Lamberto Cardia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lamberto Cardia
Cardia Napolitano.jpg
Lamberto Cardia e Giorgio Napolitano, alla presentazione della relazione annuale della CONSOB, 13 luglio 2009

Presidente di Ferrovie dello Stato
Durata mandato 25 giugno 2010 –
29 giugno 2014
Predecessore Innocenzo Cipolletta
Successore Marcello Messori

Segretario del Consiglio dei ministri
Durata mandato 17 maggio 1995 –
17 maggio 1996
Presidente Lamberto Dini
Predecessore Gianni Letta
Successore Enrico Micheli

Presidente della Consob
Durata mandato 30 giugno 2003 –
18 novembre 2010
Predecessore Luigi Spaventa
Successore Vittorio Conti (ad interim)
Giuseppe Vegas

Dati generali
Partito politico Indipendente

Lamberto Cardia (Tivoli, 29 maggio 1934) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza all'università "La Sapienza" di Roma, già presidente di sezione della Corte dei Conti (attualmente fuori ruolo), ha ricoperto numerosi incarichi istituzionali fra cui quello di sottosegretario di Stato e di segretario del Consiglio dei ministri (gennaio 1995 - maggio 1996) con deleghe ulteriori ai servizi di sicurezza e allo sport nonché di capo di gabinetto presso la presidenza del Consiglio dei ministri (1987), di capo di gabinetto del Ministro del bilancio e della programmazione economica (1988 - 1989), di capo di gabinetto presso il Ministro del turismo e dello spettacolo (1978/1979) nonché di capo ufficio legislativo presso il Ministero del tesoro (giugno 1994 - gennaio 1995) e del Ministero delle partecipazioni statali (1980); è stato più volte vice capo di gabinetto presso la stessa presidenza del Consiglio dei ministri e presso il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni.

È stato nominato, per il quinquennio 30 giugno 2003 - 30 giugno 2008, presidente della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB)[1]; presso la CONSOB aveva già ricoperto, in precedenza, la carica di commissario. In seguito alla legge n. 31 del 28 febbraio 2008, la durata dell'incarico è stata portata a sette anni, senza possibilità di riconferma.

Il 26 giugno 2009 il Consiglio dei ministri ha respinto le sue dimissioni, presentate nei giorni precedenti in seguito ai contrasti tra CONSOB e Commissione finanze di Camera e Senato in merito al recepimento di una direttiva europea relativa alla trasparenza societaria.[2]

Cardia è attualmente professore di contabilità di stato presso i dipartimenti di economia e giurisprudenza dell'Università LUISS Guido Carli di Roma.

Dal 2010 al 2014 Cardia è presidente delle Ferrovie dello Stato. In ambito sportivo ha presieduto la Camera di Conciliazione ed Arbitrato per lo Sport istituita presso il CONI.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma— 10 luglio 1987[3]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— Roma
— 3 agosto 1983[4]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma— 2 giugno 1975[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29675737 · ISNI (EN0000 0000 0182 2058 · BNF (FRcb132066570 (data)