Antonio Gerardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Gerardi nel 2013.

Antonio Gerardi (Potenza, 8 marzo 1968) è un attore e conduttore radiofonico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato in ragioneria, esordisce come conduttore radiofonico in una radio locale di Potenza per poi approdare a Radionorba nel 1988. Nel 1993 viene ingaggiato da RTL 102.5, dove conduce per 7 anni "La Famiglia" (in precedenza noto come "Ed ecco a voi"), assieme a Luca Viscardi e Jennifer Pressman, e nel 1996 passa a Radio Kiss Kiss, dove conduce la trasmissione pomeridiana "Guaglione on air".

Nel 2003 diventa inviato del programma televisivo Le Iene. Nel 2007 esordisce come attore cinematografico nel film Il rabdomante e, successivamente, ottiene ruoli in molte pellicole tra cui Questo piccolo grande amore (2009), Basilicata coast to coast (2010), Qualunquemente (2011) e Diaz - Don't Clean Up This Blood (2012).

Per la televisione è apparso in Crimini, nell'episodio Mork e Mindy, in cui interpreta un agente di polizia, e Romanzo criminale, nei panni de Il Sardo. Ha preso parte alle fiction La nuova squadra - Spaccanapoli (2011) e Paolo Borsellino - I 57 giorni (2012), rispettivamente nei ruoli del boss "Michele Malinconico" e del pentito Gaspare Mutolo.

Dal 2010 al 2011 è la voce del cane Golia nel programma televisivo Focus Uno.

Nel 2015 fa parte del cast de 1992, nel ruolo di Antonio Di Pietro, e Sotto copertura, in cui recita nei panni di un poliziotto.

Nel 2016 conduce su RTL 102.5 "Miseria e nobiltà weekend", insieme a Sara Ventura e Rajae Bezzaz e, nello stesso anno, interpreta l'agente segreto Bruno Contrada in Boris Giuliano - Un poliziotto a Palermo.

Nel 2017 prende parte alla nuova fiction di Rai 2 La porta rossa, in cui interpreta il vice-questore Stefano Rambelli.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN304416143 · BNF: (FRcb166903341 (data)