Radio Kiss Kiss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Radio Kiss Kiss
Paese Italia
Data di lancio 1976
Share di ascolti 1.839.000 (1º semestre 2015[1])
Editore Radio Kiss Kiss S.r.l.
Motto «Play everywhere»
Sito web www.kisskiss.it
Diffusione
Terrestre
Analogico FM, in Italia
Streaming web
Internet In formato WMP Mp3 Quicktime RealPlayer

Radio Kiss Kiss è un'emittente radiofonica nazionale italiana con sede centrale a Napoli e studi a Roma e Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anni '70/'80[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi degli anni settanta, Ciro Niespolo fonda la nota discoteca napoletana Kiss Kiss, la radio nasce nel settembre del 1976, tra le prime radio libere partenopee, accompagnando l'omonima discoteca.

Niespolo contatterà Sasà Capobianco per affidargli la direzione artistica dell'emittente.

Sasà Capobianco e Ciro Niespolo nella discoteca Kiss Kiss.

Nel 1977, Radio Kiss Kiss riceve il Telegatto dal settimanale Sorrisi e Canzoni TV. Nel 1980 è la radio più ascoltata a Napoli. All'inizio degli anni ottanta, con la catastrofe del terremoto dell'Irpinia, la radio comincerà a realizzare i primi radiogiornali per poter informare la popolazione locale campana.

Nel 1983 raggiunge il primato come prima radio in Campania. Nel 1985 è l'emittente radiofonica con il maggior numero di ascoltatori del capoluogo, sul finire degli anni ottanta espande il proprio segnale.

Verso la fine degli anni 80 veniva trasmesso di venerdì in diretta dalla discoteca kiss kiss nelle ore serali, un programma di musica house che ebbe un buon successo fra il popolo della notte, il programma si chiamava "Funk Machine", e i dj che mixavano si chiamavano Dario Tofano e Patrizio Squeglia.

Anni '90[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º gennaio 1990, copre buona parte della penisola, e diventa la sesta radio di Milano.

Successivamente, per volere del presidente Lucia Niespolo, nascono Radio Kiss Kiss Italia, che trasmette musica italiana e copre parte del Mezzogiorno, Radio Kiss Kiss Napoli, dedicata all'area partenopea, e Radio Ibiza, la più giovane delle emittenti, che trasmette esclusivamente musica dance.

Lo stesso anno, Lucia Niespolo, anche direttore artistico, cambia lo slogan della radio in «The Show Radio» e contatta Francesco Paolantoni e Stefano Sarcinelli per la realizzazione di un programma radiofonico che andasse in onda fino al giugno del 1991. Il duo, insieme a Rosario Pellecchia, coinvolto dal direttore per seguire la produzione, conducono il programma A tutti coloro.

Nel 1992, la Niespolo lascia la carica di direzione artistica assumendo quella di editore. La direzione artistica verrà affidata a Gianni Simioli. Nello stesso anno nasce il programma eroti-comico Facciamo Candy Candy, ideato e condotto da Pippo Pelo. In onda si ascoltavano i mitici Jingles creati da Clay Remini dello studio Zerodibi di Milano.

Tra il 1991 e il 1993, Radio Kiss Kiss Network riceve da Noi due nomination per il Gran Premio delle Radio come "Radio del cuore" e "Miglior programma di informazione musicale".

Con l'avvento della Legge Mammì del 1990, il 13 giugno 1994 ottiene la concessione alla radiodiffusione in ambito nazionale.

Nel 1994 parte la seconda serie del programma A tutti coloro, con l'aggiunta di altri personaggi: Maurizio Casagrande, Luciano Fruttaldo e Paola Cannatello. Anche questa edizione riscuote notevole successo, tanto da guadagnarsi il Telegatto.

Nel 1996 la direzione artistica viene affidata nuovamente a Lucia Niespolo. Nel 1996, il programma serale Kiss Kiss Vibes, dedicato alle nuove tendenze musicali, riceve una nomination per il Telegatto.

Nel 1997 entrano nel capitale sociale dell'emittente i fratelli Suraci (editori di RTL 102.5). Lo stesso anno è la radio ufficiale del Festivalbar.

