Spreco alimentare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un manifesto contro lo spreco alimentare fatto circolare durante la Seconda guerra mondiale negli Stati Uniti d'America

Lo spreco alimentare è il fenomeno della perdita di cibo ancora buono per essere consumato da esseri umani, che si ha lungo tutta la catena di produzione e di consumo del cibo.

Si stima che, ogni anno, un terzo di tutto il cibo prodotto per il consumo dell'uomo vada sprecato.[1] Soprattutto nei paesi ricchi, una grande parte di cibo ancora buono viene sprecato direttamente dai consumatori. Mentre un'altra grandissima parte del cibo si spreca durante tutto il processo di produzione degli alimenti. Dalla produzione agricola alla lavorazione, alla vendita ed alla conservazione del cibo.[2]

C'è molta differenza tra i paesi ricchi e quelli più poveri, nei paesi in via di sviluppo infatti lo spreco alimentare domestico è quasi nullo, la maggior parte del cibo viene sprecato durante le fasi intermedie di produzione o per problemi di conservazione. Secondo quanto stima l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) in media una persona che vive in Europa o in Nord america spreca intorno ai 95–115 kg all'anno, mentre nell'Africa subsahariana intorno ai 6–11 kg all'anno 35% animale 20% vegetale.[3]

In termini di impatto ambientale si tratta di un problema enorme. Le perdite di cibo e lo spreco alimentare in generale rappresentano un grandissimo spreco di risorse usate per la produzione come l'energia, l'acqua[4] e la terra.[3][5] Produrre cibo che non sarà consumato porta a sprechi non necessari di fonti fossili,[6] largamente impiegate per coltivare, spostare, processare il cibo, insieme al metano prodotto dalla digestione anaerobica che si ha quando i rifiuti alimentari vengono buttati in discarica.[7] Queste emissioni contribuiscono in maniera cruciale al cambiamento climatico. In quanto ad emissioni di anidride carbonica, che la FAO stima essere circa 3,3 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente, si calcola che se lo spreco alimentare fosse uno stato, dopo Stati Uniti e Cina, sarebbe al terzo posto tra i paesi che ne emettono di più.[8] Oltre che per le emissioni, lo spreco di cibo è responsabile di una deforestazione sempre maggiore, che porta a una grossa e inutile perdita in termini di biodiversità.[9][10]

Esistono numerose possibilità di riduzione dello spreco alimentare, soluzioni e miglioramenti di tutta la catena di produzione e consumo del cibo. Dall'investire nelle infrastrutture per la conservazione post raccolta, all'aumentare la coscienza dei consumatori.[11] Il cibo che sta per essere sprecato, per esempio, può essere rediretto ad associazioni di carità che lo possono distribuire a chi ne ha bisogno. Se il cibo non è più buono per il consumo umano, può essere utilizzato come nutrimento per il bestiame e diventare così un'ottima alternativa alla produzione di mangimi per gli animali. Non coltivare cibo che verrebbe successivamente sprecato resta comunque la soluzione migliore, che porterebbe ad una riduzione drastica delle emissioni dovute a questo fenomeno.[11]

Negli ultimi anni il movimento contro lo spreco alimentare e la coscienza generale riguardo a questo problema si è molto diffusa grazie alle tante associazioni ambientaliste e culinarie che hanno portato avanti campagne di sensibilizzazione e progetti per ridurre lo spreco.[12] Alcune tra le campagne più conosciute sono le Disco Soupe[13] e Feeding the 5000[14], eventi nei quali si cerca di sensibilizzare le persone dimostrando quanto cibo ancora buono venga buttato intorno a loro.

Definizioni amministrative e normative[modifica | modifica wikitesto]

Il problema dello spreco alimentare è un problema emergente, molto complesso e articolato, non comprende solo lo spreco domestico, ma tutte le fasi di produzione, lavorazione e conservazione del cibo. Molto spesso, nella letteratura scientifica, si utilizzano indistintamente ii termini "rifiuto alimentare" o "spreco alimentare", problema dovuto alla traduzione dall'inglese di "waste" (che può significare sia rifiuto che spreco).[2]

La Commissione Europea si è recentemente dotata di una definizione di spreco alimentare standard, basata sui risultati del progetto di ricerca FUSIONS:

La definizione di «alimento» di cui al regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio comprende gli alimenti nel loro complesso, lungo l'intera filiera alimentare, dalla produzione al consumo. Per alimento si intendono anche le parti non commestibili che non sono state separate da quelle commestibili nel corso della produzione, quali le ossa attaccate alla carne destinata al consumo umano. Di conseguenza i rifiuti alimentari possono comprendere voci che includono parti di alimenti destinate ad essere ingerite e parti di alimenti non destinate ad essere ingerite.

