Oscar Farinetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Natale Farinetti, conosciuto come Oscar (Alba, 24 settembre 1954), è un imprenditore e dirigente d'azienda italiano fondatore della catena Eataly ed ex proprietario della catena di grande distribuzione Unieuro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Natale Farinetti, nasce ad Alba in Piemonte nel 1954, figlio del partigiano, imprenditore e politico Paolo Farinetti[1].

Dopo aver frequentato il liceo classico "Govone" di Alba si iscrive alla facoltà di economia e commercio dell'Università di Torino nel 1972, ma abbandona l'università nel 1976[2].

Contribuisce in prima persona a sviluppare il supermercato Unieuro fondato dal padre nel 1967 fino a farlo diventare una catena di grande distribuzione, specializzata in elettronica, di rilevanza nazionale[3]. Nel 1978 diviene membro del consiglio d'amministrazione, poi amministratore delegato e infine presidente, fino al 2003[2]. Decide poi di vendere Unieuro alla public company inglese di vendita al dettaglio di elettronica di consumo Dixons Retail con sede a Hemel Hempstead (Regno Unito)[4]. Con il ricavato di 528 milioni di euro[5] fonderà nel 2004 una nuova catena di distribuzione alimentare, Eataly[2].

Nel 2003 acquista e segue la ristrutturazione del Premiato Pastificio Afeltra di Gragnano (Campania) del quale poi diventa amministratore delegato[2]. Nel periodo 2002-2004 collabora anche a diverse ricerche didattiche di mercato dell'Università Bocconi di Milano e dell'Università di Parma[2].

Nel 2011 Farinetti promuove il viaggio in barca a vela da Genova a New York "7 mosse per l'Italia", al quale partecipa insieme a Giovanni Soldini, dal 25 aprile al 2 giugno dello stesso anno. Dal viaggio verrà tratto un libro omonimo[6].

Nel giugno 2012 Eataly ha già nove filiali in Italia, nove in Giappone e una a New York. Nel 2016 la rete sarà formata da 38 negozi di cui 16 all'estero.

Nell'estate 2015 decide di fare un passo indietro lasciando ufficialmente gli incarichi in azienda.[7]

Nel 2015 si dichiara contrario agli ogm.[8]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Farinetti vive a Novello, vicino a Cuneo. Sposato dal 1978 con Graziella Defilé.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 durante la trasmissione "Servizio Pubblico" di Michele Santoro viene criticato dal giornalista Marco Travaglio per la partecipazione di Eataly ad Expo senza gara d'appalto "Perché amico del Presidente del Consiglio Renzi" e per alcune sedi "regalate dai Comuni" in cui Eataly non paga l'affitto.[9]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Coccodè. Il marketing-pensiero di Oscar Farinetti, Firenze-Milano, Giunti, 2009. ISBN 978-88-09-06289-4.
  • 7 mosse x l'Italia. Un viaggio in barca a vela da Genova a New York con Giovanni Soldini e un po' di amici, Firenze-Milano-Torino, Giunti-Gruppo Abele, 2011. ISBN 978-88-09-77541-1.
  • Lezioni di cittadinanza. Per diventare più umani, a cura di, Torino, Gruppo Abele, 2012. ISBN 978-88-6579-030-4.
  • Storie di coraggio. 12 racconti con i grandi italiani del vino, con Shigeru Hayashi, Milano, Mondadori, 2013. ISBN 978-88-370-9707-3.
  • Migliorare si può - 300 consigli dai migliori, Mondadori Electa 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ANPI - Paolo Farinetti, su anpi.it. URL consultato il 16 giugno 2012.
  2. ^ a b c d e Economix: Oscar Farinetti, su economix.rai.it. URL consultato il 16 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2009).
  3. ^ Oscar Farinetti racconta Oscar Farinetti, su ilpost.it. URL consultato il 16 giugno 2012.
  4. ^ Oscar Farinetti: Eataly, un supermercato da 37 milioni di euro
  5. ^ Unieuro, il super hi-tech in venditaIl fondo americano esce dal capitale, in Corriere della Sera. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  6. ^ 7 Mosse x l'Italia
  7. ^ Oscar Farinetti lascia Eataly: "Mi rottamo da solo", su huffingtonpost.it. URL consultato il 5 gennaio 2018.
  8. ^ YouTube - Oscar Farinetti e Roberto Defez - OGM: tra mito e realtà, 2015
  9. ^ Farinetti a Servizio Pubblico, su serviziopubblico.it.
  10. ^ Il Premio Artusi 2011 a Oscar Farinetti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il mercante di utopie. La storia di Oscar Farinetti, l'inventore di Eataly a cura di Anna Sartorio, Sperling & Kupfer, 2008
  • Coccodè. Il marketing pensiero di Oscar Farinetti. Giunti Editore, 2008
  • 7 mosse per l'Italia. Giunti, 2011
  • Storie di coraggio. 12 incontri con i grandi italiani del vino, Mondadori, 2013
  • Ricordiamoci il futuro. Feltrinelli, 2017

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88464254 · ISNI (EN0000 0000 6001 8350
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie