Enzo Forcella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« Forcella, come sempre, era pieno di dubbi e di insicurezze. Soffriva del suo isolamento, della sua lontananza astrale da un mondo che non gli piaceva. Era ed è un maestro »

(Corrado Stajano[1])
Enzo Forcella

Enzo Forcella (Roma, 15 maggio 1921Roma, 9 febbraio 1999) è stato uno scrittore, giornalista e storico italiano, vincitore del Premio Bagutta nel 1975 con Celebrazione di un trentennio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Orfano di guerra, si diplomò al Convitto nazionale Vittorio Emanuele II di Roma beneficiando del posto gratuito previsto per gli studenti meritevoli[2]. Nel dopoguerra intraprese la carriera di giornalista collaborando con La Stampa di Torino, dove rimane fino al 1960, chiamato poi da Italo Pietra al Il Giorno. Dimessosi nel 1972, fu nel gruppo iniziale di giornalisti che segue la nascita de La Repubblica.

Dal 1976 al 1986 ricoprì il ruolo di direttore di Rai Radio 3, inventando la rassegna Prima pagina. Dal 1979 al 1989 ricoprì inoltre la carica di presidente dell'Istituto romano per la storia d'Italia dal fascismo alla Resistenza (IRSIFAR).

Tra le altre attività di Forcella vi è anche la collaborazione con Francesco Rosi alla stesura della sceneggiatura di Le mani sulla città, del 1963[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Corrado Stajano, Forcella, un uomo libero in prima pagina, in Corriere della Sera, 10 febbraio 1999. URL consultato il 5 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  2. ^ Ugo Genovese, "Ricordo Enzo Forcella: uno studente povero, un esempio di dignità", in Corriere della Sera, 13 febbraio 1999.
  3. ^ La motivazione ufficiale

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN37012641 · ISNI: (EN0000 0004 3981 5928 · SBN: IT\ICCU\RAVV\034199 · BNF: (FRcb12450967x (data)