Duronia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Duronia
comune
Duronia – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Molise-Stemma.svg Molise
Provincia Provincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
Sindaco Michelino D'Amico (lista civica) dal 7-5-2012
Territorio
Coordinate 41°40′N 14°28′E / 41.666667°N 14.466667°E41.666667; 14.466667 (Duronia)Coordinate: 41°40′N 14°28′E / 41.666667°N 14.466667°E41.666667; 14.466667 (Duronia)
Altitudine 918 m s.l.m.
Superficie 22,47 km²
Abitanti 424[1] (31-12-2014)
Densità 18,87 ab./km²
Frazioni Casalotto, Casale, Madonnella, San Ianni
Comuni confinanti Bagnoli del Trigno (IS), Civitanova del Sannio (IS), Frosolone (IS), Molise, Pietracupa, Torella del Sannio
Altre informazioni
Cod. postale 86020
Prefisso 0874
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 070022
Cod. catastale C772
Targa CB
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti duroniesi
Patrono san Rocco
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Duronia
Duronia
Duronia – Mappa
Posizione del comune di Duronia nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale

Duronia è un comune italiano di 424 abitanti della provincia di Campobasso in Molise.

Il paese[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale centro di Duronia arroccato su una roccia, sorge sull'antico tratturo LuceraCastel di Sangro a 918 m s.l.m. e con superficie di 22,24 km². Confina con Torella, Molise, Frosolone, Civitanova del Sannio, Bagnoli del Trigno, Pietracupa.

Il suo agro è stupendo: è disseminato di costruzioni rurali, alcune ancora in attività, altre oramai abbandonate ma ancora denotanti le tipiche caratteristiche delle dimore rurali della fine Ottocento - inizio Novecento. Il centro abitato conserva nel nucleo più antico caratteristiche prettamente medievali. Paese di emigrazione, in cento anni ha perso 2000 abitanti partiti per il lavoro all'estero. È passato da 2600 abitanti a circa 600 attuali. Il paese ha risentito le conseguenze dell'emigrazione, sia a livello degli affetti sia a livello strutturale, con il fenomeno del degrado del patrimonio edilizio e l'abbandono delle terre.

Duronia si rianima d'estate, allorché si festeggia San Rocco e vengono organizzate vivaci sagre paesane. Sui tratturi, a Duronia, a Chiauci, a Civitanova sono ancora visibili i resti di rocche sannitiche, che esercitano un grande fascino sui visitatori. A ricordo delle spedizioni stagionali della transumanza si organizzano, ogni anno, passeggiate a piedi sui percorsi fratturali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome antico del Comune era Civitavecchia, e cioè “Civile veteris” nel secolo XIV – “Civitatis vetule” nel latino curiale – “Civitavetula” nel secolo XVI. Fra il 1755 e il 1760, quando furono scoperte nel suo agro pregevoli tombe, e non poche iscrizioni lapidarie e monete attestanti la remota preesistenza di un cospicuo centro urbano, si confermò nei cultori di patrie memorie il convincimento che ivi sorgesse la “Duronia” dei Sanniti, che Livio dice espugnata dal console Lucio Papirio Cursore, console romano, nell'anno di Roma 459 (293 a.C.).

E perché sarebbe stata proprio Duronia e non altra delle tante città sannitiche, delle quali invano le tracce e le venerande reliquie? Il motivo fu che l'agro del Comune è percorso dal torrente Durone, nel cui nome parve ravvisarsi la ricordanza e quasi l'eco perpetuata del nome dell'antica città. Il Garucci era di opinione che il presente abitato fosse invece l'erede del superbo “Bovianum vetus”, come Pietrabbondante di “Aquilonia”, dalla milizia linteata. Sennonché, per le reliquie tornate alla luce, e per il Durone il cui nome pur qualcosa ha da ricordare, il consiglio comunale chiese, nel 1875, ottenendolo, il permesso di mutare il nome di Civitavecchia per quello di Duronia, per effetto del quale il piccolo comune molisano ha raggiunto il duplice scopo di rivendicare un'agnazione che l'onora e di sopprimere l'omonimia di Civitavecchia laziale.

