Eataly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eataly Srl
Logo
Stato Italia Italia
Tipo società a responsabilità limitata
Fondazione 2004 a Alba (Cuneo)
Fondata da Oscar Farinetti
Sede principale Via Vittorio Emanuele, 6 - 12051 Alba
Filiali Asti, Bari, Bologna, Chicago, Dubai, Firenze, Forlì, Genova, Istanbul, Milano, Monaco di Baviera, Monticello d'Alba, New York, Osaka, Parma, Piacenza, Pinerolo, Roma, São Paulo, Tokyo, Torino, Trieste, Yokohama
Persone chiave
Settore
  • Distribuzione
  • Alimentare
Prodotti alimenti
Fatturato Green Arrow Up.svg 212 mln [1] (2011)
Slogan «La vita è troppo breve per mangiare e bere male»
Sito web www.eataly.it

Eataly è una catena di punti vendita di medie e grandi dimensioni specializzati nella vendita e nella somministrazione di generi alimentari italiani di alta qualità.

Piatto preparato all'Eataly di New York.
L'Eataly di New York nel 2010.

L'azienda[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda Eataly Srl è stata fondata da Oscar Farinetti, già proprietario di UniEuro (azienda poi ceduta).

La società è controllata per il 40% da Oscar Farinetti, per il 40% da alcune cooperative del sistema Coop (Coop Liguria e Coop Alleanza 3.0) e per il 20% dal fondo di investimento Tamburi Investment Partners.[2]

Non mancano critiche e discussioni relative alla filosofia e alla modalità di organizzazione del lavoro dell'azienda.[3][4]

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome eataly (crasi di eat e Italy) è stato inventato da Celestino Ciocca che nel 2000 ne ha registrato il dominio internet ed il marchio. Nel 2004 i diritti relativi al nome sono stati ceduti a Farinetti.[5].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Paesi con punti vendita Eataly (manca la Germania, in cui è stato aperto un Eataly a Monaco di Baviera nel 2015).

Il primo punto vendita è stato aperto nel 2007 a Torino, a nord del complesso del Lingotto, nel quartiere Nizza Millefonti. Lo spazio è nato dalla ristrutturazione di una vecchia fabbrica della Carpano.

Il punto di vendita di maggiori dimensioni è quello di Roma, aperto nel 2012, un edificio di quattro piani, oltre sedicimila metri quadrati ed integrato nella restaurata struttura dell'Air Terminal presso la stazione di Roma Ostiense[6][7]. Nel settembre 2013 è stato aperto il punto vendita di Bari, nella storica "location" della Fiera del Levante.[8] A dicembre dello stesso anno è stata la volta del punto vendita di Firenze in via de' Martelli, nel centro storico, a pochi passi dal Duomo. Nel marzo del 2014 è stato poi aperto il punto vendita di Milano presso l'ex Teatro Smeraldo.

Sono programmate aperture di altri punti vendita a Los Angeles, Toronto, Londra e Copenaghen.[9]

Nell'aprile del 2011 viene inaugurata la prima hamburgheria targata Eataly, "Eataly incontra la Granda", situata in piazza Solferino a Torino.[10] Altri locali verranno aperti negli anni successivi a Settimo Torinese (TO), Bergamo, Milano, Verona, Novara, Roma e Parma.[11]

Il 12 marzo 2014 è stato presentato il progetto dell'apertura di un punto vendita a Verona con il recupero dell'area della ghiacciaia, esempio di archeologia industriale, all'ex Mercato ortofrutticolo, su una superficie di undicimila metri quadrati, affidato all'architetto svizzero Mario Botta.[12] Il 30 settembre dello stesso anno è stato inaugurato un nuovo punto vendita a Piacenza, presso l'area dell'ex Cavallerizza.[13][14]

La prima apertura in America Latina avviene il 19 maggio 2015 a San Paolo in Brasile. La struttura conta con 13 punti di ristoro, dispersi sulla superficie di 4.500 metri quadrati.

Il 24 febbraio 2015 viene inaugurato un nuovo punto vendita a Forlì nel restaurato Palazzo Talenti-Framonti, sulla Piazza Aurelio Saffi: nell'occasione, Oscar Farinetti commenta: "Questo è l'Eataly più bello d'Italia".[15]

Il 26 novembre 2015 viene inaugurato il primo punto vendita europeo non italiano a Monaco di Baviera.