I rifiuti alimentari non comprendono le perdite che si verificano in fasi della filiera alimentare in cui determinati prodotti non sono ancora diventati alimenti quali definiti all'articolo 2 del regolamento (CE) n. 178/2002, quali piante commestibili che non sono state raccolte. Non sono inoltre inclusi i sottoprodotti della produzione di alimenti che soddisfano i criteri di cui all'articolo 5, paragrafo 1, della direttiva 2008/98/CE, poiché tali sottoprodotti non sono rifiuti.[15]

La definizione include quindi parti edibili (ad esempio, la carne di pollo) e non edibili (ad esempio, osso del pollo), mentre nelle applicazioni in ambito di ricerca suggerisce di effettuare sempre la distinzione tra le due frazioni, sebbene sia importante calcolare entrambe ai fini della comparazione dei dati a livello internazionale, così come proposto precedentemente dal WRAP[16].

Il Word Resource Institute (WRI) ha elaborato un manuale per la definizione e la quantificazione dello spreco alimentare, come frutto del lavoro di consultazione di esperti a livello globale[17]. Sebbene le metodologie proposte da WRAP, FUSIONS e WRI siano circa simili, è ad oggi molto difficile comparare i dati prodotti dalla letteratura scientifica internazionale proprio per l'eterogeneità dei metodi che sono stati, di fatto, utilizzati (differenze nei questionari, nel campione o nelle frazioni di spreco considerate).

Estensione del fenomeno e cause dello spreco alimentare in Italia[modifica | modifica wikitesto]

La letteratura scientifica ha prodotto diversi lavori volti ad analizzare le cause di spreco alimentare nella filiera. Mentre nelle fasi di food loss (ovvero trasformazione e distribuzione, dove lo spreco alimentare non imputabile al consumatore) le cause sono più facilmente legate a inefficienze della filiera stessa, nelle fasi in cui si parla di food waste (ristorazione e consumo domestico, talvolta anche acquisto) le cause sono imputabili al comportamento del consumatore stesso- shopping impulsivo, scarsa capacità di gestione delle date di scadenza o dei prodotti freschi e altre.

In Italia, lo spreco alimentare domestico è stato stimato diverse molte tramite l'uso di questionari[18],[19],[20] mentre nel 2016 sono state condotte le prime rilevazioni tramite diario[21][22] dello spreco e analisi merceologica dei rifiuti[23], nell'ambito del progetto REDUCE[24][25], finanziato dal Ministero dell'Ambiente, della Tutela del territorio e del Mare. I report finali del progetto sono disponibili al link: https://www.sprecozero.it/2020/07/16/quanto-cibo-si-spreca-in-italia/ .

Lo spreco alimentare domestico di cibo ancora commestibile (non si computano, quindi, ossi, lische e bucce non edibili) corrisponde a 530 grammi a testa a settimana[21], in media. Moltiplicato per il numero di componenti della popolazione italiana, lo spreco alimentare domestico ammonta circa a 1,67 milioni di tonnellate nell'anno 2017[24].

All'interno dello stesso progetto, sono stati quantificati e analizzati gli sprechi nelle mense scolastiche[26] e nei super/ipermercati[27],[28] su campioni di numerosità elevata.

Sebbene il questionario sia il metodo forse più rapido ed economico per analizzare le cause dello spreco, la sua capacità predittiva con riferimento alle quantità si è rivelata scarsa o controversa[29][30]. Le metodologie utilizzate in REDUCE rispecchiano le metodologie di indagine richieste dalla Commissione Europea agli stati membri.

