patto di Comunità: Primo Parco mondiale, policentrico e diffuso, dello Stile di Vita Mediterraneo - Albo Pretorio: delibera n.136/2020 del 30/10/2020, su Città di Caltanissetta. URL consultato il 14 aprile 2022.
  42. ^ Anna Rita Donisi, In Sicilia il primo Parco mondiale dello stile di vita mediterraneo. AGRISICILIA 12/2020
  43. ^ Home - Infrastruttura Dati Territoriali - S.I.T.R., su Geoportale Regione Siciliana. URL consultato il 10 maggio 2022.
  44. ^ Bandi di Gara in Sicilia, su Bandi.sicilia.it. URL consultato il 3 maggio 2022.
  45. ^ Istituto Idimed – Istituto per la Promozione e la Valorizzazione della Dieta del Mediterraneo, su Istituto Idimed – Istituto per la Promozione e la Valorizzazione della Dieta del Mediterraneo, 25 febbraio 2022. URL consultato il 1º aprile 2022.
  46. ^ L’Associazione Amici della Via dei Frati, su La via dei frati, 10 aprile 2018. URL consultato il 3 maggio 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]