Claudio Angelini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Claudio Angelini (Roma, 29 marzo 1943New York, 2 giugno 2015) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato presidente della Società Dante Alighieri a New York, presidente emerito di RAI Corporation e notista politico dell'ufficio di corrispondenza RAI dagli Stati Uniti. Alla fine del 2007 ha concluso l'incarico quadriennale di direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di New York.

A New York, città dove viveva dal 1997, è stato anche capo della sede RAI e responsabile dell'ufficio di corrispondenza dei TG. Nel 1978 annunciò agli italiani il ritrovamento dell'auto con il cadavere di Aldo Moro.

È noto agli italiani d'America per aver condotto e curato per molti anni il settimanale televisivo Zoom.

A Roma è stato direttore dei giornali radio RAI, vice direttore del TG1, responsabile (per vent'anni) dell'ufficio di corrispondenza RAI dal Quirinale, anchorman del TG1 e curatore di numerose trasmissioni culturali e de l'Almanacco del giorno dopo.

Ha diretto riviste letterarie, tra cui la Fiera e svolto un'attività di scrittore, pubblicando romanzi, saggi e raccolte di poesie, con Rusconi e Bompiani. Appassionato chitarrista, ha anche scritto e cantato delle ballate, raccolte nel 1982 in un disco dal titolo Ed eccomi qua...nel giardino delle meraviglie.

Sposato e padre di Gianclaudio Angelini, anch'egli giornalista, era opinionista de Il Messaggero.

È scomparso nel 2015 all'età di 72 anni[1].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Durante la campagna elettorale per le elezioni politiche del 1994 Silvio Berlusconi in persona gli propose la candidatura al Senato[2] nelle liste di Forza Italia ed egli declinò l'offerta[3], pur essendo un sostenitore della prima ora del Cavaliere[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morto a New York il giornalista Claudio Angelini, aveva 72 anni Ilmessaggero.it
  2. ^ sito "Archivio Storico Corriere della Sera" [1].
  3. ^ sito "Archivio Storico Corriere della Sera" [2]
  4. ^ sito [3], URL consultato il 27/6/2012.
Controllo di autorità VIAF: (EN7512437 · LCCN: (ENn80053266 · SBN: IT\ICCU\CFIV\012906 · ISNI: (EN0000 0000 7834 4453 · BNF: (FRcb12715404j (data) · NLA: (EN35781004