Il 19 agosto 2016 fu approvata la legge n. 166 a firma dell'on. Gadda, per la limitazione degli sprechi, l'uso consapevole delle risorse e la sostenibilità ambientale.[31][32][33] Secondo il numeri presentati nel 2019 da Andrea Segrè (docente di politica agraria e comparata all'Università di Bologna[34] ), nei dodici precedenti in italia si sarebbero sprecati più di 15.502.335.001 euro, pari a circa l'1% del PIL, di cui quasi l'80% all'interno delle mura domestiche[35], smentendo in questo modo il dato pluridecennale della distruzione deliberatamente pianificata di tonnellate di cibo edibile per mantenere alti i prezzi di equilibrio fra domanda e offerta di mercato, nel prevalente interesse di grossisti e Grande Distribuzione Organizzata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FAO 2011, p. 4.
  2. ^ a b ISPRA 2017, p. 10.
  3. ^ a b FAO 2011, p. 5.
  4. ^ Globalmente, il consumo di acqua destinato a coltivare cibo che verrà sprecato è di circa 250 km3, l'equivalente della portata annuale del fiume Volga e tre volte il volume del Lago di Ginevra. (FAO 2013 p.6)
  5. ^ Il cibo sprecato occupa 1.4 miliardi di ettari di terra; all'incirca il 28% dei terreni coltivati nel mondo. (FAO 2013 p.6)
  6. ^ FAO 2011, p. 1.
  7. ^ FAO 2013 - Toolkit, p. 87.
  8. ^ ISPRA 2017, p. 6.
  9. ^ FAO 2014, p. 44.
  10. ^ ISPRA 2017, p. 15.
  11. ^ a b ISPRA 2017, p. 26.
  12. ^ FAO 2013 - Toolkit, p. 21.
  13. ^ Elizabeth Royte, National Geographic Italia, marzo 2016, p. 14.
  14. ^ FAO 2013 - Toolkit, p. 22.
  15. ^ L_2019248IT.01007701.xml, su eur-lex.europa.eu. URL consultato il 10 febbraio 2020.
  16. ^ (EN) Food - Overview | WRAP UK, su www.wrap.org.uk, 6 marzo 2015. URL consultato il 27 marzo 2019.
  17. ^ RELEASE: First-Ever Global Standard to Measure Food Loss and Waste Introduced by International Partnership | World Resources Institute, su www.wri.org. URL consultato il 27 marzo 2019.
  18. ^ (EN) Silvia Gaiani, Sandra Caldeira e Valentina Adorno, Food wasters: Profiling consumers’ attitude to waste food in Italy, in Waste Management, vol. 72, 2018-2, pp. 17–24, DOI:10.1016/j.wasman.2017.11.012. URL consultato il 27 marzo 2019.
  19. ^ (EN) Marco Setti, Luca Falasconi e Andrea Segrè, Italian consumers’ income and food waste behavior, in British Food Journal, vol. 118, n. 7, 4 luglio 2016, pp. 1731–1746, DOI:10.1108/BFJ-11-2015-0427. URL consultato il 27 marzo 2019.
  20. ^ (EN) Ludovica Principato, Luca Secondi e Carlo Alberto Pratesi, Reducing food waste: an investigation on the behaviour of Italian youths, in British Food Journal, vol. 117, n. 2, 2 febbraio 2015, pp. 731–748, DOI:10.1108/BFJ-10-2013-0314. URL consultato il 27 marzo 2019.
  21. ^ a b (EN) Claudia Giordano, Fabrizio Alboni e Clara Cicatiello, Do discounted food products end up in the bin? An investigation into the link between deal-prone shopping behaviour and quantities of household food waste, in International Journal of Consumer Studies, vol. 43, n. 2, 2019, pp. 199–209, DOI:10.1111/ijcs.12499. URL consultato il 27 marzo 2019.
  22. ^ (EN) Claudia Giordano, Fabrizio Alboni e Luca Falasconi, Quantities, Determinants, and Awareness of Households’ Food Waste in Italy: A Comparison between Diary and Questionnaires Quantities, in Sustainability, vol. 11, n. 12, 2019/1, pp. 3381, DOI:10.3390/su11123381. URL consultato il 26 giugno 2019.
  23. ^ Camilla Tua, Mario Grosso e Simone Nessi, The “REDUCE” project: definition of a methodology for quantifying food waste by means of targeted waste composition analysis, in Rivista di Economia Agraria / Italian Review of Agricultural Economics, Vol 72, 7 marzo 2018, pp. No 3 (2017)–, DOI:10.13128/rea-22804. URL consultato il 27 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  24. ^ a b Lo Spreco Alimentare in Italia: i risultati del progetto REDUCE – Spreco Zero, su sprecozero.it. URL consultato il 10 settembre 2019.