Radio Kiss Kiss, cambia lo slogan in «The Rhythm of Your Life» ed effettua un cambiamento editoriale in tutta la programmazione radiofonica. Sarà dato più spazio alla musica e meno ai talk dei conduttori; così facendo la radio assumerà una connotazione da emittente di flusso.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Lucia Niespolo, presidente dell'emittente

Nel 2000, i fratelli Suraci escono dall'assetto societario di Radio Kiss Kiss. Questo porterà dei cambiamenti nella programmazione radiofonica nonché nello slogan della radio, che diventerà «La radio che ti ascolta».

Nel 2001, la coordinazione artistica viene affidata alla Push Pull di Marcello Pozza, che, con l'ausilio della sua struttura (fonici, autori), diventa il nuovo direttore artistico dell'emittente partenopea. Radio Kiss Kiss, per poter presidiare il territorio lombardo e poter acquisire le professionalità di alcuni conduttori della zona, apre un sede a Milano in via Aleardo Aleardi.

Nasce, nello stesso anno, il programma comico Pelo e contropelo condotto da Pippo Pelo (coadiuvato nel corso degli anni da: il professore Carlo Giordano, il duo comico Antonio e Michele, Sergio Friscia, Rosalia Porcaro, i ditelo voi, Gigi e Ross e i due interi e un ridotto).

Nel 2002, la direzione artistica passa a Eddi Berni, fino al giugno del 2004.

Nel luglio del 2004, la Niespolo contatta Marco Minelli, ex direttore artistico di Radio Dimensione Suono e One-O-One Network, per affidargli il compito di coordinatore artistico.

Il 1º maggio 2005, Radio Kiss Kiss apre la sede anche a Roma in via Quirino Visconti, da dove trasmetterà il neo assunto Antonio Gerardi, proveniente da RTL 102.5.

Nell'estate del 2005, la concessionaria pubblicitaria Radio e Reti acquisirà il 25% del capitale sociale dell'emittente.

2006[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio del 2006, in esclusiva, riesce a trasmettere integralmente le intercettazioni telefoniche fatte a Luciano Moggi che generarono il caso Moggiopoli.[2]

Con l'ingresso di nuovi soci nella compagine societaria, Radio Kiss Kiss effettua una politica di espansione su tutto il territorio nazionale acquisendo nuove frequenze. Questa azione, che vedranno coinvolti anche grossi investimenti pubblicitari, avrà ottimi risultati, portando l'emittente dalla undicesima alla sesta posizione delle radio nazionali.

Nell'ottobre del 2006, in occasione del suo trentesimo anniversario, la radio cambia logo e lo slogan in «Tieni accesa l'immaginazione».

2007[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 marzo 2007, Radio Kiss Kiss dedica per la prima volta l'intera programmazione giornaliera ai cambiamenti climatici. Per l'occasione il palinsesto viene curato da Alessandro Cecchi Paone. Questa iniziativa verrà replicata dall'emittente ogni anno. In aggiunta al Clima Day, verranno inserite nel proprio palinsesto quotidiano le Clima News, due spazi della durata di due minuti cadauno, realizzate e condotte da Cecchi Paone.

Nel 2007, Radio Kiss Kiss è la radio nazionale più ascoltata nel Sud Italia. Alla fine dello stesso anno, sigla l'accordo sulla qualità di emissione della pubblicità radiofonica con L'UPA (Unione Pubblicitari Associati) insieme a Rai, Radio Dimensione Suono, RTL 102.5, R 101.

Nello stesso anno Gigi e Ross, co-conduttori del morning show di Pippo Pelo, Pelo e contropelo, vincono il premio Grolle come "Rivelazione dell'anno"

2008[modifica | modifica wikitesto]

il 4 febbraio 2008, per incrementare i dati d'ascolto del target maschile compreso tra i 25 e i 44 anni, decide di far partire un nuovo programma radiofonico dedicato interamente al calcio. Il programma, intitolato Siamo tutti CT, avrà come conduttore Valter De Maggio, e come opinionisti Sandro Piccinini, Ciccio Graziani, Sandro Mazzola, Stefano Tacconi, Monica Vanali, Paolo Liguori, Arrigo Sacchi, Sebino Nela.

