Raul Montanari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Raul Montanari (Bergamo, 19 gennaio 1959) è uno scrittore e traduttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trasferitosi a Milano con la famiglia, compie studi classici all'Università Cattolica del Sacro Cuore e si laurea in Lettere antiche e un master in Comunicazioni sociali.

Il suo primo romanzo, Il buio divora la strada, edito da Leonardo, è uscito nel 1991. Nel 2008 pubblica La prima notte (Baldini & Castoldi); il libro si svolge nell'arco di una nottata, ed è quasi interamente costituito da un dialogo tra un uomo e una donna, con particolare attenzione ai personaggi rispetto alla trama, tendenza confermata nel successivo Strane cose, domani, vincitore del premio Strega Giovani 2010 nonché del premio Bari e del premio Siderno.[senza fonte]A quanto l'autore ha raccontato in diverse interviste, il soggetto è basato su un fatto realmente accadutogli (il ritrovamento del diario abbandonato da una ragazza in un parco milanese)[senza fonte]. In seguito, Montanari publlica L'esordiente (2011), satira del mondo letterario italiano, e Il tempo dell'innocenza (2012), meditazione sull'impossibilità di sfuggire al destino.

Per il teatro, ha tradotto il Tieste di Seneca, Edipo Re e Edipo a Colono di Sofocle, Doppio Sogno di Arthur Schnitzler e il Macbeth di Shakespeare. È stato docente presso l'Università Cattolica. A Milano dirige una scuola di scrittura creativa.

Nel 2012, per il complesso delle sue attività gli è stato assegnato il premio istituzionale della città di Milano (Ambrogino d’oro).[1]

Nel 2015 ha pubblicato con Einaudi Stile Libero Il regno degli amici, il primo romanzo di Montanari ambientato interamente nel mondo degli adolescenti in cui rimangono tutte le caratteristiche principali della sua narrativa: scrittura rapida e scorrevole, centralità di trama e personaggi, tensione in crescendo, ma con un umorismo sempre più marcato.[senza fonte]La storia è ambientata nell'estate dell'82.

L'ultimo romanzo di Montanari è La vita finora (Baldini & Castoldi 2018), centrato sul tema del bullismo e dello scontro generazionale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il buio divora la strada, Leonardo 1991, quindi Baldini Castoldi Dalai, 2002
    • Das Dunkel verschlingt die Strasse, Ullstein 2004
  • La perfezione, Feltrinelli, 1994; “UE”, 1996, poi 2006; Premio Linea d'Ombra 1995
    • Der Perfektionist, Ullstein 1998
  • Sei tu l'assassino, Marcos y Marcos 1997
  • Dio ti sta sognando, Marcos y Marcos 1998.
  • Che cosa hai fatto, Baldini & Castoldi 2001
  • Chiudi gli occhi, Baldini & Castoldi, 2004
  • La verità bugiarda, Baldini & Castoldi 2005, poi 2013 in e-book
  • L'esistenza di dio, Baldini & Castoldi 2006,
  • La prima notte, Baldini & Castoldi 2008
  • Strane cose, domani, Baldini & Castoldi 2009
  • E poi la notte, romanzo e racconti, Giallo Mondadori n. 3008, 2010
  • L'esordiente, Baldini & Castoldi 2011
  • Il tempo dell'innocenza, Baldini & Castoldi 2012
  • Il regno degli amici, Einaudi 2015
  • Sempre più vicino, Baldini & Castoldi 2017
  • La vita finora, Baldini & Castoldi 2018

Antologie di racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Un bacio al mondo, Rizzoli 1998
  • Riccardo Ferrrazzi e Raul Montanari, Il tempo, probabilmente, Literalia 2000
  • È di moda la morte, Perrone 2007