  25. ^ (EN) Mario Grosso e Luca Falasconi, Addressing food wastage in the framework of the UN Sustainable Development Goals, in Waste Management & Research, vol. 36, n. 2, 2018-2, pp. 97–98, DOI:10.1177/0734242X17751968. URL consultato il 27 marzo 2019.
  26. ^ (EN) Matteo Boschini, Luca Falasconi e Claudia Giordano, Food waste in school canteens: A reference methodology for large-scale studies, in Journal of Cleaner Production, vol. 182, 2018-5, pp. 1024–1032, DOI:10.1016/j.jclepro.2018.02.040. URL consultato il 27 marzo 2019.
  27. ^ (EN) Clara Cicatiello, Silvio Franco e Barbara Pancino, The value of food waste: An exploratory study on retailing, in Journal of Retailing and Consumer Services, vol. 30, 2016-5, pp. 96–104, DOI:10.1016/j.jretconser.2016.01.004. URL consultato il 27 marzo 2019.
  28. ^ (EN) Clara Cicatiello, Silvio Franco e Barbara Pancino, The dark side of retail food waste: Evidences from in-store data, in Resources, Conservation and Recycling, vol. 125, 2017-10, pp. 273–281, DOI:10.1016/j.resconrec.2017.06.010. URL consultato il 27 marzo 2019.
  29. ^ (EN) Claudia Giordano, Simone Piras e Matteo Boschini, Are questionnaires a reliable method to measure food waste? A pilot study on Italian households, in British Food Journal, vol. 120, n. 12, 3 dicembre 2018, pp. 2885–2897, DOI:10.1108/BFJ-02-2018-0081. URL consultato il 27 marzo 2019.
  30. ^ (EN) Claudia Giordano, Fabrizio Alboni e Luca Falasconi, Quantities, Determinants, and Awareness of Households’ Food Waste in Italy: A Comparison between Diary and Questionnaires Quantities, in Sustainability, vol. 11, n. 12, 2019/1, pp. 3381, DOI:10.3390/su11123381. URL consultato il 10 settembre 2019.
  31. ^ I punti principali, su Banco Alimentare. URL consultato il 2 agosto 2020 (archiviato il 2 agosto 2020).
  32. ^ Spreco alimentare: la legge in Italia. Punto per punto la Legge Gadda n.166/2016, su ohga.it. URL consultato il 2 agosto 2020 (archiviato il 2 agosto 2020).
  33. ^ Rocco Bellantone, Spreco alimentare, cosa dice la Legge Gadda, su consumatori.it, 29 gennaio 2018 (archiviato il 2 agosto 2020).
  34. ^ Buttiamo cibo per 15,5 miliardi euro annui, 77% in casa, su ANSA, 12 settemebre 2017. URL consultato il 2 agosto 2020 (archiviato il 2 agosto 2020).
  35. ^ Sprechi alimentari, in Italia il fenomeno vale circa 15 miliardi, su repubblica.it. URL consultato il 2 agosto 2020 (archiviato il 29 novembre 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Ed. italiana: Tristram Stuart, Sprechi. Il cibo che buttiamo, che distruggiamo, che potremmo utilizzare, Mondadori, 2009, ISBN 88-6159-379-8.
  • Giulio Vulcano e Lorenzo Ciccarese, Spreco alimentare: un approccio sistemico per la prevenzione e la riduzione strutturali – Rapporto di sintesi, ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Rapporti 267/2017, 2017, ISBN 978-88-448-0834-1.
  • Elizabeth Royte, Meno spreco, meno fame. Ogni anno nel mondo viene buttato via circa un terzo del cibo, spesso per motivi estetici. Quel cibo potrebbe sfamare due miliardi di persone., in National Geographic Italia, Vol 37,3, Marzo 2016, pp. 2-27.
  • Andrea Segrè, Spreco, Rosenberg & Sellier, 2014, ISBN 978-88-7885-250-1.
  • Andrea Segrè, Last minute market. La banalità del bene e altre storie contro lo spreco, in Studi e ricerche, Pendragon, 2010, ISBN 978-88-8342-830-2.
  • Andrea Segrè, Vivere a spreco zero. Una rivoluzione alla portata di tutti, in I grilli, Marsilio, 2013, ISBN 978-88-317-1583-6.
  • Andrea Segrè, Cucinare senza sprechi. Contro lo spreco alimentare: azioni e ricette, in Il lettore goloso, Ponte alle Grazie, 2012, ISBN 978-88-6220-621-1.

Internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 1310 · LCCN (ENsh2011004561 · NDL (ENJA001261401