Elio Germano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elio Germano (Roma, 25 settembre 1980) è un attore italiano.

Ha vinto 3 David di Donatello per il miglior attore protagonista per Mio fratello è figlio unico, La nostra vita, pellicola che gli fa vincere anche il Prix d'interprétation masculine al Festival di Cannes 2010; e Il giovane favoloso

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elio Germano nasce a Roma nel 1980 da una famiglia originaria di Duronia, in Molise, in provincia di Campobasso . Germano esordisce nel cinema all'età di dodici anni come protagonista del film di Castellano e Pipolo Ci hai rotto papà (1993). Durante il liceo scientifico frequenta per tre anni un corso teatrale presso la scuola di recitazione Teatro Azione, diretta da Isabella Del Bianco e Cristiano Censi. Nel 1999 preferisce abbandonare Giancarlo Cobelli in una tournée teatrale[senza fonte] per partecipare al film Il cielo in una stanza di Carlo Vanzina, e da quel momento inizia la sua carriera cinematografica.

Conclusa l'esperienza con Vanzina, lavora infatti con registi quali Ettore Scola (Concorrenza sleale), Emanuele Crialese (Respiro), Gianluca Maria Tavarelli (Liberi), Libero De Rienzo (Sangue - La morte non esiste), Giovanni Veronesi (Che ne sarà di noi), Michele Placido (Romanzo criminale), Gabriele Salvatores (Quo vadis, baby?, Come Dio comanda), Paolo Virzì (N (Io e Napoleone), Tutta la vita davanti), Daniele Vicari (Il passato è una terra straniera). La notorietà arriva a seguito dello scandalo provocato da una scena di nudo esplicito nel film di Paolo Franchi (Nessuna qualità agli eroi). Sempre nel 2007, si aggiudica il David di Donatello come miglior attore protagonista con il film di Daniele Luchetti Mio fratello è figlio unico (2007). Nel 2008, con la regia di Francesco Patierno, ha vestito i panni del popolare conduttore e autore radiofonico Marco Baldini, in Il mattino ha l'oro in bocca, film basato sull'autobiografia dello stesso speaker, Il giocatore (ogni scommessa è un debito).

Durante un'intervista rilasciata allo stesso Marco Baldini, a Radio Kiss Kiss, Elio Germano ha dichiarato: "Ho cominciato ad amare la radio con Il mattino ha l'oro in bocca"[1]. Al cinema affianca partecipazioni a fiction televisive quali Un medico in famiglia 2, Padre Pio, Ferrari, Via Zanardi 33 e Paolo Borsellino. Nel 2010 Germano è protagonista della pellicola La nostra vita, diretta da Daniele Luchetti; unico film italiano in concorso al 63º Festival di Cannes, per il quale viene insignito del premio per la miglior interpretazione maschile ex aequo con Javier Bardem.[2]

« Siccome i nostri governanti in Italia rimproverano sempre, al cinema, di parlare male della nostra nazione, io volevo dedicare questo premio all'Italia e agli italiani, che fanno di tutto per rendere l'Italia un paese migliore nonostante la loro classe dirigente. »
(Elio Germano dopo la vincita del premio come miglior attore al Festival di Cannes 2010)

Prima dell'attore romano, l'ultimo italiano ad essersi aggiudicato tale riconoscimento fu Marcello Mastroianni con Oci ciornie nel 1987.[3] In seguito Germano ottiene, sempre per il film di Luchetti, il Nastro d'Argento al migliore attore protagonista, ex aequo con Christian De Sica, e il David di Donatello per il miglior attore protagonista. Alla fine del 2010 ha interpretato Folco Terzani, figlio del giornalista Tiziano Terzani, nel film biografico La fine è il mio inizio, diretto da Jo Baier e tratto dall'omonimo libro. Nel 2011 è protagonista di Magnifica presenza con Margherita Buy.

Nel 2014 è protagonista del film Il giovane favoloso diretto da Mario Martone, dove interpreta Giacomo Leopardi, per il quale ottiene il Premio David di Donatello 2015, come Miglior Attore Protagonista.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • La storia chiusa, regia di Emiliano Corapi - Vincitore del Nastro d'Argento 2001 (2001)
  • Gas, regia di C. Noce - Vincitore del Festival di Imola - Menzione Speciale Arcipelago 2003 (2003)
  • Non riesco a smettere di vomitare, regia di Adriano Ercolani (2004)
  • Trevirgolaottantasette, regia di Valerio Mastandrea - Vincitore del Nastro d'Argento 2005 (2005)
  • Stasera torno prima", regia di Libero de Rienzo sul brano della cantautrice Mariella Nava per ANMIL (Associazione Nazionale fra Mutilati ed Invalidi del Lavoro) (2008)
  • L'ape e il Vento, regia di Massimiliano Camaiti - progetto PerFiducia di Intesa Sanpaolo (2010)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • Il confine tra me e te di Meg (2013)
  • Ecco che di Elisa (2013)

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altre esperienze[modifica | modifica wikitesto]

Compare nello spot televisivo Pandoro Bauli del 1988. Dal 1997 fa parte del gruppo rap Bestierare. Compare nello spot televisivo Kinder Bueno del 1995.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elio Germano a Radio Kiss Kiss, Radio Kiss Kiss, 03 giugno 2010.
  2. ^ (EN) Awards 2010, festival-cannes.fr. URL consultato il 13 luglio 2011.
  3. ^ Non considerando l'interpretazione in lingua francese di Virna Lisi, per la sua interpretazione ne La Regina Margot di Patrice Chéreau, presentato a Cannes nel 1994.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per il miglior attore protagonista Successore
Silvio Orlando
per Il caimano
2007
per Mio fratello è figlio unico
Toni Servillo
per La ragazza del lago
I
Valerio Mastandrea
per La prima cosa bella
2011
per La nostra vita
Michel Piccoli
per Habemus Papam
II
Toni Servillo
per La grande bellezza
2015
per Il giovane favoloso
In carica III
Controllo di autorità VIAF: (EN100616714 · LCCN: (ENno2004066727 · SBN: IT\ICCU\RAVV\310268 · ISNI: (EN0000 0001 1692 1101 · GND: (DE139338144 · BNF: (FRcb150688487 (data)