A marzo partono altri due programmi, 00K Licenza di... condotto da Marco e Giò, e A tutte le auto Kiss Kiss condotto da Mariolina Simone, Demo Mura e Gianluca Ansanelli.

A settembre, con l'inizio della nuova stagione calcistica, Siamo tutti CT sarà riproposto con Marino Bartoletti, Josè Altafini e Alberto Brandi al posto di Tacconi e Nela.

A ottobre il programma radiofonico Pelo e Contropelo vince il Premio Grolle come "Miglior Morning Show radiofonico" dell'anno.[3]

2009[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo del 2009, con la crisi economica che pesa sugli investimenti pubblicitari nazionali, Radio Kiss Kiss cambia la concessionaria pubblicitaria, passando da Radio e Reti a Monradio del gruppo Mondadori[4]. Questa operazione viene presa dagli addetti ai lavori come un preludio di una eventuale cessione parziale o totale della radio al gruppo capitanato da Marina Berlusconi, già presente nel settore con l'emittente nazionale R 101.

Lo stesso mese mette a disposizione del programma televisivo Scherzi a parte i propri studi per realizzare gli scherzi a Toto Cutugno e Giorgia.

Il 6 aprile, il palinsesto radiofonico viene sospeso per il terremoto in Abruzzo. L'intera programmazione giornaliera, ad eccezione degli spazi dedicati alla musica, sarà utilizzata per dare aggiornamenti sulla catastrofe.

Il 22 aprile è andata in onda la terza edizione del Clima Day, col patrocinio del Ministero dell'Ambiente, Legambiente, WWF e Marevivo. Ad occuparsi della parte scientifica del programma, per quindici ore senza sosta, è stato nuovamente Cecchi Paone, accompagnato da tutti i conduttori della radio.

Il 18 maggio esordisce Vieni Avanti Kiss Kiss, programma condotto ed ideato da Marco Baldini.

Il 31 agosto entrano a far parte dello staff del programma Pelo e Contropelo, il trio Due interi e un ridotto.

2010[modifica | modifica wikitesto]

A fine giugno 2010, è stata presentata una puntata speciale di Pelo e Contropelo per celebrare i vent'anni di Pippo Pelo a Radio Kiss Kiss.

2011[modifica | modifica wikitesto]

26 settembre cambio del palinsesto con l'inserimento di Joe Violanti, Cristina Chiabotto, Guido Meda, Enzo Miccio, Simone Rugiati, Dario Cassini, Marisol e Francesco Facchinetti.

2012[modifica | modifica wikitesto]

16 gennaio lancio del suo nuovo logo e claim Play Everywhere. In primavera arrivano anche Ricky e Il Panta e Daniele Doesn't Matter.

2013[modifica | modifica wikitesto]

Il palinsesto si arricchisce con Domenica in & out presentato da Ricky e Il Panta, il morning show del weekend Figli delle stelle condotto da Gaspare Baglio e Antonio Capitani e Kiss Kiss My Ass con i Finley. Il 31/07/2013 diventa la radio ufficiale della S.S.C. Napoli. Nel nuovo palinsesto non figurano più Ricky e Il Panta, Antonio Capitani e Marco e Giò. Torna, invece, Siamo tutti CT con Valter De Maggio, Alberto Brandi, Maurizio Compagnoni e Raffaella Fico. La domenica si riempie con il programma Check-in condotto da Danny Virgillo e i Finley passano a condurre il programma KissKiss My Ass tutti i pomeriggi.

2014[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo palinsesto vede il ritorno di Pippo Pelo la mattina con il Pippo Pelo Show. Tolte le conduzioni in coppia ad eccezione dei Finley.

