Maria Chiara Gadda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maria Chiara Gadda
Maria Chiara Gadda daticamera 2018.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato15 marzo 2013
LegislaturaXVII, XVIII, XIX
Gruppo
parlamentare
XVII: PD
XVIII:
-IV (dal 19 settembre 2019)
-PD (fino al 19 settembre 2019)
XIX: Azione - Italia Viva
Circoscrizione
Incarichi parlamentari
Membro della Commissione ambiente della Camera dei deputati
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoItalia Viva (dal 2019)
In precedenza:
PD (2007-2019)
Titolo di studiolaurea in ingegneria gestionale
Professioneimpiegata

Maria Chiara Gadda (Tradate, 6 febbraio 1980) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 inizia la sua esperienza politica come consigliere comunale di Fagnano Olona. Alle elezioni politiche del 2013 viene eletta deputata della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione IV Lombardia per il Partito Democratico.

Nel suo impegno parlamentare è promotrice di una proposta di legge contro lo spreco di cibo, detta appunto "legge Gadda", approvata nel 2016 con un'amplissima maggioranza (Legge 19 agosto 2016, n. 166 "Disposizioni concernenti la donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi").

Viene rieletta in quanto capolista nel plurinominale Lombardia 1-02.

Il 18 settembre 2019, in seguito alla scissione nel Partito Democratico promossa da Matteo Renzi, decide di abbandonare il gruppo parlamentare del Partito Democratico ed iscriversi al nuovo partito di centro del senatore fiorentino, Italia Viva, con altri 40 parlamentari.Il 21 aprile 2021 viene nominata coordinatore di Italia Viva in Lombardia.

Verrà rieletta alle elezioni politiche anticipate del 25 settembre nella lista Azione - Italia Viva diventando segretario - delegato d'aula.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]