Paola Severino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paola Severino
Paola Severino - Quirinale.jpg

Vicepresidente della Luiss Guido Carli
In carica
Inizio mandato 18 giugno 2018
Predecessore Massimo Egidi

Rettrice della Luiss Guido Carli
Durata mandato 3 ottobre 2016 –
18 giugno 2018
Predecessore Massimo Egidi
Successore Andrea Prencipe

Ministro della giustizia
Durata mandato 16 novembre 2011 –
28 aprile 2013
Capo del governo Mario Monti
Predecessore Nitto Francesco Palma
Successore Annamaria Cancellieri

Vicepresidente del Consiglio della magistratura militare
Durata mandato 30 luglio 1997 –
30 luglio 2001
Predecessore Antonio Scaglione
Successore Francesco De Simone

Dati generali
Partito politico Indipendente
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
Professione Avvocata, Professoressa

Paola Severino Di Benedetto (Napoli, 22 ottobre 1948) è un'avvocata, accademica ed ex politica italiana.

Dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 è stata Ministra della giustizia del Governo Monti. Dal 18 giugno 2018 è vicepresidente dell'università Luiss Guido Carli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paola Severino si è laureata in giurisprudenza con lode nel 1971 all'Università di Roma La Sapienza e nel medesimo anno ha iniziato la propria carriera come ricercatrice in diritto penale. È stata allieva di Giuliano Vassalli alla Sapienza[1], di Adolfo Gatti[2] ed in seguito ha collaborato, alla Luiss, con Giovanni Maria Flick che successivamente è stato Ministro di grazia e giustizia nel governo Prodi I e Presidente della Corte costituzionale. Ha subito l'amputazione del braccio destro a causa di una malattia.[3] È sposata con Paolo Di Benedetto, ex commissario Consob, da cui ha avuto una figlia.

Carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

È divenuta professoressa associata di diritto penale nel 1987 e professoressa ordinaria dal 1995 nell'Università di Perugia. Dal 2002 al 2007 è stata Preside della Facoltà di Giurisprudenza alla Libera università internazionale degli studi sociali Guido Carli di Roma di cui dal 29 maggio 2006 al 3 ottobre 2016 è stata vice-rettrice. Dal 3 ottobre 2016 al 18 giugno 2018 è stata Rettrice della Libera università internazionale degli studi sociali Guido Carli, dove adesso ricopre l'incarico di Vicepresidente.

È avvocata dal 1977 ed è abilitata al patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori dal 1991. Nel corso della sua attività forense ha difeso Romano Prodi nel processo sulla vendita della Cirio, il legale della Fininvest Giovanni Acampora, nel processo IMI-SIR, Salvatore Buscemi nel processo per la strage di via d'Amelio, Francesco Gaetano Caltagirone nell'inchiesta di Perugia su Enimont, Cesare Geronzi per il crac della Cirio, l'ex segretario generale del Quirinale Gaetano Gifuni nell'indagine sui fondi per la gestione della tenuta di Castelporziano.

Ha rappresentato l'Unione delle comunità ebraiche italiane nel processo al nazista Erich Priebke, e tra le società-colosso alle quali ha dato assistenza legale si annoverano Eni, Enel e Telecom Italia.

Dal 30 luglio 1997 al 30 luglio 2001 ha rivestito la carica di vicepresidente del Consiglio della magistratura militare, prima donna della storia a ricoprire tale incarico. Nel 2001 vinse la classifica delle manager e dei manager pubblici più ricchi come vicepresidente della magistratura militare: 3,3 miliardi di lire. Nel 2002 è stata considerata, per quasi un mese, come destinata a ricoprire il ruolo di Vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, in quota all'UdC, ma poi ha rinunciato lei stessa alla candidatura.

Il 18 giugno 2018 il Consiglio di Amministrazione l'ha nominata Vice Presidente della Luiss, con delega alla Promozione delle Relazioni Internazionali.