Il palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

dal Lun al Ven
Sabato
Domenica

Staff[modifica | modifica wikitesto]

Staff Attuale


Programmi del passato[modifica | modifica wikitesto]

dal al Nome Trasmissione Staff
1976 1996 Disco live Rosanna Iannacone, Stefano Piccirillo, Sasà Capobianco, Lucia Niespolo, Marcello Niespolo, Fernando Opera, Davide Niespolo, Giancarlo Cavallo
1979

1979

1996

1982

Te lo disco io

AmericanCast

Massimo Cuomo, Lello Romano, Gianni Aramu, Sandro Cuozzo, Filippo Arienzo, Marco Leone, Michele Speranza

Ugo Saponara e Nicola Trunfio

1980 1981 Strike! (e i Gialli di Strike) Giuseppe Trematerra, Roberto Serra, Lello Romano, Monica Monteforte, Imma de Rosa, e tanti altri!
1980 1990 Una fetta di sorriso Antonella Di Lello, Marina Brill, Lello Romano, Patrizia Lamia
1994 1995 A tutti coloro Francesco Paolantoni, Stefano Sarcinelli, Maurizio Casagrande, Paola Cannatello
2001 2002 KissMI Andrea Marchesi, Michele Mainardi, Giacomo Brunoro
2001 2005 Kissisveglia Gianni Manuel, Massimo Tadorni, Andrea Mercurio
2003 2005 Il neurone Manuela Doriani
1995 1996 Kiss Kiss Vibes Nino Mazzarino, Stefano Valli
2000 2000 Tutti pazzi per Sanremo Ambra Angiolini
1993 2003 Facciamo Candy Candy Pippo Pelo
2005 2007 Ciao cicci Gianni Manuel
2002 2008 Baciami Mauro Marino
2005 2008 Good Fellas Antonio Gerardi
Kiss Kiss Night Lucio Seneca, Maurizio Montuori
2008 2009 Siamo tutti CT Sandro Piccinini, Ciccio Graziani, Sandro Mazzola, Stefano Tacconi, Monica Vanali, Paolo Liguori, Arrigo Sacchi, Sebino Nela
2009 2011 S.O.S. Chef prof.Tommaso De Rosa
2009 2011 Vieni Avanti Kiss Kiss Marco Baldini
1991 2011 Pelo e Contro Pelo Pippo Pelo, Rosalia Porcaro, Sergio Friscia, Gigi e Ross, Due interi e un ridotto, Ditelo Voi
2012 2013 Un Giorno di Ordinaria Magia Ricky e il Panta
2012 2013 Domenica In & Out Ricky e il Panta

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

(dati audiradio - fonte: [1])

anno periodo Giorno Medio Ieri Sette giorni
2001 Primo Semestre 2001 (13 gennaio - 8 giugno) 938 3904
2001 Dati Annuali 2001 (13 gennaio - 14 dicembre) 961 3968
2002 Primo Semestre 2002 (12 gennaio - 14 giugno) 1005 4148
2002 Secondo Semestre 2002 (14 Sett. - 20 Dic.) 1142 4362
2003 Primo Semestre 2003 (11 gennaio - 13 giugno) 1152 4131
2003 Secondo Semestre 2003 (13 Sett. - 19 Dic.) 1154 4135
2004 Primo Semestre 2004 (10 gennaio - 11 giugno) 1228 4688
2004 Secondo Semestre 2004 (11 Sett. - 17 Dic.) 1346 5463
2005 Primo Semestre 2005 (15 gennaio - 10 giugno) 1286 5544
2005 Secondo Semestre 2005 (10 settembre – 16 dicembre) 1444 5769
2006 Primo Semestre 2006 (14 gennaio – 9 giugno) 1477 6020
2006 Secondo Semestre 2006 (9 settembre – 15 dicembre) 1988 7154
2007 Primo Semestre 2007 (13 gennaio – 15 giugno) 2341 7383
2007 Secondo Semestre 2007( 8 settembre – 14 dicembre) 2384 7605
2008 Primo Semestre 2008 (12 gennaio – 23 giugno) 2246 7348
2008 Secondo Semestre 2008 (6 settembre – 12 dicembre) 2291 7369
2009 Primo Semestre 2009 (10 gennaio - 10 giugno) 2231 7152
2009 Secondo Semestre 2009 (13 giugno - 18 dicembre) 2360 7470
2009 Dati Annuali 2009 2290 7291

I loghi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Radio Monitor di Gfk Eurisko relativi al primo semestre 2014.
  2. ^ Articolo Gazzetta, 2007. URL consultato il 16.04.2009.
  3. ^ I premiati, 2008. URL consultato il 04.04.2009.
  4. ^ Comunicato stampa Mondadori. URL consultato il 16.04.2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

napoli Portale Napoli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di napoli