L'antico abitato è sulla vetta di un monte, le cui falde occidue hanno a saldo rinforzo i cosiddetti “Morconi di Lauro”, superbi ed eretti macigni alla cui sommità si adergono i “Morconi di S.Tommaso”, che fanno scolta alla chiesa parrocchiale. La memoria più remota che si abbia di Duronia n'è data da un diploma del 1270 col quale Carlo I d'Angiò assegnava la metà del feudo di Civitavecchia a Raimondo Cantelmo, figlio di Bertrando signore di Roccavivara. Questo diploma, naturalmente, non esclude che Duronia preesistesse fin dai tempi longobardi, se si tenga conto che esisteva la vicina Civitanova: la quale, evidentemente, venne così chiamata in contrapposto della Civitavecchia, il cui nome attesta di per sé l'entità più antica.

Nel 1276 il feudo, nella sua integrità, passò a Gentile della Posta, del quale fu successore il figlio Bartolomeo. Sul finire del regno di Carlo II d'Angiò, e cioè nei primordi del secolo XIV, era feudataria di Civitavecchia Isabella Filangerio, della mobilissima prosapia venuta nel Reame coi normanni, e che aveva preso il nome da Angerio (signore d'Angers) prode cavaliere crociato.

La famiglia Filangerio (Filii Angerii), poi Filangeri, chiarissima nel sacerdozio e nelle armi, e dalla quale uscì nei tempi recenti il sommo autore della “Scienza della Legislazione”, Gaetano Filangieri (1752-1788), godeva di nobiltà in Napoli nei seggi di Nido e Capuana, e conseguì nel 1444 l'abito di Malta. Nel 1307 Isabella Filangerio assegnò alla propria figlia Isabella, in dotario, la metà dei corpi feudali di Civitavecchia, in occasione delle sue nozze con Roffredo Filomarino di Napoli. Civitavecchia per questo motivo passò in dominio della chiara prosapia dei Filomarino, sorrentina di origine, che ascese in fastigio nel secolo XIII ed iscritta nel Seggio di Capuana. Dalla fine del secolo XIV fino alla metà del secolo successivo Civitavecchia fu pertinenza della Contea di Montavano, avendo per signori feudali gli stessi titolari che in questa si successero.

Nel 1450, alla morte di Francesco di Montavano, Civitavecchia venne data in feudo alla famiglia Piscitelli da Ferrante I d'Aragona. Questa famiglia, insieme a quella dei d'Alagno (d'Alagna), tenne in feudo Civitavecchia per un periodo ultra secolare. Nella prima metà del secolo XVII Civitavecchia divenne feudo dei della Marra, signori di Macchia d'Isernia. Ultima famiglia feudale, con possesso in data anteriore al 1648, fu quella dei D'Alessandro di Pescolanciano.

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Tra le tradizioni sono caratteristiche la festa del patrono San Rocco (16 agosto), e la fiera dell'Incoronata (ultimo sabato di aprile). Il 16 agosto hanno luogo le sagre “della pasta e fagioli” e dello “Scattone”. Il giorno 18 agosto viene festeggiata Santa Maria del Vasto presso l'omonima frazione.

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Piatto tipico di Duronia sono le “Laganelle”, tagliatelle fatte in casa con pasta all'uovo e lo "squattone", pasta con il vino.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Roccaforte Civita dei Sanniti (III secolo a.C.)[modifica | modifica wikitesto]

Ricordiamo tra le attrazioni naturali del paese l'imponente massiccio roccioso che porta il nome di Civita che presenta resti di fortificazioni sannitiche. Il massiccio sembra un arduo ed esteso pascolo con quattro creste che ne interrompono il profilo. Quelle creste si sprofondano nella valle opposta determinando burroni; sono le vette dei “morconi” che dalla valle s'innalzano per più di duecento metri e anticamente rendevano inaccessibile “Civita” da attacchi esterni. Ma la “Civita” non era inviolabile dalle altre parti, e queste, vennero rafforzate da una cinta muraria della quale sopravvivono poderosi ma frammentari resti nelle falde settentrionale ed orientale del colossale macigno. Dall'alto di Civita è possibile osservare ad occhio nudo ventotto Comuni.

