Radio Millennium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Radio Millennium
PaeseItalia Italia
Linguaitaliano
Data di lancio1º gennaio 2000
EditoreELITE S.r.l
MottoResta in testa
Sito webwww.radioglobo.it
Diffusione
Terrestre
AnalogicoFM, in Italia e Svizzera
DigitaleDAB+, in Italia (Lombardia)
Streaming web
Internetradiomillennium.it/

Radio Millennium è un'emittente radiofonica privata italiana con sede a Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Radio Millennium nasce esattamente il 1º gennaio 2000 a Busto Arsizio, dalle ceneri di Radio Studio 5, acquisita precedentemente dalla società ELITE Audioproduzioni, società di Andrea Ronchi.[1]

Programmi in onda[modifica | modifica wikitesto]

Programma Giorni e orari Conduttore
Uno sveglio alle 7 dal lunedì al venerdì dalle 07.00 alle 09.00 Andrea Dani
La Mattina di Millennium dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 12.00 Marco Bussolati
Social Club dal lunedì al venerdì dalle 14.00 alle 17.00 Simone Brivio
Best In Town dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 19.00 Alberto Zanni
Power '90 dal lunedì al venerdì dalle 19.00 alle 20.00 Matteo Crema
MilleNewHits sabato dalle 10.00 alle 10.30 Simone Brivio
domenica dalle 17.00 alle 17.30
Main Zone sabato dalle 22.00 alle 23.00 Manuela Doriani
Mixlennium sabato dalle 23.00 alle 00.00 Matteo Crema
My House sabato dalle 00.00 alle 01.00 Simone Chiavistelli

Conduttori[modifica | modifica wikitesto]

Attuali[modifica | modifica wikitesto]

Elenco aggiornato al 20 maggio 2021[2]

  • Andrea Dani
  • Alberto Zanni
  • Simone Brivio
  • Matteo Crema
  • Simone Chiavistelli
  • Marco Bussolati
  • Marcello Moronesi
  • Manuela Doriani

Passati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massimo Emanuelli, Radio Millennium, su 📻 Storiaradiotv 🎙️, 11 ottobre 2017. URL consultato il 20 maggio 2021.
  2. ^ Conduttori e Dj, su www.radiomillennium.it. URL consultato il 20 maggio 2021.
  3. ^ Filippo Grondona nuovo speaker di Radio Millennium, su Radiospeaker.it, 8 novembre 2016. URL consultato il 20 maggio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]