Dal 2018 al 2020 è stata Rappresentante Speciale del Presidente in esercizio dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) per la lotta alla corruzione, carica istituita dalla Presidenza italiana dell’Organizzazione nel 2018[4].

Dalla primavera 2021 è coordinatrice del Comitato scientifico per il futuro dell'Europa (Conferenza sul futuro dell'Europa) all'interno dell'Ufficio Rapporti con l'Unione Europea della Camera dei Deputati.

Dal 23 settembre 2021 è Presidente della Scuola Nazionale dell’Amministrazione, in seguito alla nomina da parte del Presidente del Consiglio, Mario Draghi[5].

Ministra della giustizia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Legge Severino.

Dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 è stata ministra della giustizia del governo Monti, prima donna a ricoprire questa carica nella storia d'Italia.[6]

Nel febbraio 2012, come gli altri ministri del governo Monti, Severino ha pubblicato sul sito internet del ministero della giustizia una dichiarazione di trasparenza relativa alla sua situazione patrimoniale e ai suoi redditi nel 2011[7]. Con un imponibile netto di 7.005.649,00 euro, Severino era risultata essere la ministra più ricca del governo di cui faceva parte.[8]

Assieme al ministro Filippo Patroni Griffi ha redatto la "legge Severino" (D.Lgs. 235/2012), sull'incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi".

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze Italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 21 dicembre 2015[9]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'Oro Shahamir Shahamiryan
«Di iniziativa del Ministro della Giustizia della Repubblica d'Armenia»
— 7 febbraio 2019[10]
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— 23 maggio 2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scomparsa scrivania Togliatti, è giallo a via Arenula. Severino, vista ai tempi Vassalli; la sto cercando ma non la trovo., su giustizia.it, 28 novembre 2011. URL consultato il 6 aprile 2013.
  2. ^ Stefano Zurlo, On line i redditi dei ministri. La Severino batte tutti: è un avvocato da 7 milioni, su ilgiornale.it. URL consultato il 2 novembre 2019.
  3. ^ Francesco Grignetti, Severino: Le carceri sono la prima urgenza. Cambio di passo del neoministro, l'avvocato gradito anche all'Anm, su archivio.lastampa.it, La Stampa, 17 novembre 2011. URL consultato il 4 giugno 2015.
  4. ^ La prima Rappresentante Speciale OSCE per la lotta alla corruzione, su osce.org. URL consultato il 30 marzo 2021.
  5. ^ Nomina di Paola Severino alla Presidenza della SNA, su governo.it. URL consultato l'11 marzo 2022.
  6. ^ Ecco la squadra di Mario Monti. Nessun politico, sette prof e tre donne, su Corriere della Sera, 16 novembre 2011. URL consultato il 22 gennaio 2012.
  7. ^ Scheda trasparenza Paola Severino (PDF), su giustizia.it.
  8. ^ Trasparenza sui redditi dei ministri Severino la più ricca con 7 milioni, su repubblica.it. URL consultato il 2 novembre 2019.
  9. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  10. ^ La Medaglia d'Oro Shahamir Shahamiryan consegnata alla prof.ssa Paola Severino, in Centro Studi Hrand Nazariantz, 8 febbraio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro della giustizia della Repubblica Italiana Successore MinisteroGiustizia.gif
Nitto Francesco Palma 16 novembre 2011 - 28 aprile 2013 Annamaria Cancellieri
Predecessore Vicepresidente del CMM Successore Italy-Emblem.svg
Antonio Scaglione 30 luglio 1997 - 30 luglio 2001 Francesco De Simone
Predecessore Rettore della Luiss Successore Logo luiss.gif
Massimo Egidi 3 ottobre 2016 - 18 giugno 2018 Andrea Prencipe
Controllo di autoritàVIAF (EN21126818 · ISNI (EN0000 0000 7986 2682 · SBN RAVV478596 · LCCN (ENn85233114 · GND (DE1241362297 · WorldCat Identities (ENlccn-n85233114