Raul Radice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Raul Radice (Milano, 19 marzo 1902Roma, 1988) è stato uno scrittore, giornalista e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, divenne giornalista nel 1924, all'età di 22 anni. Nel 1938 fu scelto da Mondadori per dirigere il settimanale femminile «Grazia»[1]; l'anno successivo divenne il primo direttore della nuova rivista mondadoriana «Tempo». Dallo stesso anno collaborò con il Corriere della Sera, prima come critico cinematografico, poi come inviato speciale in Unione Sovietica, quindi - dal dopoguerra - come critico letterario (1963-73).

Nel 1934 si aggiudicò il Premio Bagutta, con il romanzo Vita comica di Corinna.

Docente all'Accademia nazionale d'arte drammatica, fu il successore di Silvio D'Amico come commissario (1955-1963) e poi presidente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Carrarini, M. Giordano, Bibliografia dei periodici femminili lombardi (1786-1945), Lampi di stampa, 2003, p. 362.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Non ebbe la carica di direttore, ma di presidente del Comitato direttivo.
  2. ^ La rivista riprese le pubblicazioni il 23 agosto 1945 sotto la direzione di Filippo Sacchi.
Controllo di autoritàVIAF (EN17378008 · ISNI (EN0000 0001 0875 3283 · SBN IT\ICCU\RAVV\001430 · LCCN (ENn80043437 · GND (DE119508222 · BNF (FRcb134982923 (data) · WorldCat Identities (ENn80-043437