Racconti in antologie collettive (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • Duello in Il libro dei racconti brevi, La Nuova Italia 1997
  • Lettera d'amore, in Caro amore ti scrivo..., Mondadori 1998.
  • Jack the Ripper, in Era una notte buia e tempestosa…, Feltrinelli 1998.
  • La vita in gioco in Azzurri, Rizzoli 2006.
  • Ho deciso di uccidere mio figlio, in Family Day, Sperling & Kupfer 2008.
  • Storia di voci, in Ho visto cose..., Rizzoli 2008.
  • L'uomo che aveva paura di morire (How to disappear completely), in Narradiohead. Storie e visioni rock, Baldni & Castoldi 2008.
  • Gaia, gli inizi, in Pene d'amore, sette racconti erotici, Guanda 2008.
  • Musica e panico, in La musica è il mio radar, Mursia 2010.
  • Gli occhi del gatto, in Love Out, Transeuropa 2012.
  • Le linee in 50 anni di Bianca, antologia poetica, Einaudi 2014.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Nelle galassie oggi come oggi. Covers, con Aldo Nove e Tiziano Scarpa, poesie, Einaudi, “Collezione di poesia” 2001
  • Il Cristo zen, saggio, Indiana 2011.
  • Incubi e amore, testi teatrali, Transeuropa 2012.
  • Tu non sai niente di me, "I corsivi del Corriere della Sera", 2015, e-book

Traduzioni (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • William Styron, Un'oscurità trasparente, Leonardo 1990.
  • Allan Gurganus, L'ultima vedova sudista vuota il sacco, Leonardo 1991.
  • Philip Roth, Inganno, Leonardo 1991. Poi Einaudi 2006.
  • Borges, Greene, Vargas Llosa, In quante lingue si può sognare, Leonardo 1991.
  • James Frazer, Matrimonio e parentela, Mondadori 1991; Sulle tracce di Pausania, Adelphi 1994.
  • Cormac McCarthy, Meridiano di sangue, Einaudi 1996; Il buio fuori, Einaudi 1997; Città della pianura, Einaudi 1999; Figlio di dio, Einaudi 2000.
  • John O'Brien, Via da Las Vegas, Feltrinelli 1996.
  • André Brink, La polvere dei sogni, Feltrinelli 1997.
  • Stewart O'Nan, Mi chiamavano Speed Queen, Feltrinelli 1999.
  • AAVV Jorge Luis Borges, volume monografico, traduzione e curatela di R.M., minimum fax 1999.
  • Edgar Allan Poe, Il corvo e altre poesie, Feltrinelli UE 2009.
  • Robert L. Stevenson, Il giardino dei versi, Nutrimenti 2010.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Felix, libretto in due atti su soggetto originale (finalista premio Riccione 1993).
  • DJ, atto unico commissionato dal Théatre Du Nouveau, 1999 poi in Sergio Altieri (a cura di) Anime nere, Mondadori 2007.
  • Doppio sogno, traduzione e adattamento dal romanzo di Schnitzler
  • Incubi e amore, atto unico
  • La piccola vedetta lombarda, rielaborazione radiofonica originale da Edmondo De Amicis, in Ricuore, RAI3, 2001.
  • Trans Europe Express, opera lirica su testi originali, musica di Daniele Gasparini

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Il '68 di chi non c'era (ancora), antologia di racconti, Rizzoli 1998
  • Onda lunga, antologia di racconti, Archivi del ‘900, 2002

Soggetti e sceneggiature[modifica | modifica wikitesto]

  • 1990 Ciò che conta, 1990 Regia di Antonio Syxty (cortometraggio)
  • 1993 L'appuntamento, 1993. Regia di Antonio Syxty (cortometraggio)
  • 2000 Raul Montanari e Antonio Syxty, Tartarughe dal becco d'ascia, regia di Antonio Syxty

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79187039 · ISNI (EN0000 0000 7843 4547 · SBN IT\ICCU\CFIV\110435 · LCCN (ENnr94024622 · BNF (FRcb145025620 (data)