Nel 2016, sono stati inaugurati sei nuovi store nel mondo di cui: uno nella Downtown di New York, all'interno del nuovo World Trade Center, uno a Boston; tre in Asia nel Dubai Festival City, a Riyadh (Arabia Saudita) e a Doha (Qatar), e quello europeo di Copenhagen.

Il 17 gennaio 2017, Eataly apre un nuovo punto vendita in Italia, presso l'ex Magazzino Vini di Trieste.[16][17]

Eataly distribuisce i pasti a bordo dei treni di NTV.[18] e dal 2015 gestisce i ristoranti della catena alberghiera Starhotels[19].

Italia Italia[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

  • Eataly New York City - 200 5th Avenue - Manhattan - 10010 New York
  • Eataly Chicago - 43 E. Ohio St - 60611 Chicago
  • Eataly NYC Downtown - 4 World Trade Center - 10007 New York
  • Eataly Boston - Prudential Center - 800 Boylston Street - 02199 Boston

Brasile Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania[modifica | modifica wikitesto]

Danimarca Danimarca[modifica | modifica wikitesto]

Turchia Turchia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eataly Istanbul Zorlu Center - Istanbul

Giappone Giappone[modifica | modifica wikitesto]

Corea del Sud Corea del Sud[modifica | modifica wikitesto]

Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti[modifica | modifica wikitesto]

  • Eataly Dubai - Dubai Mall
  • Eataly Dubai Festival City

Qatar Qatar[modifica | modifica wikitesto]

  • Eataly Doha - Doha

Arabia Saudita Arabia Saudita[modifica | modifica wikitesto]

MSC Crociere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.repubblica.it, repubblica.it. URL consultato il 19 novembre 2012.
  2. ^ La sfida di Tamburi Eataly a peso d’oro “Ma il piano di crescita promette scintille”, repubblica.it.
  3. ^ FICO Bologna. Foolish, hungry e muti, arrivano Renzi e Farinetti
  4. ^ Lavorare a Eataly: un'inchiesta dei lavoratori - AgoraVox Italia
  5. ^ Atto notarile del 3 febbraio 2004 redatto dal Notaio Stefano Corino di Alba (repertorio n° 96538 – raccolta n° 11510)
  6. ^ roma.corriere.it, http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/12_gennaio_22/eataly-lavori-in-coros-ostiense-1902963520531.shtml .
  7. ^ luxury24.ilsole24ore.com, http://www.luxury24.ilsole24ore.com/GustoMete/2012/06/eataly_1.php .
  8. ^ Eataly sbarca a Bari e investe 20 milioni, Il Sole 24 ORE, 31 luglio 2013. URL consultato il 7 luglio 2014.
  9. ^ Giorgio Lonardi, Rossopomodoro sforna nuove aperture all’estero in partnerhip con Farinetti, in la Repubblica, Gruppo Editoriale L'Espresso, 13 aprile 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  10. ^ torino.repubblica.it, http://torino.repubblica.it/cronaca/2011/04/02/news/il_grandburger_targato_eataly-14400762/ .
  11. ^ eataly.net, http://www.eataly.net/it_it/negozi/hamburgheria-di-eataly .
  12. ^ Eataly sbarca a Verona con archistar Botta, in ANSA, 12 marzo 2014. URL consultato il 19 marzo 2014.
  13. ^ Eataly ha aperto. I piacentini accolti dall'applauso del personale : Liberta.it
  14. ^ http://www.piacenzanight.com/sezione-notizie-articolo.asp?cod=0015400
  15. ^ Eataly inaugura a Forlì, presente anche Niasca Portofino
  16. ^ http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2017/01/16/news/apre-il-tempio-del-gusto-farinetti-stregato-dalla-magia-di-trieste-1.14723259
  17. ^ http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2017/01/17/news/eataly-al-via-1.14727397
  18. ^ www.ntvspa.it, ntvspa.it. URL consultato il 19 novembre 2012.
  19. ^ Eataly porta le eccellenze made in Italy negli alberghi Starhotels - Food24

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]