Borgo medievale di Civitavetula[modifica | modifica wikitesto]

Il centro, che nel medioevo era conosciuto come “Civitavetula”, conserva nel nucleo più antico le caratteristiche medievali. Sono riconoscibili, nonostante i rimaneggiamenti subiti, le robuste strutture del castello medievale. Monumento architettonico è la chiesa di San Nicola, antichissima e forse coeva dell'abitato del quale occupa la parte più elevata, fra le creste dei “morconi”, così da dominarlo per intero. Ormai chiusa al culto, è sorta probabilmente nello stesso periodo del castello. Restaurata nel 1886, è ad una sola navata e conserva la statua dell'Immacolata, di pregevole fattura. Dal 1441 è la croce in pietra nel centro del paese che denota caratteristiche simili a quella di Civitanova del Sannio.

Sito archeologico di Duronia[modifica | modifica wikitesto]

Una serie di ritrovamenti dimostrano l'antichità di Duronia: un recinto sannitico è stato localizzato in località Civita dove, peraltro, sono stati trovati anche alcuni reperti tombali. Altre tracce di fortificazioni sannitiche sono individuabili lungo il tratturo Lucera - Castel di Sangro, dove è localizzata anche la cascina del duca di Pescolanciano. I resti di una villa romana sono stati riportati alla luce in località Casaglivune. Altri reperti sannitici e romani sono stati rinvenuti nella località Vicende, Casale e San Basilio. In località "San Tommaso" sorge un santuario (rudere) circondato dall'alternarsi di rocce e vegetazione.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
25 giugno 1985 30 giugno 1990 Luigi Petracca Democrazia Cristiana Sindaco [2]
30 giugno 1990 1º aprile 1993 Luigi Petracca Democrazia Cristiana Sindaco [2]
1º aprile 1993 22 novembre 1993 Giuseppe Canale Comm. pref. [2]
22 novembre 1993 17 novembre 1997 Luigi Petracca Democrazia Cristiana Sindaco [2]
17 novembre 1997 26 giugno 2001 Luigi Petracca Partito Popolare Italiano Sindaco [2]
28 maggio 2002 9 dicembre 2003 Franco Adducchio lista civica Sindaco [2]
9 dicembre 2003 14 giugno 2004 Cesare De Rosa Comm. pref. [2]
14 giugno 2004 30 novembre 2006 Adelmo Berardo lista civica Sindaco [2]
28 maggio 2007 8 marzo 2012 Michelino D'amico lista civica Sindaco [2]
8 marzo 2012 12 aprile 2012 Scipione Lombardi Comm. pref. [2]
12 aprile 2012 7 maggio 2012 Lombardi Scipione Comm. straordinario [2]
7 maggio 2012 in carica Michelino D'amico Sindaco [2]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Duromolisina Calcio (squadra di calcio allestita con la partecipazione dei giovani di Molise). Milita nel campionato di calcio di III categoria. Lo sport è praticabile a Duronia nell'impianto del campo di calcio e del campo di tennis. Più distensivo, per il tempo libero, il gioco delle bocce reso possibile da due campi realizzati nell'abitato. I bambini possono usufruire di un idoneo parco giochi. Inoltre è presente una squadra di calcio a 5 che gioca in Serie C2, il Duronia Calcio a 5.

Disastro in West Virginia[modifica | modifica wikitesto]

Erano provenienti da Duronia alcuni dei lavoratori italiani scomparsi nel più grave disastro minerario che la storia degli Stati Uniti ricordi, avvenuto a Monongah, Virginia Occidentale venerdì 6 dicembre 1907 alle ore 10:28. Un boato terrificante travolge la tranquilla routine della cittadina. Le miniere n. 6 e n. 8, collegate tra loro, esplodono seppellendo sotto una coperta scura di carbone trecentosessantuno minatori compresi i giovanissimi "aiutanti", poco più che bambini. Delle vittime, centosettantuno erano italiani. Erano arrivati dall'Abruzzo, dal Molise, dalla Calabria, qualcuno da altre regioni, da piccoli paesi, alcuni come fossero capitati per caso a Monongah.[senza fonte]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Elio Germano, attore, nasce a Roma da una famiglia originaria di Duronia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l http://amministratori.interno.it/
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Molise Portale Molise: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Molise