Giornata contro lo spreco alimentare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La giornata di prevenzione dello spreco alimentare venne celebrata per la prima volta il 5 febbraio 2014 in Italia. La giornata è stata ideata ed istituita dalla campagna Spreco Zero e Università di Bologna - Distal con il Ministero dell'Ambiente, per iniziativa del coordinatore PINPAS Andrea Segrè. Nel 2004 furono convocati gli "Stati generali" della filiera agroalimentare italiana. PINPAS, promosso da Ministero dell'ambiente, è il Piano nazionale di prevenzione dello spreco alimentare. [1][2] per sensibilizzare le persone sullo spreco alimentare.[3] Dal 2014 in poi, la giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare è l'occasione per la diffusione di nuovi dati da parte dell'Osservatorio nazionale sugli sprechi Waste Watcher (Lmm/Swg).

La settima edizione del 2020 ha ottenuto il Patrocínio del Ministero dell'Ambiente e di quello della Salute.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 5 FEBBRAIO 2017, 4^ GIORNATA NAZIONALE DI PREVENZIONE DELLO SPRECO ALIMENTARE, su sprecozero.it. URL consultato il 2 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2020).
  2. ^ Oggi è la giornata contro lo spreco alimentare, su ansa.it. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  3. ^ Spreco alimentare: Prevenzione è la parola chiave per la Giornata nazionale 2017, su improntaunika.it. URL consultato il 2 agosto 2020.
  4. ^ Lo spreco alimentare vale 15 miliardi, l'80% è nelle case, su ansa.it, 31 gennaio 2020. URL consultato il 2 agosto 2020 (archiviato il 2 agosto 2020).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]